Uomo con Ipod colpito da fulmine

Lug
2007
12

scritto da in New Technologies, Previsioni del Tempo

5 commenti

Attenzione a portare con sé l’Ipod sotto un temporale, potrebbe essere molto pericoloso. L’allarme arriva da un gruppo di medici di Vancouver, in Canada, che hanno studiato il caso di un uomo di 37 anni colpito da un fulmine mentre stava facendo jogging con il lettore portatile di file musicali. L’uomo è rimasto gravemente ferito dopo che il fulmine ha colpito l’Ipod propagandosi poi fino alle cuffie.

La vittima è rimasta bruciata sul petto, sul collo e sul viso, ha avuto la mandibola fratturata in quattro punti, la rottura dei timpani e le giunture della mascella spostate probabilmente a causa della contrazione muscolare provocata dalla corrente elettrica che, secondo i medici,  è corsa lungo i fili.

”Nonostante l’uso di un dispositivo come l’Ipod non aumenti necessariamente la possibilità di essere colpiti da un fulmine – affermano in una lettera al New England Journal of Medicine i medici Eric Heffernan, Peter Munk e Luck Louis del Vancouver General Hospital – nel caso in questione abbiamo accertato che il metallo a contatto col sudore
ha condotto la corrente alla testa del paziente”.

Il Servizio Meteorologico Nazionale canadese ha stimato che le possibilità che una persona sia colpita da un fulmine sono una su cinquemila. Molto basse, dunque: se però succede, la presenza di un’Ipod o di un qualsiasi altro tipo di auricolare non fa che esporre il soggetto a questo tipo di conseguenze.

A due anni di distanza, il jogger ha recuperato meno della metà del suo udito. “Va ancora a correre e si è comprato un nuovo Ipod. Ma lo lascia a casa quando esce a fare jogging”, ha concluso il dottor Heffernan. Che ha specificato che, ovviamente, “non sono soltanto le cuffiette degli Ipod a costituire un potenziale rischio, ma anche quelle di qualsiasi altro apparecchio”.

(articolo tratto da TGCOM)

5 commenti

  1. clarita
  2. Max

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento