Archivio per settembre 2007 | Pagina di archivio mensile

scritto da in C'è Vita a Matera, Cose Serie, Nostalgia del passato

Nessun commento

(titolo tradotto da Stefania Mele, testo tratto da TRM

 

Il lavoro “Voci di Sassi“, di Antonio D’Ercole, che contiene oltre cinquemila vocaboli in dialetto materano, è stato pubblicato sul sito web dell’ Università della Calabria a servizio di studenti e studiosi del Centro di Lessicologia e Toponomastica dell’ateneo.

La pubblicazione è stata apprezzata dal professor John B. Trumper, decano della facoltà di Lettere e Filosofia dell’Unical, nonché responsabile scientifico e capo area discipline linguistiche. Per trovare qualcosa di analogo occorre tornare al 1924 quando ad opera dell’insegnante Franco Rivelli venne realizzato il primo dizionario materano che conteneva soltanto 1700 vocaboli.

Il professor Trumper ha definito D’Ercole lo “Zingarelli del vernacolo materano” incoraggiandolo a continuare l’interessante attività di ricerca linguistica. “Voci di Sassi“, riporta anche storie e consuetudini della vita dei Sassi e in allegato anche un audio cd, che consente di apprezzare suoni e cadenze del dialetto materano.

Per scaricare il dizionario e mbarè u matarras, clicca qua.

scritto da in Cose Serie

11 commenti

Ho ricevuto un’email con il seguente testo. Credo che sia utile il passaparola. Perciò la posto sul mio blog:

COME RICONOSCERE UN ATTACCO CARDIACO 

Durante una grigliata Federica cade. Le si offre di chiamare l’ambulanza ma rialzandosi dice di essere inciampata con le scarpe nuove in una pietra.
Siccome era pallida e tremante la si aiutò a rialzarsi, si diede una mano a pulirsi e le si
diede un piatto nuovo.

Federica trascorse il resto della serata serena ed in allegria. Il marito di Federica mi telefona la sera stessa che ha portato sua moglie in ospedale.
Verso le 23.00 mi richiama e mi dice che Federica è deceduta.

Federica ha avuto un attacco cardiaco durante la grigliata. Se gli amici avessero saputo
riconoscere i segni di un attacco cardiaco, Federica sarebbe ancora viva.

La maggior parte delle persone non muoiono immediatamente, restano bisognosi d’aiuto in una situazione disperata.

Basta 1 minuto per leggere il seguito:

Un neurologo sostiene che se si riesce ad intervenire entro tre ore dall’attacco si può
facilmente porvi rimedio ed evitarne le conseguenze.  Il trucco è riconoscere per tempo
l’attacco cardiaco, riuscire a diagnosticarlo e portare il paziente entro tre ore in terapia; cosa che non è facile.

Nei prossimi 4 punti vi è il segreto per riconoscere se qualcuno ha avuto un attacco di cuore:

  1. Chiedete alla persona di sorridere (non ce la farà);
  2. Chiedete alla persona di pronunciare una frase completa (esempio: oggi è una bella giornata); se non ce la fa è sotto attacco;
  3. Chiedete alla persona di alzare le braccia (non ce la farà o ci riuscirà solo parzialmente);
  4. Chiedete al paziente di mostrarvi la lingua. (se la lingua sembra ingrandita o la
    muove solo lateralmente è anche questo un segno di chi è colpito da attacco cardiaco).

Nel caso si verifichino uno o più dei sovra citati punti chiamate immediatamente il pronto
soccorso e descrivete i sintomi della persona per telefono.

Please, se è falso ciò che è scritto il questo post, contattatemi, così lo elimino prontamente.

UndiciSettembre

Set
2007
11

scritto da in Nostalgia del passato, Politica 2.0, Questa è la mia Vita

6 commenti

Esattamente 6 anni fa, ero appena tornata a casa dopo la seduta dal dentista… Mia madre stava stirando… Faceva caldo e c’era il sole… Ero una studentessa universitaria di 19 anni… Mi ricordo che stavo preparando gli esami di ragioneria I e di diritto privato (che poi ho dato a dicembre).

Accendo la TV e vedo l’orrore: pochi minuti prima un aereo aveva avuto una forte collisione con una Twin Tower a New York, USA. Poco dopo un altro aereo si sarebbe abbattuto sull’altra torre e, dopo ancora, entrambe le torri sarebbero collassate a terra. Migliaia i morti. Sono rimasta incollata tutto il pomeriggio al televisore. Non ho studiato per alcuni giorni.

L’11 settembre 2001 la nostra storia è entrata in una nuova fase.

Il post Rabdomante

Set
2007
10

scritto da in C'è Vita a Matera, Cinema & TV

5 commenti

Venerdì 7 settembre, come vi ho già annunciato, è uscito nelle sale “Il Rabdomante” (le foto le ho tratte dal suo sito).
Ieri, finalmente, ho avuto il piacere di vederlo… 

Vi devo dire la verità: non mi aspettavo proprio di trovare un film così carico di emozioni, così capace di trasmetterle ai suoi spettatori, di incollarli allo schermo e alla poltrona…

Vi devo dire la verità: sono arrivata al cinema con la curiosità di vedere un film sulla mia terra, fatto, per la maggior parte, da gente del posto… Mi aspettavo un film carino, soprattutto con una bellissima scenografia…

Invece… sono stata travolta da un fiume di sentimenti, da un Pascal Zullino bravissimo e carismatico, da una dolcissima Andrea Osvart e dalla meraviglia della mia Matera.

Bravi, bravissimi, complimenti!!! Sono entusiasta!! Andrei a rivederlo altre 1000 volte…

Complimenti al regista Fabrizio Cattani per la magnifica direzione delle scene!
Complimenti a Felice, alias Pascal Zullino, per aver interpretato così “veramente” il suo difficilissimo personaggio!
Complimenti alla trouppe, agli organizzatori, ai produttori e grazie per aver reso, ancora una volta, protagonista sui grandi schermi la mia amata città!