Attenzione alle banconote false!

Nov
2007
08

scritto da in C'è Vita a Matera

2 commenti

Mi è giunta voce di un’invasione di banconote false, in particolare i tagli da € 50 e da € 100, nella mia città (Matera). Credo che questo problema non riguardi solo il mio territorio, ma l’intera nazione italiana. Così ho deciso di creare questo post con tutte le indicazioni per verificare che le banconote in nostro possesso siano vere ed autentiche.

Ho deciso di riportare la fonte più autorevole in materia: il sito dell’Arma dei Carabinieri che dedica una pagina alla lotta contro la falsificazione del denaro. Ne ho estrapolato una parte:

COME RICONOSCERE LE BANCONOTE AUTENTICHE

Le banconote Euro sono caratterizzate da molteplici elementi di sicurezza. Per riconoscere immediatamente la loro genuinità è consigliabile attenersi a quattro regole base: toccare, guardare, muovere, controllare. E’ importante verificare tutte le caratteristiche di sicurezza confontando, eventualmente, la banconota sospetta con un’altra di pari valore e sicuramente genuina.

-Toccare-
Banconota da venti euro.La stampa calcografica (particolare tipo di stampa a rilievo) è presente in diverse aree delle banconote genuine (acronimo della Banca centrale europea nelle cinque lingue ufficiali della Comunità Europea, cifre indicanti il valore nominale delle banconote e motivi architettonici delle finestre e dei portali) ed è facilmente percepibile al tatto grazie al suo caratteristico effetto di rilievo. Inoltre, lungo i bordi delle banconote da 200 € e 500 € sono stati inseriti speciali elementi tattili ideati per i non vedenti.

Banconota da duecento euro Banconota da cinquecento euro

-Guardare-
Tenendo la banconota controluce è possibile vedere:

  1. registro recto-verso;

  2. filigrana;

  3. filo di sicurezza microscritto.

Recto di una banconota da 100 Euro

-Muovere-
Per i piccoli tagli, sul fronte (recto) della banconota è presente una striscia olografica. Muovendo la banconota è possibile osservare alternativamente il simbolo dell’euro (€) in colori brillanti o il valore nominale (5, 10, 20).

 Recto di banconote di piccolo taglio.

Sul retro (verso) della banconota è presente una striscia iridescente. Muovendo il biglietto, la striscia brilla per effetto della luce.

Recto di banconote di piccolo taglio.

Per i tagli grandi, sul fronte (recto) della banconota è presente una placchetta olografica. Muovendo la banconota è possibile osservare alternativamente le cifre indicanti il valore nominale (50, 100, 200, 500), il motivo architettonico riprodotto sul biglietto o il simbolo dell’euro (€).

Recto di banconote da cinquanta, cento, duecento e cinquecento euro. 

Sul retro (verso) della banconota è stato utilizzato un inchiostro otticamente variabile (Optically variable ink). Le cifre indicanti il valore nominale (50-100-200-500).

Verso di banconote da cinquanta, cento, duecento e cinquecento euro.

2 commenti

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento