16^ giornata FAI di Primavera

Apr
2008
07

scritto da in C'è Vita a Matera, Cose Serie, Nostalgia del passato, Questa è la mia Vita

5 commenti

Sabato 5 aprile e ieri 6 aprile ben 550 beni culturali sono stati aperti al pubblico in 240 città italiane, in esclusiva per la 16^ giornata di primavera organizzata dal FAI (Fondo per l’Ambiente Italiano). Tra queste città c’è stata anche Matera che ha aperto al pubblico, solo per questi 2 giorni, l’acquedotto del Castello e il Palombaro Lungo e ha offerto anche la visita al Palombaro della Fontana, che in verità è aperto al pubblico poichè in esso vi è un bar-ristorante molto ma molto caratteristico (con mini-golf e golf virtuale inclusi), la 19esima Buca. Il tutto al costo di €2. Potevamo mancare? No!

Il Palombaro lungo L'Acquedotto del Castello di Matera

L’acquedotto del Castello di Matera è stato aperto al pubblico per la prima volta. Matera è una città ricca di fonti idriche e si è sempre creata la necessità di convogliare l’acqua in grandi cisterne per poter essere utilizzata. Così “gli antichi” hanno costruito una fitta rete di cunicoli che avevano proprio questo scopo. Un esempio è proprio l’acquedotto del Castello. Un esempio di cisterna invece è il Palombaro Lungo che raccoglieva le acque piovane e alimentava i pozzi della zona. Ho girato un paio di filmatini esemplificativi, così se siete curiosi e volete farvi un’idea:

[tags]matera, fai, palombaro, acquedotto, castello, beni culturali, primavera[/tags]

Tags: , , , , , ,

5 commenti

  1. Stefania

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento