Il risveglio dalla notte dei corti viventi 3

Apr
2008
30

scritto da in C'è Vita a Matera, Cinema & TV, Cose Serie, Questa è la mia Vita

21 commenti

La notte dei corti viventi 3 è finita. Il risveglio è stato decisamente piacevole. Mi ci voleva proprio una serata tutta relax e risate, anche se avevo ancora il cuore a mille causa preparativi materacamp. Però mi ha fatto proprio bene.

Innanzitutto grazie ancora a Gianni e Francesco, organizzatori della serata, per aver offerto a me e al mio principe azzurro 2 biglietti e relative 2 poltrone per goderci lo spettacolo…

Siete ansiosi di leggere un mio resoconto della serata (o nottata)? Here it is. L’anno scorso avevo individuato qualche errore nei corti girati. Quest’anno devo dire che non ce ne sono. Unico accorgimento. Da fashion victim sfegatata ho notato che il direttore artistico, nonchè regista, nonchè attore, Antonio Andrisani indossa lo stesso maglione viola nella pubblicità della rassegna e nell’ultimo corto/puntata zero “L’Ascensore“. Poichè si tratta di un maglione viola, colore notevolmente di non buonissimo auspicio nel mondo dello spettacolo, che gli porti fortuna? O vuol fare il fashionist perchè il viola è di moda? Cmq ci sono anche altri colori alla moda, eh! A proposito di “L’Ascensore”, mi piace molto come sit-com. E’ tipo “Camera Cafè” solo che è girato non davanti alla macchina del caffè aziendale ma dentro un ascensore condominiale. Bell’idea! Eppoi Joseph Paradise fa la sua gran figura 🙂

Degno di nota il corto “Discarica 1 – Rifiuti corporali is good?“, di Dario Carmentano, presentato alla biennale di Londra. Complimenti a chi lo ha girato… molto coraggioso. Perchè? La trama del “corto” è un uomo che si cala i pantaloni e si siede sul wc. Per ingannare “l’attesa” legge un giornale e si scaccola. Le formiche trovano le sue caccole sul pavimento e ne fanno banchetto. L’ideatore poteva rendere un pò + 2.0 il corto sostituendo il giornale, molto 1.0, con un bel portatile: credo che molta gente lo utilizzi sulla “tazza”.

Complimenti anche a Francesco Foschino, registra de “La città delle stelle“, montaggio dei provinanti del film “Lo Stallo” (grazie x non avermi inserita): è riuscito a cogliere il meglio (o il peggio) di ognuno… la sala era piegata in due dalle risate vedendo alcuni personaggi 🙂

Il corto che mi ha più emozionato è stato “Immobile con le ali” di Luca Acito: una carrellata di foto tratte dal concorso Architettura nel Mondo indetto da Viaggi di Architettura in cui l’unico elemento mobile è un uccellino che vola nei cieli delle foto. Davvero poetico. Spero di trovarlo su YouTube per poterlo condividere con tutti voi! Eccolo qua:

Complimenti a tutti gli attori e a tutti i registi e un saluto particolare ad un mio lettore/commentatore: Pascal Zullino protagonista (spettacolare) del corto “Il Gobbo“.

Alla prossima notte!!

[tags]notte dei corti viventi, cortometraggi, cinema, matera, egghia[/tags]

Tags: , , , ,

21 commenti

  1. BLUMWHUD
  2. BLUMWHUD
  3. BLUMWHUD
  4. BLUMWHUD
  5. vale
  6. mary
  7. mary
  8. mary
  9. mary
  10. mary

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento