La signora dei funerali

Feb
2009
16

scritto da in Letture & Romanzi

2 commenti

Avevo già letto qualche recensione non proprio positivissima sul romanzo La signora dei funerali, scritto da Madeleine Wickham, vero nome di Sophie Kinsella. Ma, poichè la Kinsella è sempre la Kinsella, ero comunque curiosa di darci una lettura.

Questo libro è il primo romanzo della nota scrittrice inglese, è stato infatti scritto alla fine degli anni ’90. E si vede che l’autrice non era ancora matura per scrivere un libro tutto shopping e firme:

Fleur Daxeny è bella e affascinante, ma soprattutto è una donna senza scrupoli. Fornita di uno straordinario guardaroba di eleganti abiti neri, dopo aver letto i necrologi sul “Times”, Fleur si imbuca ai funerali e alle commemorazioni dei ricchi puntando a conquistare i vedovi inconsolabili. Dopo averli sedotti e soprattutto dopo aver messo mano alle loro carte di credito, e tutto questo con recalcitrante figlia al seguito, Fleur scompare senza lasciare tracce fino all’incontro con una nuova vittima ignara. Questo giochetto le riesce più volte fino al giorno in cui la donna incontra il noioso e prevedibile Richard Favour, alla commemorazione dell’amata moglie. Ancora una volta, da vera professionista, Fleur riesce a far breccia nel cuore del vulnerabile vedovo, ma le cose non vanno esattamente come lei aveva previsto…

Poco shopping, una storia di amore non trattata come si deve in un romanzo chick lit, una trama abbastanza originale ma molto prevedibile nel finale… io, che sono una che quando viene attratta da una storia la legge in pochissimo tempo, ho letto un paio di capitoli al giorno e ho finito il libro in 10 giorni (considerando che è di solo 300 pagine, circa, ci ho messo un bel pò – secondo i miei ritmi di lettura). La lettura comunque scorre agevolmente ed è abbastanza veloce.

Dunque, se vi aspettate un libro stile Kinsella, scordatevelo… Questo è un altro mondo!

Tags: , , , ,

2 commenti

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento