Archivio per giugno 2009 | Pagina di archivio mensile

27 anni!

Giu
2009
13

scritto da in Momenti di Festa, Questa è la mia Vita

10 commenti

Il giorno è giunto. Da oggi non ho più 26 anni. Devo aggiornare tutti i miei profili. Ho 27 anni. Glielo dite voi a mia madre che sono ancora più vicina ai 30 che ai 20? No, perchè, lei mi parla di mie coetanee riferendosi alle 21enni. Io invece sto diventando vecchia. Ho 27 anni, capito?

Un tempo si avevano già 3 figli a 27 anni. Oggi a 27 anni si ha solo un lavoro precario (e spesso siamo anche fortunati ad averlo precario perchè c’è chi non ce l’ha proprio)… Meno male che ho la fortuna di avere i miei genitori vicini, un fidanzato fantastico che quest’anno sarà con me a festeggiare e non a 3000 km di distanza come lo scorso compleanno e tanti amici vecchi e nuovi che non mi fanno sentire mai sola…

brindoconpapi

Allora, TANTI AUGURI A MEEEEEEEEEEEE!!!!

scritto da in Cose Serie, Fashion & Trends, Questa è la mia Vita

Nessun commento

Lo so che è un pò prematuro parlarne, ma forse no… sta di fatto che qualche giorno fa sono stata al controllo periodico dei miei “dannati” nei e così con la dermatologa abbiamo rifatto il punto della situazione su come abbronzarsi meglio, cioè facendo correre meno rischi alla nostra pelle.


(chissà quando potrò abbandonarmi ad un bellissimo bagno in mare…)

Ragazzi, l’abbronzatura è bella quanto volete, ma non bisogna esagerare perchè potremmo… non salvarci la pelle

Cosa fare allora per correre meno rischi?

  1. Usa sempre una crema/lozione con fattore di protezione medio/alto. E questo vale per tutti, dai più bianchicci ai moretti. La crema con fattore di protezione medio/alto non solo protegge la pelle dalle scottature e dagli eritemi (vedi dopo) ma ritarda l’invecchiamento della pelle. Quindi se ci tieni a non arrivare a 50 anni incartapecorita e con macchie varie, pensaci su;
  2. Evita di diventare rosso perchè quello è il momento più “pericoloso” per la pelle. L’ideale è un’abbronzatura graduale, dal bianco al dorato al nero (per chi può). Ovviamente per evitare l’effetto aragosta è utile usare una crema con fattore di protezione medio/alto. Io che sono bianchissima uso la protezione 30 e mi abbronzo ugualmente;
  3. Evita di esporti a sole nelle ore più calde della giornata. L’ideale sarebbe prenderlo nelle prime ore del mattino e nel tardo pomeriggio, evitando l’intervallo 11.00 – 16.00;
  4. Evita di esporti al sole per molto tempo. Bisogna esporsi gradatamente: il primo giorno 15 minuti, il secondo 25 e così via;
  5. Ripeti l’applicazione della crema protettiva dopo bagni e docce;
  6. Usa un buon prodotto doposole per mantenere la pelle idratata ed elastica;
  7. Ricorda che anche sotto l’ombrellone ti abbronzi.

Buon bagno di sole a tutti, allora!!

scritto da in Il mondo della Pubblicità, New Technologies

9 commenti

In vista dell’estate ormai imminente, la Promodigital mi ha proposto di provare uno degli strumenti più indispensabili per noi donne, il Silk-èpil Xpressive, che, in quest’ultima release (lo so che non è un software, ma release mi piaceva tanto) è senza fili e si può usare anche in acqua.

Per ovvi motivi di buon gusto, non starò qui a postare foto della sottoscritta mentre si depila, insomma, non sarebbe un belvedere. Ma, eccolo qua, lo strumento estirpa peli in discussione:

Il Silk-èpil Xpressive si presenta in una originale confezione insieme a:

  • testina epilatrice
  • sistema massaggiante
  • accessorio efficiency
  • cappuccio zone sensibili
  • cappuccio di precisione
  • testina rasoio
  • accessorio optitrim
  • spazzolino
  • cavo elettrico
  • salviette pre-epilazione (per ammorbidire la pelle)

Può essere quindi usato sia come epilatore che come rasoio. E può essere usato per tutto il corpo: oltre alle gambe (c’è di piùùùùùù….) anche per la zona bikini, sotto le ascelle e per il viso. || Read more

Twittami!

Giu
2009
10

scritto da in New Technologies, Web Area

Nessun commento

Se il 2008 è stato l’anno di Facebook, sta tranquillo che il 2009 sarà quello di Twitter:

Il fenomeno del momento è Twitter, piattaforma di microblogging creata da Jack Dorsey che permette di aggiornare la comunità sulla propria attività attraverso testi da 140 caratteri, i cosiddetti tweet, i cinguettii. Rispetto al 2008, Twitter è cresciuta del 3.712 per cento, raggiungendo un totale di 300mila minuti di visite. Il risultato è in parte spiegabile con le migliorie apportate recentemente al sistema che fino all’anno scorso era molto instabile. I dati di un’altra recente analisi, elaborata da ComScore , indicano che il numero di utenti cinguettanti nel mondo è cresciuto tra marzo e aprile all’impressionante ritmo di 13 milioni di nuovi utenti al mese, passando da 17 a 32 milioni. (via Corriere.it)

Come per FB, anche Twitter è circondato da una serie di utili tool che ne migliorano l’uso. Uno di questi è appena stato pubblicato in versione beta e si chiama Twittami!

Capire cosa piace al pubblico di internet è molto importante, vuol dire conoscere i trend, cosa piace.
Sapere quali link sono “retwittati” ( che significa pubblicati su Twitter ) dai twitter, che come i blogger sono molto critici, equivale a sapere quali link sono piaciuti e quindi molto probabilmente di qualità.

Twitter è un potenziale strumento virale, bisogna quindi sfruttarlo.
Pubblicare un link su Twitter significa che in media più di 100 persone, i tuoi followers ( coloro che seguono i tuoi aggiornamenti di stato ) vedranno il tuo link pubblicato.
Aggiungendo sul tuo sito/blog il badge di Twittami, aumenti la possibilità che il tuo link sia pubblicato da qualche tuo lettore su Twitter, così i suoi 100 followers vedranno il suo link, visiteranno il link e se anche a loro piace, re-pubblicheranno il tuo link e per ognuno di loro altre 100 persone visiteranno il tuo link, rendendo il tuo contenuto virale.

Facile, no? Aggiungi anche tu il badge di Twittami sul tuo blog e aumenta la visibilità dei tuoi contenuti. Grazie a Nicola Grieco che ha inventato e sviluppato questo plug-in, i contenuti di Clarita, e di tanti altri siti, saranno ancora più diffusi in modo virale… 🙂