Archivio per ottobre 2009 | Pagina di archivio mensile

LinuxDay 2009

Ott
2009
21

scritto da in C'è Vita a Matera, New Technologies

2 commenti

Sabato 24 ottobre 2009, anche a Matera sarà “festeggiato” il LinuxDay 2009 che è una manifestazione nazionale, articolata in eventi locali, che ha lo scopo di promuovere Linux e il software libero.

Qui da noi la giornata è organizzata da Associazione Loe Bottega del Mondo, Agesci, Associazione Strane Nuove e FIDAS. L’appuntamento è alle ore 17.00 presso la Bottega del commercio equo in Via delle Beccherie, 63 a Matera (ecco il programma completo dell’intero pomeriggio). I seminari realizzati dai partecipanti, dalla durata di 15 – 20 minuti l’uno, inizieranno alle 18:00 e verteranno su:

  1. Aspetti di sicurezza dei sistemi GNU/Linux a cura di Francesco Silvestri
  2. Presentazione di una distro Live dedicata all’Analisi dei dati ambientali, a cura di Massimo Di Stefano
  3. Il Software Geografico Libero: Individuazione dei Rischi di Inondazione, a cura di Margherita Di Leo
  4. Avvicinarsi a Linux: installazione di Ubuntu in abbinamento a Windows mediante WUBI e, nel tempo morto dell’installazione
  5. Linux nelle Pubbliche amministrazioni: esempi pratici di risparmio, Linux come strumento di riscatto e crescita nel Terzo Mondo, a cura di Angelo Giordano
  6. Contemporaneamente, presso l’Accademia del Fumetto, a cura di Enzo Epifania, laboratorio sulla grafica con The Gimp

Il termine della manifestazione è previsto per le ore 21:00.

Partecipare non costa nulla. Basta iscriversi al sito dedicato all’evento e presentarsi all’appuntamento.

Io, purtroppo, sarò fuori Matera e non potrò esserci. 🙁

scritto da in Fashion & Trends

6 commenti

Ho trovato questo video su Youtube dedicato alle donne “a clessidra” cioè con seno “abbondante” (da una buona terza in su), punto vista stretto e fianchi larghi. Personalmente mi ci vedo molto in questo “prototipo”.

Come si dovrebbe vestire una donna “a clessidra”? Cosa dovrebbe evitare? Scopriamolo in questo video:

Mi sembrano dei buoni consigli per esaltare la nostra femminilità senza sacrificare le nostre amate/odiate curve, non trovi?

scritto da in Cinema & TV, Il mondo della Pubblicità

2 commenti

Mi è caduto un mito: ho scoperto il segreto di Topo Gigio! Non è un topo-pupazzo vero ma ci sono ben 4 mani che lo muovono! Visto che ormai siamo in uno spettacolo continuo, guardate cos’ha combinato durante la presentazione della campagna pubblicitaria contro l’Influenza A presso, niente poco di meno che, il Ministero della Sanità:

Per chi non avesse visto le 5 regole per non beccarsi l’influenza del nostro Topo in TV:

Ci sono domande? (cit.)

Comunque ci avrei visto meglio i 3 porcellini in questa campagna. O sarebbero stati troppo banali?

P.S.: spero che sia stato adeguatamente colto lo spirito ironico di questo post.

scritto da in Clarita in Cucina

7 commenti

Oggi vorrei dedicare il mio post culinario domenicale ad una pietanza che mangiavo spesso da piccola a casa di mia nonna e mi piaceva molto. E’ la focaccia Santa Lucia che differisce dalla “normale” focaccia poichè contiene una percentuale di patate nell’impasto.

La preparazione è praticamente uguale a quella della focaccia “normale” in più vanno aggiunte le patate lessate e schiacciate. Vediamo come si fa.

INGREDIENTI:
250 gr di farina 0 (per panificazione)
250 gr di patate
1 uovo
100 gr di olio extravergine di oliva
1 cubetto di lievito di birra
sale, origano e pomodorini q.b.

PREPARAZIONE:
Lessare le patate, spellarle e schiacciarle con lo schiaccia patate o con la forchetta. Versare sulla spianatoia la farina, le patate schiacciate, l’uovo, il lievito sciolto nell’olio e il sale. Amalgamare bene il composto finchè è possibile farne una palla omogenea. Far lievitare l’impasto per più di un’ora. Stendere la pasta in una teglia precedentemente unta di olio e condirla con pomodorini ed origano. Ultimare il tutto con un filo di olio. Infornare in forno freddo e lasciar cuocere per 40 minuti a 200°C.

Se questa focaccia (come tutte) viene servita tiepida è la fine del mondo 🙂