Stayinme: il web 2.0 nell’elaborazione del lutto

Nov
2009
02

scritto da in Web Area

2 commenti

Quale giorno migliore per parlare del portale Stayinme di oggi 2 novembre, festa dei defunti? Ti stai chiedendo il perchè? Te lo spiego subito.

Stayinme è il social network, creato dalle lucane Isa Grassano e Lucrezia Argentiero, per chi ha il bisogno di “sentire ancora dentro di sé” la persona cara scomparsa. Il luogo per incontrare chi ha vissuto un distacco simile al nostro, confrontarsi, fare amicizia. Uno spazio per parlare anche dei nostri amici animali che non ci sono più. O anche di un personaggio famoso che ci ha lasciato. Fino ai disastri e alle tragedie nel mondo. La morte di un amico, di un parente, di un conoscente o anche di un vip, del resto, non conosce frontiere, genere, razza. E condividerla, sul web, soprattutto con altri utenti che non conosciamo ma che possono capirci perchè hanno vissuto un’esperienza simile, può aiutare a ritrovare un pò il sorriso. E allo stesso tempo può essere un modo per “chiedere” a chi non c’è più di “restare”. Stay in Me, appunto. Stayinme.com vuole essere anche un contenitore di ricordi, legati a chi abbiamo voluto bene.

L’invito è quello di creare un diario di emozioni, con pensieri, immagini e video, di esternare il proprio stato d’animo sul distacco di cui siamo stati protagonisti o comunque testimoni, o semplici spettatori. La condivisione del proprio dolore aiuta a superare le paure, le ansie. Aiuta a non sentirsi soli.

Insomma questo portale si propone come un ulteriore strumento di elaborazione del lutto, ovviamente in chiave 2.0. Permette di confrontarsi con altri utenti che hanno avuto o stanno avendo un’esperienza simile, trovando un’ulteriore spalla su cui sfogarsi e tante braccia confortanti da cui ricevere abbracci virtuali.

Tags: , , , ,

2 commenti

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento