Archivio per 2009 | Pagina di archivio annuale

scritto da in Cose Serie, Questa è la mia Vita

12 commenti

Questo è un post di risposta alla richiesta di aiuto della cara Placida Signora, sommersa dal cambio di stagione e bisognosa di consigli su come sistemarlo. Ma può essere di aiuto anche ad altre amiche “afflitte” da questa “problematica esistenziale”.

Non esiste un criterio per sistemare i propri indumenti negli armadi e nei comò. Ognuno ne ha uno. Più o meno. Io ne ho ideato uno che mi permette di risparmiare qualche minutino quando devo scegliere cosa indossare ogni giorno. Come ho organizzato il mio guardaroba?

Partiamo dall’armadio:

Ho creato una zona per i pantaloni, una per le gonne, una per le giacche, una per le camicie, una per i cardigan da appendere ed infine una per i vestiti. In ogni zona gli indumenti sono divisi per colori. Per esempio, per i pantaloni, ci sono prima tutti quelli neri, poi quelli grigi ed infine i jeans. Così per gli altri indumenti. Il vantaggio: se di mattina, appena sveglia, ho bisogno di un certo pantalone nero vado a colpo sicuro su dove trovarlo e non devo svuotare l’armadio inutilmente.

Vediamo uno dei cassetti in cui conservo i miei maglioni:

Anche qua vige il criterio dei colori. Ho ammucchiato i maglioni per colore tranne quelli più particolari, che utilizzo nelle occasioni speciali, che sono, invece, tutti in una zona. Quindi se voglio indossare un maglione viola so dove trovarlo (anche se questo cassetto contiene circa 20 maglioni).

Ora puoi darmi della maniaca dell’ordine. Mi sa tanto che ho fatto outing. Insulti per insulti, spero almeno di essere stata utile a qualcuno 🙂

LinuxDay 2009

Ott
2009
21

scritto da in C'è Vita a Matera, New Technologies

2 commenti

Sabato 24 ottobre 2009, anche a Matera sarà “festeggiato” il LinuxDay 2009 che è una manifestazione nazionale, articolata in eventi locali, che ha lo scopo di promuovere Linux e il software libero.

Qui da noi la giornata è organizzata da Associazione Loe Bottega del Mondo, Agesci, Associazione Strane Nuove e FIDAS. L’appuntamento è alle ore 17.00 presso la Bottega del commercio equo in Via delle Beccherie, 63 a Matera (ecco il programma completo dell’intero pomeriggio). I seminari realizzati dai partecipanti, dalla durata di 15 – 20 minuti l’uno, inizieranno alle 18:00 e verteranno su:

  1. Aspetti di sicurezza dei sistemi GNU/Linux a cura di Francesco Silvestri
  2. Presentazione di una distro Live dedicata all’Analisi dei dati ambientali, a cura di Massimo Di Stefano
  3. Il Software Geografico Libero: Individuazione dei Rischi di Inondazione, a cura di Margherita Di Leo
  4. Avvicinarsi a Linux: installazione di Ubuntu in abbinamento a Windows mediante WUBI e, nel tempo morto dell’installazione
  5. Linux nelle Pubbliche amministrazioni: esempi pratici di risparmio, Linux come strumento di riscatto e crescita nel Terzo Mondo, a cura di Angelo Giordano
  6. Contemporaneamente, presso l’Accademia del Fumetto, a cura di Enzo Epifania, laboratorio sulla grafica con The Gimp

Il termine della manifestazione è previsto per le ore 21:00.

Partecipare non costa nulla. Basta iscriversi al sito dedicato all’evento e presentarsi all’appuntamento.

Io, purtroppo, sarò fuori Matera e non potrò esserci. 🙁

scritto da in Fashion & Trends

6 commenti

Ho trovato questo video su Youtube dedicato alle donne “a clessidra” cioè con seno “abbondante” (da una buona terza in su), punto vista stretto e fianchi larghi. Personalmente mi ci vedo molto in questo “prototipo”.

Come si dovrebbe vestire una donna “a clessidra”? Cosa dovrebbe evitare? Scopriamolo in questo video:

Mi sembrano dei buoni consigli per esaltare la nostra femminilità senza sacrificare le nostre amate/odiate curve, non trovi?

scritto da in Cinema & TV, Il mondo della Pubblicità

2 commenti

Mi è caduto un mito: ho scoperto il segreto di Topo Gigio! Non è un topo-pupazzo vero ma ci sono ben 4 mani che lo muovono! Visto che ormai siamo in uno spettacolo continuo, guardate cos’ha combinato durante la presentazione della campagna pubblicitaria contro l’Influenza A presso, niente poco di meno che, il Ministero della Sanità:

Per chi non avesse visto le 5 regole per non beccarsi l’influenza del nostro Topo in TV:

Ci sono domande? (cit.)

Comunque ci avrei visto meglio i 3 porcellini in questa campagna. O sarebbero stati troppo banali?

P.S.: spero che sia stato adeguatamente colto lo spirito ironico di questo post.