Cosa fare e non fare in caso di matrimonio

Gen
2010
19

scritto da in Il giorno più bello

6 commenti

Ho già scritto su questo blog che il 2010 sarà l’anno del nostro Sì. E così mi sono abbonata ai feed di alcuni siti che parlano di matrimonio, preparativi, dispensando suggerimenti e proposte. Sul sito Oggi Sposi, oggi ho trovato un articolo interessante in cui Gaia Lunard elenca alcuni suggerimenti su come arrivare all’altare senza stress, quindi su cosa bisogna fare e cosa non bisogna fare per  al preparare meglio il matrimonio. Vediamoli insieme (con l’aggiunta di qualche nota personale).

Foto di Andrea Balducci

Cosa NON fare:

  1. Vi capiterà di entrare in dei negozi per provare l’abito da sposa e che la venditrice sia antipaticissima, scortese e vi irriti. A me è capitato e ho deciso di non andare li a comperare il mio abito…volevo che tutto quello che circondava il mio matrimonio fosse il più sereno e rilassante possibile. Nota: Con questo non voglio dire che bisogna testare la pazienza e la cortesia delle commesse ma solo scegliere tra i marchi che ci fanno sentire bene e a nostro agio.
    Per fortuna io ho già scelto il mio abito. E la commessa è stata paziente e disponibile. Praticamente ho “occupato” l’atelier per più di due ore. Ma l’ho trovato 🙂
  2. Non seguire alla lettera quello che una rivista vi dice di comperare. Non tutto è necessario e non tutto deve per forza essere come te lo descrivono. Per esempio non è necessario avere il profumo ‘speciale matrimonio ‘ se il vostro vi piace e lo usate da anni andrà benissimo anche per quel giorno.
    Personalmente io uso riviste e libri come spunto per il mio matrimonio e non come legge. Poi tutto dev’essere personalizzato. Il mio matrimonio dev’essere diverso dagli altri, se no non è più mio.
  3. Non bisogna aver paura delle riviste sui matrimoni. Anche se fai parte di quelle ragazze che già hanno tutto in testa e sanno cosa vogliono, può sempre essere d’aiuto per trovare un’idea originale per la torta, i fiori o i welcome bags. Le riviste che preferisco e vi consiglio sono White, Instyle wedding Elle sposa e come libri il più bello ineccepibilmente è “Il matrimonio che vorrei” (Mondadori)
    Ecco, le riviste, io ne ho comprate davvero tante e credo ne comprerò ancora.
  4. Non comprare un vestito di una taglia inferiore alla tua, è vero che di solito uno dimagrisce durante l’organizzazione del matrimonio ma si è sempre in tempo a farlo stringere ma non a farlo allargare….e per informazione anche se perdi peso durante il matrimonio di solito lo recuperi subito …(ps : anche i maritini di solito aumentano post wedding…) Prendete un abito che vi dona cosi come siete, e poi prendete cura della vostra pelle, fate attenzione all’alimentazione e non dimagrire non vuol dire che dovete ingrassare….
    Il mio vestito è perfetto, mi calza a pennello. E comunque sia credo che i 2 mesi prima del matrimonio li passerò a pane e acqua… non si sa mai 🙂
  5. Non vi vergognate a chiedere nel giorno del matrimonio al vostro parrucchiere di mettervi le canzoni che vi rilassano o che volete sentire. Ascoltare la musica preferita il giorno del matrimonio aiuta a rilassarsi e sprigiona l’energia.
    Il parrucchiere dovrebbe venire a casa mia. Quindi la musica la deciso io. Anche se spesso il silenzio è più rilassante.
  6. Non abbiate paura a commentare o a dire che non vi piace qualcosa nella pettinatura o nel trucco. Se preferite una sfumatura rosa invece di quella marrone ditelo senza problemi o discutetene per lo meno e vedete facendo una prova. Siete voi la reginetta della festa e dovete sentirvi e vedervi bellissima !
    Diciamo che se non lo direi sarei sciocca…
  7. Vietato mangiare o bere una volta che avete indossato l’abito da sposa. (un sorso d’acqua al limite sperando che non si bagni l’abito e se si bagna sperare che si asciughi prima dell’arrivo in chiesa)
    Dai, anche l’acqua. No, dai, l’acqua non me la potete togliere. Anche perchè d’estate fa caldo…
  8. Bisogna pianificare ma non troppo. (Dopo il taglio torta è importante divertirsi ! … passa tutto cosi in fretta…)
    Questo è un mio punto debole. Tendo a pianificare troppo. Ma credo che quel giorno non ci penserò. Sarò presa da altro.
  9. In Francia vanno molto di moda gli ‘speaches ‘ (discorsi). Per il benessere dei vostri ospiti non abbiate paura a dare alle persone che organizzano i discorsi un tempo limite ( si rischia altrimenti di ammazzare l’atmosfera della serata, la gente inizia a sbadigliare e tu hai solo voglia di ucciderli !…)
    No, i discorsi no. Mi mettono in imbarazzo.
  10. Non preoccupatevi se non ce l’avete fatta a stare con tutti gli ospiti e a salutarli tutti, nessuno ve ne vorrà. Datevi delle priorità e poi …pazienza dovete anche divertirvi, mangiare etc…
    … Sperando che loro capiscano che gli sposi sono due e non possono diventare 100…
  11. Non preoccupatevi per il primo ballo….non sapete ballare il valzer…non è di certo la fine del mondo…non tutti siamo ottimi ballerini. E prendere lezioni di ballo quando siete super incasinati con l’organizzazione per due balli…sinceramente non è necessario. Piccolo tip: Non c’è bisogno di ballare su tutta una canzone, basta mettersi d’accordo prima con il dj o l’orchestra e … si balla un po’ di una canzone con il marito, poi si cambia con un’altra canzone e il padre e poi ‘benvenuti’ gli amici.
    Io e il mio fidanzato siamo ottimi ballerini e quindi il ballo è l’ultimo dei nostri problemi 🙂
  12. Vi cammineranno SICURAMENTE sull’abito da sposa, capiterà almeno un centinaio di volte, ma non ve ne preoccupate, succede sempre e se vi starete divertendo non ve ne renderete nemmeno conto. Non vi innervosite per questo.
    Immagino anche che me lo macchieranno, me lo strapperanno… e succede a tutte, no? Ma poi lo mando in lavanderia 🙂
  13. Non è fondamentale se il bigliettino di ringraziamento non è uguale identico a quello dell’invito. E’ più carino ma nessuno ci farà particolarmente caso. Ringraziate le persone che vi hanno fatto il regalo. Ringraziate anche il cerimoniere (prete o rabbino) se pensate che abbia fatto un discorso che vi ha toccato e magari anche gli organizzatori se trovate che abbiano fatto un buon lavoro. (Fa sempre piacere.)
    Io l’ho già progettato graficamente. Ho progettato tutta la grafica coordinata, dall’invito al libretto della messa ai bigliettini di ringraziamento. Se non le faccio per me queste cose…

Cosa fare:

  1. Supporre che qualcosa possa andare storto, potrà succedere …. Accettare questo dato di fatto vi renderà la vita più facile. Una settimana prima del mio matrimonio il mio fiorista si è licenziato dalla società nella quale lavorava e loro non erano in grado di farmi i fiori ( salvata in corner dai Garini della Sforzesca)
    Cavolo, spero che questo non mi capiti. Ma si sa che non può andare tutto alla perfezione. E che ci saranno invitati contenti e altri meno. Siamo diversi, no?
  2. Dite al fotografo chi non deve assolutamente dimenticare di fotografare e fate vedere loro i famigliari…
    Rischio il linciaggio se i parenti non vengono almeno in una foto. Sappiatelo 🙂
  3. Non ti abbattere se il tuo abito dei sogni non ti sta bene, ne troverai un altro bellissimo che ti donerà di più.
    Non è detto che l’abito che vedi su una modella in un giornale, su di te non ti faccia sembrare ad una meringa, allora anche se è l’abito che tu avresti voluto non ti deprimere e prendine un’altro.
    L’abito dei miei sogni mi stava benissimo ma ne ho trovato uno ancora più bello. Un mio consiglio è di provare tutto anche quello che non si sogna: spesso sta meglio di quanto si pensi.
  4. Periodicamente risistema il tuo raccoglitore con tutti i tuo appunti per le nozze. Se hai trovato l’abito, butta via tutte le pagine sull’abito e cosi via, una volta deciso il viaggio di nozze fai piazza pulita di quello che non ti serve più, ti aiuterà a concentrarti su quello che ti manca.
    Sto già facendo piazza pulita di ciò che ho già scelto. La mia stanza è quella. Meno scartoffie ci sono, meglio è.
  5. Fatti il planning della giornata in modo che tutti sappiano cosa devono fare e in che momento. (ma non overplanning cf punto 9 cose da non fare)
    A questo non ci avevo pensato. Lo farò.
  6. Trascorrere un po’ di tempo per te stessa prima del matrimonio. Per esempio: Una cenetta con la migliore amica, farsi un peeling, un massaggio, un bel bagno caldo con le essenze, e poi spalmarsi di creme, cremine cremette…(per tinta, colpi di sole e pulizia del viso mi raccomando almeno una settimana prima se necessario)
    Mi sto facendo già un programmino tutto benessere… da condividere
  7. Se fate delle prove prima del matrimonio, assicuratevi che ci sia qualcuno che sappia cosa fare: il prete o l’organizzatore. Se no è inutile e fonte di stress.
    Questo è un consiglio abbastanza ovvio. Se non c’è il prete cosa provo?
  8. Capita molto spesso che si creino tensioni con i suoceri (la maggior parte delle volte capita con la suocera) e che qualche settimana prima del matrimonio tutto esploda al punto di chiedervi se fate bene o no a sposarvi …. tranquille, è un po’ come gli ormoni nella donna incinta,(che se vi state sposando probabilmente non sapete ancora cosa vuole dire). S’ ingigantisce tutto, si stressa per un niente e dimenticate il vero motivo per il quale vi state sposando : voi e il vostro fidanzato (o fidanzata) via amate alla follia e volete vivere insieme tutta la vita, voi due, soltanto voi due.
    Questo lo sappiamo già. Fino ad ora nessuna tensione. Siamo tutti persone intelligenti quindi credo che non se ne creeranno.
  9. Ritagliarsi un po’ di tempo tranquillo al mattino del giorno G. Non svegliarsi con l’ansia di dover già fare tutto ma svegliarsi, fare colazione leggendo il giornale o ascoltando musica rasserena.
    Per fortuna ci sposiamo di pomeriggio. Quindi di mattina ho tutto il tempo che voglio.
  10. Fare colazione !!!! anche se non si ha fame, che si ha lo stomaco chiuso etc… a meno che non troviate folcloristico svenire all’altare.
    Se mi sposo alle 17 è ovvio che alle 9 del mattino devo fare colazione. E devo anche pranzare all’ora di pranzo. Un pasto leggero ma devo pur sempre mangiare.
  11. Assicurarsi di avere a portata di mano qualcuno che sappia allacciarvi il vestito. Fate venire vostra madre o la vostra testimone o damigella all’ultima prova del vestito in modo che vedano come bisogna fare.
    Ho la fortuna che mi verrà a vestire la proprietaria dell’atelier in cui ho scelto il mio vestito. Accompagnata da ago, spilli, forbici per ultimi aggiusti.
  12. Se la sposa è stressata, o nervosa e non si diverte, gli invitati lo risentiranno e il matrimonio sarà un fiasco. Se invece la sposa è spensierata e si diverte tutti si divertiranno. Se sei stressata, sarà scritto su tutto il viso quindi NO STRESS !
    Più che nervosa secondo me mi sentirò in un sogno, come se quello che starà succedendo fosse solo immaginazione. E mi sveglierò accanto a mio marito con la fede al dito.
  13. Dopo aver passato ore e giorni a decidere tutto sul menu della cena e del cocktail cercate di godervelo almeno 15 min. Non sarà molto ma è meglio di niente.
    Io ci proverò. Speriamo.
  14. Parlare, sorridere e flirtare con il coniuge durante la cerimonia. SI si e poi ancora si ! Basta con tutta questa formalità, fate vedere perchè vi sposate…(certo con un minimo di decoro, senza cadere nel’ostentatazione ed il ridicolo)
    Ma ci sono i bambini!!! A parte gli scherzi ci dev’essere un po’ di tenerezza, se no non c’è gusto a sposarsi, no?
  15. Prevedere un paio di scarpe comode….va bene il detto ‘bisogna soffrire per essere belle’ pero non ci si può mica rovinare la serata perchè i piedi ci fanno male.
    Per fortuna sono già alta. Quindi un tacco basso e comodo sarà la mia scelta. 5 cm, al max 6, ma non di più.
  16. Ringraziare tutti coloro che vi hanno aiutato gratuitamente al buon svolgimento delle nozze, solo perchè vi vogliono bene (parenti, amici etc…)
    Questo è di default, no?
  17. Fatevi un elenco in ordine alfabetico , cartaceo e online, con nomi ed indirizzi di tutti gli invitati. Vi sarà sempre utile, soprattutto al momento dei ringraziamenti.
    Già fatto 🙂 Ho meglio ho i nomi, devo aggiungere gli indirizzi.
  18. La maggior parte delle volte sono le future mogli a lavorare di più per il matrimonio quindi perchè per i ringraziamenti non li fate scrivere al neo- marito? (ormai sposate lo siete e in più profitterà anche lui dei regali no ?)
    Ma anche altre cose, no??? 🙂

Tags: , , ,

6 commenti

  1. Ly
  2. orisell

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento