Archivio per marzo 2010 | Pagina di archivio mensile

scritto da in Momenti di Delirio

Nessun commento

Sei in ufficio, arriva il capo… o arriva un cliente che proprio non vuoi incontrare… Terrore! Vuoi nasconderti e non sai come fare? Guarda questi video, potresti trovare dei buoni suggerimenti:

Ovviamente si scherza, eh 🙂

Solo quattro mura

Mar
2010
25

scritto da in C'è Vita a Matera, Letture & Romanzi

Nessun commento

Di solito quando parlo di libri è perchè ne ho letto uno e ho voglia di recensirlo. Oggi faccio un’eccezione ma solo perchè lui è il fratello della mia migliore amica e ha talento da vendere.

Lui si chiama Gianluca Purgatorio, ha quasi 24 anni e ha appena pubblicato la sua opera prima. E’ un thriller dell’orrore che s’intitola “Solo quattro mura” – edito da 0111 edizioni.

“Solo quattro mura” è una silloge di brevi racconti aventi come filo conduttore il tema della morte, analizzato e narrato attraverso sei storie che spaziano dal thriller all’horror, fino a rasentare il fantastico, calate in atmosfere surreali, grottesche e claustrofobiche, tutte intrise di caratteri noir dove personaggi esemplari, stereotipi di categorie umane, si muovono all’interno delle scene interrogandosi e lottando contro inevitabili sentenze e destini esiziali.
Sei storie forti ed efficaci dai risvolti psicologici e intimistici che spesso sfociano nel metafisico, e dalle trame che si distinguono per spiccata originalità rivelando tutte, nella parte finale, il momento epifanico, il classico fattore a sorpresa sempre carico di effetto. Sin dalle prime pagine, una lettura avvincente e mai pesante, che di certo non lascerà immacolati e vergini i recessi del vostro animo.

Dove puoi acquistarlo? Oltre che in alcune librerie qui a Matera, ci sono vari portali che lo distribuiscono.

Il romanzo di Gianluca partecipa al concorso “Il Club dei Lettori“. Leggilo, votalo e partecipa subito all’estrazione finale di due bellissimi premi.

scritto da in Cose Serie

4 commenti

Elena ha proprio ragione:

Vediamo grigio, nel migliore dei casi, e quando raccontiamo quello che vediamo tendiamo a dire solo le cose negative.
.
La stanchezza, la delusione, le espressioni deluse, la poca voglia di stare insieme, questo strano isolamento che non è solo “colpa” della tv o della rete.

Il cattivo umore è divenuto uno stato d’animo costante per molti. Dovremmo vincere questo sentimento e cercare di vedere il bicchiere mezzo pieno.

Foto di Mel B.

Su Pinkblog ho trovato alcuni consigli su come difendersi dalle emozioni negative, cioè consigli per non diventare di cattivo umore in ambito lavorativo. Questi sono stati a loro volta letti su Openforum. Vogliamo vedere quali sono?

  1. Se sei il capo, considera che gestire il tuo stato d’animo è una delle tue responsabilità.
  2. Crea un umore positivo durante le riunioni.
  3. Crea una lista di cose da non fare più.
  4. Aumenta la consapevolezza dei tuoi stati d’animo.
  5. Elimina ciò che ti fa perdere energia.
  6. Focalizzati su cosa sai fare nel migliore dei modi.
  7. Sii scettico nell’autovalutazione quando non sei di buon umore.
  8. Sii consapevole del rapporto positivo/negativo.
  9. Sii consapevole del legamen che c’è tra buon umore e creatività.
  10. Controlla il contagio emotivo dei dipendenti che s’interfacciano con i clienti.
  11. Rivaluta ciò che scrivi in un’email prima di cliccare sul pulsante “Invia”.
  12. Non lasciarti influenzare dagli stati d’animo degli altri.

Per approfondire il significato di questi consigli ti consiglio una lettura dell’articolo su Openforum.

E, forza, sforziamoci di sorridere, di trovare un piccolo qualcosa di positivo in ciò che facciamo. Se continuiamo a vedere tutto grigio o nero, niente potrà mai migliorare.

scritto da in Clarita in Cucina

1 commento

La Pasqua si avvicina. Mancano poco meno di due settimane al grande giorno. Vuoi cimentarti nel preparare in casa un vero uovo di Pasqua? Vuoi sapere come si fa? Eccoti un video che potrebbe esserti utile:

Ricorda di scegliere una bella sorpresa da mettere all’interno dell’uovo che sicuramente renderà felice chi lo riceverà. Buon lavoro!