Archivio per ottobre 2010 | Pagina di archivio mensile

scritto da in Fashion & Trends, Il giorno più bello

1 commento

Oggi sono 4 mesi che io e Gianfranco siamo sposati. Mamma mia, sembrava che quel fatidico 25 giugno non arrivasse più ed invece è arrivato e sono già passati 4 mesi da quel giorno.

Proprio ieri, imbattendomi nel sito che ha fatto da padrone del periodo dei preparativi, Matrimonio.it, ho trovato un articolo che parla dei 10 must have che una moglie deve avere nel suo armadio. Vediamo un po’ quali sono (e se ce li ho).

Foto di .Michi.

  1. il cappotto di cammello: quest’anno va anche di moda ed è uno degli indumenti più classici che vanno sempre di moda. Io ce l’ho, anche se credo che ha un modello troppo avvitato (ed è troppo lungo) per essere di moda in questo inverno. Da ricomprare?
  2. il filo di perle: è indubbiamente tra i gioielli più femminili che esistono. Se non vi potete permettere un giro di perle vere, c’è sempre la bigiotteria, mooolto più economica. Io ce l’ho e ho anche bracciale e orecchini abbinati.
  3. il tubino nero: “secondo una statistica del quotidiano inglese The Indipendent il 96% delle donne possiede almeno un tubino nero, fin dai tempi (1961) in cui Audrey Hepburn portò al successo il little black dress creato per lei da Givenchy per il film Colazione da Tiffany”. Non ce l’ho, ahiahiahiahiahi!
  4. le Décolleté: “due i punti fermi per un paio di décolleté che si possa classificare basic: devono avere tacco da 7.5 cm in poi ed essere assolutamente nude, quindi niente fiocchi, nastri, fibbie.” Anche queste ce le ho. E ho anche quelle con le applicazioni e con il plateau.
  5. il trench: su questo sono imbattibile, ne ho addirittura 2, uno beige e uno nero. Adoro il look da Ispettore Gadget, da “maniaco del parco”. Super classico e sempre alla moda.
  6. la borsa: vabbè, dai, questa è un’offesa ad un’amante delle borse come la sottoscritta. Una borsa? Ma io ne ho tante! E’ il mio accessorio preferito. Ma una “brava moglie” deve comunque prediligere modelli da “signora”, classici. Io faccio così: ho sia quelle classiche, che quelle più “stravaganti”. Non ci facciamo mancare nulla!
  7. la camicia bianca: il classico dei classici. Dai, chi non ha una camicia bianca nel proprio guardaroba? Io ne ho più di una, fanno sempre comodo!
  8. la pochette: “una volta era a bustina e si chiamava pochette, oggi è a scatolina e si chiama clutch. E’ la borsina da sera adatta a contenere le chiavi di casa, un fazzoletto, il rossetto, il telefonino. E basta.” Questa mi manca…
  9. la lingerie: ovviamente qui non si parla dei mutandoni di Bridget Jones o della nonna. Qua parliamo di “cose serie”. Ovviamente ce l’ho 🙂 Occhio agli abbinamenti, eh!!!
  10. il profumo: “una donna che si distingue per il suo profumo è sempre molto affascinante”, sì, certamente, basta non si fa il bagno dentro e non è disgustoso. Da usare con parsimonia perchè a noi può piacere ma agli altri no. Io uso Very Irresistible di Givenchy, ma sta per finire quindi vedrò se trovo di meglio.

Insomma, dai, non vado così male, vero? E poi l’importante è che per mio marito io sia la sua moglie perfetta!

Linux Day 2010

Ott
2010
21

scritto da in C'è Vita a Matera, New Technologies, Web Area

Nessun commento

Sabato 23 ottobre in tutt’Italia si svolgerà la giornata nazionale di promozione di GNU/Linux e del software libero, detto anche Linux Day.

A Matera questa manifestazione è organizzata dall’Associazione Sui Generis avrà luogo in Via delle Beccherie, dalle 17,00 alle 21,30. I seminari previsti sono:

  • Portale MUVMATERA
  • Openstreet Map e riversamento dati raccolti domenica 17 al mapping party.
  • Software libero per la Pubblica Amministrazione e la Scuola: Qui ed Ora, seminari istituzionali.
  • Collegamento via OpenMeeting con gli Stati Uniti: Margherita Di Leo ed Annalisa Minelli illustreranno esempi di Software Libero applicati al GIS (Sistema Informativo Territoriale).
  • Seminario su OCTAVE, Alternativa Open Source a Mathlab
  • Gli studenti del Liceo Classico ( UdS ) illustrano la loro esperienza con il Software Libero.

Mentre le dimostrazioni previste sono:

  • Dimostrazione della Distro Itislinux
  • Rivitalizziamo un vecchio PC
  • un po’ di GIMP per tutti
  • Dimostrativo di Aula Edubuntu
  • Install fest con le testimonianza degli utenti linux neofiti…

A supporto di questa giornata, è stato creato un vademecum sul software libero che consiglio a tutti di leggere.

Molto interessante, vero?

scritto da in Cose Serie, Il mondo della Pubblicità

4 commenti

Sono contenta che qualcuno ci abbia pensato. E credo che dovrebbero farlo anche per altri indumenti e beni.

Fino al 30 novembre Intimissimi ti dà 3€ per ogni vecchio reggiseno, di qualsiasi marca, così puoi comprarne uno nuovo. I reggiseni usati verranno riciclati ed utilizzati per realizzare pannelli isolanti e fonoassorbenti, grazie alla O.V.A.T., leader nella raccolta e nel recupero di materiali, al fine di offrire al mercato prodotti edili sempre più
innovativi e a basso impatto ambientale.

Io penso che sia una cosa carina. E voi che ne dite?

Pink power!

Ott
2010
18

scritto da in Cose Serie

Nessun commento

(Questo blog aderisce ad un’iniziativa a blog unificati, ideata da Chiara e Carolina, in favore della Campagna Nastro Rosa)

Da 21 anni ottobre è il mese della Campagna Nastro Rosa, dedicata alla prevenzione del tumore al seno. Questa campagna ha come obiettivo quello di sensibilizzare un numero sempre più ampio di donne sull’importanza vitale della prevenzione e della diagnosi precoce dei tumori della mammella, informando il pubblico femminile anche sugli stili di vita correttamente sani da adottare e sui controlli diagnostici da effettuare.

In tutto il mondo occidentale, putroppo, il tumore al seno è il primo tumore femminile per numero di casi e la sua incidenza è in costante aumento, tanto da essere considerato alla stregua di una vera e propria malattia sociale. In Italia si calcola che nel 2010 i nuovi casi di tumore alla mammella saliranno a circa 42mila. Sconfiggere la malattia è possibile nella stragrande maggioranza dei casi, grazie soprattutto alla prevenzione e all’anticipazione diagnostica.

Per ogni donna la prevenzione deve essere sinonimo di promozione del proprio benessere, della propria salute, ma anche della propria bellezza.

Durante il mese di ottobre gli oltre 390 Punti Prevenzione (ambulatori) LILT, la maggior parte dei quali all’interno delle 106 Sezioni Provinciali della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, saranno a disposizione per visite senologiche e controlli clinici strumentali. Per conoscere giorni e orari di apertura dell’ambulatorio LILT più vicino, in cui effettuare anche esami di diagnosi precoce e controlli, si può chiamare, per informazioni, il numero verde SOS LILT 800-998877 o consultare i siti www.nastrorosa.it o www.lilt.it dove saranno pubblicati anche gli eventi organizzati nelle varie città italiane nel mese di ottobre.

Quest’anno l’Italia intera si tingerà di rosa, colore simbolo della lotta contro il tumore al seno. Una luce rosa, infatti, unirà idealmente la nostra Penisola dal Nord al Sud, con tanti monumenti, edifici e statue che resteranno illuminati per una o più notti a testimoniare che, grazie a un’efficace e corretta prevenzione, questa malattia tumorale si può, e si deve, vincere! E come in Italia, anche in tutto il resto del mondo si accenderanno di luce rosa location famosissime e prestigiose, quali l’Empire State Building (New York, USA), le Cascate del Niagara (Ontario, Canada), Opera House (Sidney, Australia), la Torre 101 (Taipei, Taiwan), il Ponte di Nan Pu (Shangai, Cina), la Torre di Tokyo (Tokyo, Giappone), l’Arena di Amsterdam (Amsterdam, Olanda).

(Testo tratto dal comunicato stampa della campagna)

Insomma, come si dice, “prevenire è meglio che curare” (cit.).