21 settembre 1943, per non dimenticare

Nov
2010
30

scritto da in C'è Vita a Matera, Cinema & TV

Nessun commento

Dopo i successi dei film “ Il rabdomante (2006 ) “ “Il vaso di Pandora” (2007), e “ Oro nero “ ( 2008) “ la società materana BLUVIDEO è pronta ad investire nuove risorse per produrre un lungometraggio destinato a valorizzare il patrimonio storico-culturale, paesaggistico, turistico e enogastronomico della Provincia di Matera. Il titolo provvisorio scelto dal regista ed autore della sceneggiatura Geo Coretti è “21 settembre 1943 ”, data molto importante per la nostra città poichè in quel giorno c’è stata l’insurrezione con cui è terminato l’assedio nazifascista.

TRAMA:
All’indomani dell’armistizio dell’8 settembre 1943 la popolazione materana, stanca dei saccheggi e dei soprusi perpetrati dalle truppe tedesche che occupavano la città, insorse dando luogo alla prima spontanea sollevazione popolare antinazista nel mezzogiorno d’Italia.
Nel pomeriggio del 21 settembre 1943, in diversi punti nevralgici della città, gruppi di cittadini armati, aiutati da elementi militari locali, ingaggiarono furiosi combattimenti con i soldati tedeschi costringendoli ad una precipitosa ritirata. Prima di abbandonare Matera i tedeschi come atto di ritorsione nei confronti della popolazione, fecero esplodere la caserma della milizia fascista, dove erano rinchiuse 16 persone e uccisero deliberatamente 4 civili nei pressi dell’edificio della società Lucana per l’elettricità. Una pagina di storia e di eroismo che nei libri non è mai entrata.

La lavorazione del film è già cominciata. Le riprese sono previste lungo il corso dell’anno 2011 mentre l’uscita nelle sale è prevista per dicembre 2011. Il lungometraggio sarà prodotto con strumenti tecnici e risorse umane appartenenti al nostro territorio.

Dunque Bluvideo cerca dei contributi per poter realizzare questo progetto che ha come finalità anche il fiorire di un’industria del cinema nel territorio, che sia sorgente di nuove opportunità di lavoro. Il contributo economico verrà pertanto utilizzato per una produzione costituita per l’80% da operatori residenti in Basilicata, in questo modo non ci sarebbe dispersione di capitali, avremmo opportunità di lavoro e faremmo un passo in avanti lungo l’itinerario dell’indotto dell’industria del cinema.

La società ha già dimostrato che si può produrre cinema in casa nostra grazie al contributo di professionisti che possono realizzare grandi progetti se vengono supportati in modo adeguato quanto meno dal punto di vista logistico e finanziario. Quindi sarebbero risorse economiche che resterebbero qui in Regione.

Ci si propone di portare il film presso distribuzioni cinematografiche, chiudere accordi di coproduzione con mediapatner (emittenti televisive e testate giornalistiche) e coinvolgere attori e professionisti del settore di chiara fama nazionale, affinché il territorio della Provincia di Matera abbia la giusta visibilità, nella sua interezza.

Insomma, spesso vengono finanziati progetti che davvero sono fine a se stessi, vediamo di dare una mano a chi crede nel nostro territorio e vuole attivare una catena di benefici che non si chiudono all’interno del loro piccolo.

Tags: , , , , , , ,

Lascia un Commento