Archivio per settembre 2012 | Pagina di archivio mensile

scritto da in Letture & Romanzi

Nessun commento

Mi ci voleva proprio. Era da tempo che non mi immergevo in una lettura così coinvolgente. Mi sono rilassata, divertita e abbandonata ai sogni di Rebecca Bruni, detta Coco, la protagonista di questo vincente romanzo di chick lit dal titolo Via Chanel n. 5.

Era da tempo che non gustavo così le pagine di un libro, che non mi estraniavo da tutto per immergermi in questa storia. E quando è finita mi sono dovuta risvegliare.

È possibile assomigliare a una delle più grandi icone dello stile, indipendente, bella, desiderata ed elegante come Coco Chanel? Rebecca ha trentatré anni, più di cento paia di scarpe, un armadio pieno di tubini neri, completi di tweed e una smisurata passione per la magnifica Coco. È romantica, sognatrice, e follemente innamorata di Niccolò, che sta per raggiungere a Milano, dopo un anno di relazione a distanza. Un nuovo lavoro come wedding planner, una vita vicino all’uomo che ama: la felicità sembra a portata di mano. Ma una brutta sorpresa è in agguato: appena giunta nella metropoli, Niccolò le confessa di essersi innamorato di un’altra. Rebecca si ritrova così in una città che non conosce e con il cuore a pezzi. Ma il suo mito, la grande Coco, come avrebbe reagito? Indossando degli enormi occhiali scuri, alzando la testa in segno di sfida, non avrebbe mai permesso a un uomo di schiacciare il suo spirito ribelle e anticonvenzionale! “Per essere insostituibili bisogna essere unici”, e forse Niccolò, unico non lo era. Dopo intere giornate chiusa a casa, Rebecca è pronta a voltare pagina: si tuffa nell’intensa vita mondana milanese e, con lo stile della sua eroina, assapora la sensazione di sentirsi una donna cercata e desiderata. Resterà un’eterna mademoiselle, come l’intramontabile Coco? O forse il destino le riserverà sorprese inattese e capaci di rivoluzionare la sua vita?

Il libro si lascia divorare. La lettura è scorrevole, piacevole, direi molto Kinselliana. Anche qua si parla di grandi firme della moda, di amore, di un lavoro creativo. Diciamo che ho trovato molte affinità con l’atmosfera di I love shopping e sequel.

Mi aspettavo, comunque, un po’ più di irriverenza e di ironia. Questo perchè conosco bene lo stile di Daniela Farnese, l’autrice, in rete conosciuta come la blogger Dania, sempre capace di stupire per le sue battute argute e piene di ironia. In questo libro, invece, mostra il suo lato romantico e credo che ci sia anche più di un richiamo autobiografico tra le righe. Daniela ha anche partecipato al Materacamp 2009 e anche qui si è distinta per la sua innata ironia.

Insomma, questo libro mi è piaciuto davvero tanto, ve lo consiglio e attendo con ansia il sequel, che spero tanto che ci sarà.

scritto da in Da "The Style Glossy"

Nessun commento

By Shelley Levitt for The Style Glossy

Impara Qual è il Tuo Tipo di Capelli: il Segreto dei Capelli Sani!

L’unica cosa che ci separa dall’avere capelli più belli e più maneggevoli è un po’ di conoscenza di noi stessi. Basta individuare qual è il proprio tipo di capelli naturali e si avrà una chioma liscia che tiene lo styling durante tutta la giornata (ovvero ricci definiti e sotto controllo, capelli fini che non si afflosciano a metà giornata e via dicendo).

“Se conosci i tuoi capelli,” dice Jeni Thomas, ricercatore scientifico per la salute dei capelli e del cuoio capelluto, “non solo saprai quello che puoi o che non puoi fare, ma anche come fare a lavorarci al meglio.”

La Scienza delle Tipologie di Capelli
Considerate questo: La stessa tecnologia 3-D usata in medicina per visualizzare e misurare la densità delle ossa viene usata per studiare come le molteplici fibre capillari interagiscono l’una con l’altra. Quello che i ricercatori hanno scoperto, dice Thomas, è che differenti tipi di texture di capelli creano altrettante diverse tipologie di strutture 3-d. Questa scoperta sta portando alla realizzazione di diverse linee di prodotti customizzati che segneranno la fine dei famosi “giorni no” per i nostri capelli.

Sappiamo che negli shampoo e nel balsamo, gli stessi ingredienti e formulazioni che mantengono i capelli ricci luminosi e in salute non doneranno ai capelli fini il volume e la corposità di cui hanno bisogno. Le fibre dei capelli ricci formano un network intricato che agisce come un filtro, intrappolando gli ingredienti contenuti nello shampoo e nel balsamo; quello di cui abbiamo bisogno per prevenire il danneggiamento sono prodotti che minimizzino la frizione tra ciocche.

Le fibre dei capelli fini, d’altra parte, si dispongono in un pattern parallelo che agisce più come un imbuto, quindi gli ingredienti che idratano e nutrono tendono a scivolare via anziché a trattenersi. La soluzione è una formula che aiuta gli ingredienti riparatori ad aderire e a trattenersi.

Le Tipologie di Base per i Capelli
Quasi tutti i capelli – il 98% – cadono in quattro differenti strutture:

1. Capelli Fini: hanno fino al 50% di proteine in meno dei capelli più; spessi, quindi sono fragili e tendono ad afflosciarsi.

2. Capelli Normali-Spessi: possono contenere fino al doppio delle cellule presenti nei capelli fini, rendendoli più rigidi e capaci di assorbire fino al 40% di acqua in più dei capelli fini, cosa che può causare l’effetto crespo.

3. Capelli Colorati e Trattati: hanno subito un cambiamento strutturale durante il processo chimico che li ha resi più carichi negativamente rispetto ai capelli naturali; questo può voler dire avere capelli più ruvidi, opachi e vulnerabili al danneggiamento.

Quale Tipologia di Capelli Conta
I prodotti formulati per la tua tipologia di capelli renderanno lo styling più facile; d’altra parte usare formulazioni con ingredienti sbagliati vi farà iniziare una guerra persa contro i vostri capelli – lottando per ottenere lo stie desiderato, frustrandosi perché non regge. Ad esempio, come indica Thomas, “i capelli spessi tendono a essere più soggetti al crespo di quelli fini, quindi per far si che i capelli normali-spessi tengano lo styling per tutto il giorno, ingredienti che offrono ai capelli un po’ di resistenza all’umidità sono estremamente utili.“

Per evitare che i capelli fini si affloscino a metà giornata, però, preparali con uno shampoo contenente polimeri che enfatizzi la forza detergente e aiuti quindi queste ciocche fragili a resistere al peso degli oli accumulati sul cuoio capelluto, dello sporco e dei residui dello styling del giorno precedente. Cerca shampoo, balsamo e prodotti specificatamente concepiti per il vostro tipo di capelli; troverai linee pensate ad hoc sulle mensole del vostro supermercato.

Il Taglio Giusto per il Vostro Tipo di Capelli

  • Capelli Fini “Evita tagli troppo rasati,” consiglia lo stylist George Papanikolas, i cui clienti includono Madonna e Penelope Cruz. “Opta invece per un taglio scalato con le estremità smussate, che darà ai tuoi capelli l’aspetto di un maggiore spessore.”
  • Capelli Normale-Spessi Porta i capelli almeno qualche centimetro sotto il mento. “Hai bisogno di un po’ di lunghezza per evitare che i capelli risultino troppo ammassati,” dice il proprietario del salone prestigioso, Mike Van Den Abbeel. “Lunghe ciocche scalate toglieranno pesantezza e doneranno definizione al vostro styling.”

Photo: @iStockphoto.com/fmbackx



scritto da in Da "The Style Glossy"

Nessun commento

By Sonia Fossi for The Style Glossy

La frangia Millennium

La frangia è tornata di moda si sa, ma adesso la versione più di tendenza è la frangetta. Dopo l’inarrestabile successo del film Millennium – Uomini che Odiano le donne, il look dell’attrice protagonista Rooney Mara che interpreta la supertatuata Lisbeth Salander ha dato il via a tantissime ispirazioni diverse. Oggi il trend impazza sulle modelle e sulle star e, preparatevi, sarà protagonista per tutto l’inverno: Calvin Klein, Versace, Marni, Chanel, John Galliano e Antonio Berardi sono solo alcuni dei designer che hanno proposto il look in passerella per questa stagione.

Ma se già abbiamo visto la top-model Maria Carla Boscono splendida nella campagna di YSL tanto quanto Marion Cotillard sul tappeto rosso del MET Gala lo scorso maggio in occasione della mostra-celebrazione delle power women della moda italiana Miuccia Prada e Elsa Schiaparelli, è dalla musica arrivano le ispirazioni più audaci. Basta vedere il taglio cool del genio dell’elettronica Grimes oppure quello platino di Yolandi Visser dei Die Antwoord.

E per noi comuni mortali quali sono i segreti per sfoggiare questo nuovo look? Ecco una guida al taglio del momento.

A Ogni Viso il Suo Taglio
“Bisogna adattare la pettinatura al viso, non limitarsi a fare un semplice copia-incolla,” dice Danilo Dixon, l’inventore del celebre taglio di Lisbeth nonché hair stylist di Rooney Mara, ma anche di altre star come Gwen Stefani e Zooey Deschanel. “Più che dare troppo peso alle dimensioni del viso occorre analizzare la propria fisionomia e capire con il parrucchiere come valorizzare i punti forti”.

Generalmente parlando questa pettinatura dona a tutte un look interessante e particolare, ma se avete un viso tondo forse sarebbe meglio evitare perché la frangetta corta può enfatizzare le rotondità del viso. Per le altre invece l’importante è tenere il colore dei capelli uniforme (niente meches!) così da esaltare le geometrie del taglio. Mantenete le sopracciglia ben curate e riducete il trucco al minimo privilegiando eyeliner nero e rossetto rosso: in questo modo il vostro aspetto sarà impeccabile e raffinato.

Dal Parrucchiere
Jill Vergottini, erede del famoso salone milanese e autrice del nuovo libro ‘Mi Raccomando la Frangia’, spiega come la riuscita di un taglio parta da una buona comunicazione con il proprio hair stylist. “Permettete al parrucchiere di spostarvi la testa in modo che possa tagliare nel modo migliore,” spiega. “Non accavallate le gambe, quando lo fate spostate il baricentro e rischiate di trovarvi con una parte di capelli più lunga e l’altra più corta.”

E’ importante che il parrucchiere poi individui le naturali rose o vertigini della cliente e controlli le attaccature, specie se il taglio è corto. “I greci, i capostipiti dell’acconciatura, riuscivano a raccogliere i capelli usando solo dei nastri, sfruttando il naturale giro dei capelli,” dice Jill. “Se una testa è ben tagliata, se dona eleganza e stile, se ti lascia libera di pettinarti a casa senza diventare matta, a questo punto basta un bel vestito, un filo di trucco e il gioco è fatto.”

Scegli il Prodotto Giusto
Lavereste mai un golfino di cashmere con il detersivo per i piatti? Un taglio perfetto richiede prodotti dello stesso livello e qualità concordano sia Jill che Danilo. Se la frangia è l’ideale per nascondere le rughe sulla fronte allo stesso tempo può essere causa di fastidiosi brufolini sulla pelle per via dell’umidità. Danilo ci rincuora dicendo che oggi in commercio esistono tantissime soluzioni per non dover mai incorrere in questo problema: basta cercare prodotti che proteggano dal calore e dall’umidità come spray e creme anti-frizz, seguite dall’applicazione di una lacca leggera per capelli.

Se avete i capelli lisci e la chioma non è troppo voluminosa, questo taglio a metà strada tra il caschetto e l’effetto scodella è particolarmente indicato, perché i capelli fini saranno più facili da modellare. Fondamentale comunque è mantenere il taglio liscio. “E’ importante che la frangia rimanga piatta e che il volume sia tenuto al minimo, altrimenti rischia di apparire un po’ troppo retro,” dice Danilo. Punta quindi su prodotti liscianti oppure chiedi al tuo parrucchiere di consigliarti i trattamenti a lungo termine più indicati da fare nel suo salone di bellezza.

Sonia Fossi scrive da anni per le più importanti riviste di moda, bellezza, arte e design.



scritto da in Da "The Style Glossy"

Nessun commento

By Mariel Chua for The Style Glossy

Come Scegliere il Tubino Nero Perfetto

Come diceva Coco Chanel, cui si deve dare il merito di aver reso popolare il tubino nero: “La semplicità è la chiave della vera eleganza.”

Prima di contemplare applicazioni, plissé o altre decorazioni, prendi in considerazione i contorni naturali del tuo corpo. “Corporatura, personalità e carriera variano tanto da donna in donna, pertanto un abito dovrebbe esaltare la nostra bellezza interiore ma anche essere appropriato all’occasione,” dice Mariane Perez, fashion designer e stylist del suo proprio marchio, ShopMariane.Multiply.com Su questo sito offre consigli su come trovare l’abito perfetto a seconda delle diverse tipologie di corpo e come coordinare accessori in maniera sensata. In più, Perez rivela come portare i propri abiti con la giusta determinazione e portamento.

Donna Triangolo: a Pera/Mela
Per ottenere una silhouette più armoniosa occorre ridimensionare le parti piu’ ampie del corpo, come il torso, le spalle o i fianchi, che potrebbero creare uno sbilanciamento visivo accanto alle parti piu’ magre. “Se hai i fianchi larghi, cattura l’attenzione in alto con dettagli voluminosi come un top con le ruches o con le spalle strutturate e important,” suggerisce Perez. “Se il tuo busto e’ grosso, focalizzati nel creare volume in basso con una gonna ampia. Aggiungi una cintura in vita per un tocco finale sexy.” Perez conclude dicendo che anche che capi strutturati sono buoni per questa categoria.

Donna Petite: Longilinea
“Petite è una figura che si basa non sul peso o la taglia, ma sulle proporzioni,” dice Leah Feldon, autrice di “Does this make me look fat?”, best-seller che spiega le regole dell’abbigliamento a donne di tutte le taglie, altezze e conformazioni. “Non fatevi ingannare dal termine petite, non vuol dire piccolo. Ci sono anche delle taglie forti che possono essere petite!” spiega. Puntate su abitini neri (o comunque monocromatici) dalla linea asciutta oppure su mini-dress morbide che slanciano le gambe.

Donna Rettangolare: Alta e Androgina
“Le donne alte sono perfette per indossare le cromie del nero e abiti lungi con nonchalance.” Basta pensare a Charlize Theron! Se credete di essere troppo alte o troppo “dritte”, Perez consiglia abiti stile impero oppure semplicemente di indossare una cintura in vita. “Questo darà l’illusione di una silhouette a clessidra.”

Donna Formosa o a Cerchio
Secondo Perez le donne con una silhouette voluttuosa dovrebbero mostrare un po’ di pelle nuda perché il coprirsi troppo potrebbe farle apparire più grosse di quanto non siano. “Scolli a V e a balconcino sono l’ideale perché esaltano il decolleté e attirano l’attenzione verso l’alto,” dice Perez, che incoraggia le donne con una silhouette abbondante a prendere in considerazione sia la qualità che il taglio di ogni capo che acquistano. Abiti semplici dal sapore sartoriale regaleranno una forma più slanciata alla linea del corpo.

Come Dare il Meglio con il Vostro Tubino Nero

Accessoriare
“Andate sul classico indossando un filo di perle oppure puntate sull’effetto teatrale con una collana o bracciale importanti,” suggerisce Perez. “Nell’ultimo caso, ricordate di bilanciare il tutto tenendo il resto degli accessori al minimo oppure evitandoli del tutto.” Per evitare di strafare, Perez segue il consiglio dii Chanel: “Prima di uscire di casa, guardatevi allo specchio e togliete un accessorio.”

Investire
Comprate l’abito più costoso che potete permettervi; varrà ogni centesimo speso perché durerà tanto tempo e si ripagherà da solo dopo l’ennesima volta che l’indosserete. Puntate sulla qualità senza dimenticare che questo non equivale per forza a un prezzo eccessivamente costoso. Occorre solo cercare nei posti giusti e approcciare un sarto che può eseguire delle alterazioni su abiti acquistati preconfezionati.

Lavare con Cura
Per quanto possibile, lavate il vostro abito a mano in acqua fredda usando il detersivo più delicato che trovate in commercio: il colore sarà preservato e il vostro capo durerà più a lungo.

Photo: Corbis Images

Mariel Chua è stata beauty editor e scrittrice per una serie di pubblicazioni tra cui Cosmopolitan