730 o Modello Unico? Questo è il problema

Apr
2013
02

scritto da in Professione Commercialista

1 commento

Con il mese di aprile prende il via ufficialmente la “grande stagione” delle dichiarazioni dei redditi. Come sai, ci sono due modelli che possono essere utilizzare allo scopo: il 730 e il Modello Unico. Quando si usa l’uno e quando l’altro?

Puoi presentare il 730 se:

  • hai un lavoro dipendente o una pensione
  • percepisci indennità sostitutive di reddito di lavoro dipendente (es. indennità di mobilità)
  • sei socio di una cooperativa di produzione e lavoro, di servizi agricole e di prima trasformazione dei prodotti agricoli e di piccola pesca;
  • sei un sacerdote della Chiesa cattolica;
  • sei un giudice costituzionale, un parlamentare nazionale e sei titolare di altre cariche pubbliche elettive (consiglieri regionali, provinciali, comunali, ecc.);
  • sei impegnato in lavori socialmente utili;
  • possiedi soltanto redditi di collaborazione coordinata e continuativa  almeno nel periodo compreso tra il mese di giugno e il mese di luglio 2013;
  • sei un produttore agricolo esonerato dalla presentazione della dichiarazione dei sostituti d’imposta (Mod. 770 semplificato e ordinario), IRAP e IVA.

Ancora, sei compatibile con il 730 se hai percepito:

  • redditi di lavoro dipendente e redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente (es. co.co.co. e contratti di lavoro a progetto);
  • redditi dei terreni e dei fabbricati;
  • redditi di capitale;
  • redditi di lavoro autonomo per i quali non è richiesta la partita IVA (es. prestazioni di lavoro autonomo non esercitate abitualmente);
  • redditi diversi (es. redditi di terreni e fabbricati situati all’estero);
  • alcuni dei redditi assoggettabili a tassazione separata, indicati nella sezione II del quadro D.

Devi, invece, presentare il Modello Unico se:

  • nel 2012 hai posseduto redditi d’impresa, anche in forma di partecipazione e/o redditi di lavoro autonomo per i quali è richiesta la partita IVA e/o redditi “diversi” non compresi tra quelli indicati nel quadro D, righi D4 e D5, e/o plusvalenze derivanti dalla cessione di partecipazioni qualificate o derivanti dalla cessione di partecipazioni non qualificate in società residenti in Paesi o territori a fiscalità privilegiata, i cui titoli non sono negoziati in mercati regolamentati e/o redditi provenienti da “trust”, in qualità di beneficiario;
  •  nel 2012 e/o nel 2013 non sei residente in Italia;
  •  nel 2013 percepisci redditi di lavoro dipendente erogati esclusivamente da datori di lavoro non obbligati ad effettuare le ritenute d’acconto (es. collaboratori familiari e altri addetti alla casa);
  • devi presentare anche una delle seguenti dichiarazioni: IVA, IRAP, Mod. 770 ordinario e semplificato (sostituti d’imposta);
  • devi presentare la dichiarazione per conto di contribuenti deceduti;
  • se sei un lavoratore con contratto a tempo indeterminato, e al momento della presentazione della dichiarazione al Caf o al professionista abilitato il rapporto di lavoro è cessato sempreché non si conoscano i dati del nuovo sostituto d’imposta che potrà effettuare i conguagli.

Tags: , , ,

1 commento

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento