Archivio per la Categoria ‘Cinema & TV’

scritto da in Cinema & TV, Music & co

Nessun commento

Sicuramente avrai sentito parlare del gruppo rock “Le Mani“.

Le Mani (Antonio Marcucci Chitarre, Luigi Scarangella Voce, Francesco Stoia –Ciccio- Basso, Marco Pisanelli Batteria, Angelo Perna Tastiere) sono un fiume, una confluenza musicale che si è compiuta a Roma, ma che arriva da una città lontana dal chiasso di qualsiasi metropoli, Matera. Alcuni dei componenti della band hanno suonato per anni nella Capitale: si chiamavano No Men’s Code e portavano avanti unc rossover senza grandi sconti. Vaste le loro passioni, dal metal più evoluto, quello contemporaneo, al rock storico.
Nel 2004, l’incontro con gli Ar.Ca.Dia, con il canto e l’attenzione alle parole di Gigi, è stato il big bang per una nuova avventura, fatta di punti vista complementari, mai univoci, che hanno innescato unclima assolutamente creativo. Le idee hanno cominciato a rimbalzare fra di loro, arricchendo la prospettiva sonora, portandola verso un pop indipendente contemporaneo, che non ha rinunciato ai momenti di forza e all’elettricità, sul palco e in studio.
Il nome Le Mani nasce per mettere in evidenza un approccio senza rete, di sensibilità pura e semplice nei confronti delle emozioni.
Una parte del corpo che mette costantemente in contatto con la realtà, che può accarezzare e aggredire, come la musica che viene suonata. Dopo l’esordio dello scorso anno, In fondo, a cui hanno fatto seguito numerosi concerti e una serie di riconoscimenti da parte della stampa non solo specializzata, arriva il secondo album, Anno Luce.
” (fonte: Le Mani)

Il loro più grande successo è “Stai bene come stai”, te lo ricordi?

Ora Le Mani inseguono un sogno: partecipare al Festival di Sanremo ormai prossimo. E solo noi possiamo aiutarli a realizzarlo. Come? Votando la loro canzone “Semplicemente” sul sito della Rai.

Come si fa a votarli? Clicca qui, ascolta la canzone e clicca sulle stelline che si trovano sotto il media player. E’ possibile votare fino al prossimo 10 gennaio. Grazieeee!!!!

La Nota Storta

Dic
2009
28

scritto da in C'è Vita a Matera, Cinema & TV

2 commenti

Ehy, materani, oggi alle ore 21.00 partecipate in diretta web alla puntata pilota di una nuova serie di programmi dedicati all’approfondimento delle notizie e fatti locali: La Nota Storta. Ospiti in studio, collegamenti via chat, interventi e servizi esterni con i testimoni ed i protagonisti della vita pubblica lucana.

In questa prima puntata il blogger HB ospita in studio Roberto Cifarelli, presidente del Parco della Murgia Materana ed esponente del centro-sinistra lucano. Che tu sia un fuori-sede o uno stanziale invia le tue domande a Materatown, oppure partecipa in diretta tramite la finestra chat mentre guardi il programma collegandoti al sito www.lanotastorta.info.

scritto da in C'è Vita a Matera, Cinema & TV

Nessun commento

Oggi possiamo dire che inizia il Natale al cinema. Il primo film a tema natalizio fa la sua uscita sul maxi schermo. Sto parlando di “A Christmas Carol“, ennesima elaborazione del romanzo di Charles Dickens a cura della Walt Disney. Questa volta ha come protagonista Jim Carrey nei panni di Scrooge e per la prima volta si può vedere in 3D.

Tra due settimane, il 18 dicembre, tocca invece al cartone animato della Walt Disney di Natale ai due cinepanettoni italiani che si contenderanno la nomination del cinepanettone più visto del Natale 2009.

Il cartone animato che Disney ha creato per questo Natale mi riporta un po’ ai vecchi tempi e mi ricorda un po’ la Sirenetta, la Bella e la Bestia, insomma, quel genere. Si chiama “La Principessa e il Ranocchio“:

[Questo me lo vado a vedere (ovviamente con il mio ranocchietto).]

Per quanto riguarda i cinepanettoni italiani, quest’anno abbiamo da una parte l’intramontabile Christian De Sica con il suo “Natale a Beverly Hills” in cui figurano anche Alessandro Gassman, Emanuele Propizio, Gian Marco Tognazzi, Massimo Ghini, Michela Quattrociocche, Michelle Hunziker, Paolo Conticini e Sabrina Ferilli. || Read more

Julie & Julia

Nov
2009
30

scritto da in Cinema & TV, Clarita in Cucina, Web Area

7 commenti

Qualche giorno fa ho visto il film “Julie & Julia“. E mi è piaciuto parecchio.

Tratto dai bestseller autobiografici “Julie & Julia” di Julie Powell e “La mia vita in Francia” di Julia Child con Alex Prud’homme. Le vite delle due donne, si intrecciano fra loro pur appartenendo a epoche e luoghi diversi. Entrambe senza lavoro scopriranno che la giusta combinazione di passione, coraggio e un pizzico di sale, è una ricetta vincente per rendere tutto possibile.

Julia Child è interpretata dalla bravissima Meryl Streep mentre Amy Addams è Julie Powell.

“La vicenda gira intorno a una donna di 30 anni, Julie Powell (Amy Adams), residente nel Queens che ha un monotono impiego come segretaria. Ha bisogno di qualcosa che spezzi la monotonia della sua esistenza così decide di prendere la copia di sua madre del libro di cucina scritto da Julia Child nel 1961 Mastering the Art of French Cooking. Dopo averlo letto stabilisce di preparare tutte le 524 ricette nel giro di un anno.” (fonte: wikipedia)

Per documentare la sua impresa Julie crea un blog in cui inserisce tutte le ricette che sperimenta. Questo blog esiste davvero: The Julie/Julia project – Nobody here but us servantless American cooks. Grazie a questo esperimento Julie diventa da segretaria una scrittrice, che poi era proprio il suo sogno. Viene contattata da agenti letterari e da giornalisti che la invitano a scrivere un libro su questa sua esperienza. La stessa Julia Child viene a conoscenza dell’esistenza di questo blog e dell’amore di Julie per il suo libro di cucina.

Alla fine di questo film una domanda mi è nata spontanea (cit.): come ha fatto il blog di Julie a diventare famoso senza che Julie l’abbia promosso in alcun modo? Almeno questo è quello che appare nel film: Julie cucina e scrive senza far “vita sociale” sul web. O forse il film ha tralasciato questo aspetto? Per favore, non credete che un sito/ blog si promuova da solo e che basti un argomento interessante per avere molti commenti, è dura farsi conoscere, anche nel web.