Archivio per la Categoria ‘Cose Serie’

scritto da in Cose Serie

Nessun commento

Secondo l’indagine Vivere Insieme, vivere meglio, elaborata da Censis e Coldiretti e presentata a Roma lo scorso 19 settembre, un trentenne su tre vive ancora con i genitori. Complice la crisi, ovviamente, ma non solo.

Qui al Sud il "problema" dei trentenni che vivono ancora con i genitori è abbastanza radicato. Metto le virgolette perchè io non lo definirei proprio un problema, ma anche uno status vivendi. Diciamo che se hai trent'anni e lavori, bisognerebbe crearsi un'indipendenza anche come vita quotidiana. Ma se non lavori capisco perfettamente il fatto di vivere ancora con i genitori. Come si fa a pagare un affitto o un mutuo se si è disoccupati/inoccupati/precari o simili? Insomma, tutta la mia comprensione per questa seconda categoria!!! Senza dubbio a quell'età viene anche spontaneo essere più indipendenti. Ma chi non ha i mezzi, ovviamente, non può farlo!

Magari per incentivare l'indipendenza di questa categoria di giovani potrebbero dare delle agevolazioni sui fitti e sui mutui, che sono la spesa più gravosa. Ma la vedo molto dura. Il problema è che non c'è lavoro, spesso va avanti solo chi è raccomandato e tutto va a scatafascio.

Per sensibilizzare l'opinione pubblica su questo "problema" sono arrivate le Smammas. Ana Flore, Carla, Benedetta e Gisella hanno deciso di non stare a guardare e hanno scelto un modo davvero insolito per portare all’attenzione dell’opinione pubblica il tema ‘squisitamente Made in Italy’ dei giovani che, seppur meritevoli, rimangono in casa fino a trent’anni.

Il testo della canzone riprende le raccomandazioni tipiche dei genitori e l’iniziativa ha uno scopo semiserio: le Smammas vogliono incoraggiare i propri figli a trovare insieme una soluzione a questo problema. E per farlo hanno bisogno dell’aiuto di tutti i ragazzi e ragazze italiani e, ovviamente, della musica R&B. || Read more

scritto da in C'è Vita a Matera, Cose Serie, Web Area

Nessun commento

Ogni tanto anche qui a Matera fanno dei convegni davvero interessanti (per me). Sabato 9 giugno, dalle ore 9 alle ore 18.30, presso la Casa Cava in Via San Pietro Barisano, ci sarà “Matera e-Day”, il Convegno dedicato al commercio elettronico nella città dei Sassi.

Questa manifestazione è stata pensata per avvicinare la città dei Sassi e la sua realtà economica alle tematiche legate all’informatizzazione ed all’utilizzo della piattaforma web, il canale di vendita che offre ad oggi le maggiori potenzialità in termini di crescita.

Credo che questa sia davvero un evento da non perdere per gli amici imprenditori e commercianti visto che il web può essere un modo per differenziare l’offerta. Oggi come oggi spesso è più conveniente fare acquisti online e molte imprese commerciali offrono proprio esclusivamente questo servizio, visto che hanno dei guadagni maggiori rispetto a quelle tradizionali. Insomma, il web spesso e volentieri conviene parecchio.

Tutte le informazioni e il programma dell’evento si trovano qui: http://www.materaeday.it/.

Io spero vivamente di poterci fare un salto. Paola e faccende domestiche permettendo.

scritto da in Cose Serie

1 commento

Francesca, una mia amica mamma di Margherita, nata solo 2 giorni dopo la mia Paola, mi ha chiesto di render noto su questi schermi un evento che sta organizzando con tutte le sue forze. Come dirle di no? Solidarietà tra mamme e donne imprenditrici!!! E poi è un evento davvero delizioso e cioccolatoso. E chi dice di no alla cioccolata?

Dunque… Si terrà il 28 e il 29 p.v. a Villa S. Maria (CH) presso il Museo del Cuoco la kermesse enogastronomica Lattefondente, a cura dell’associazione culturale Akedà. Una due giorni pensata per grandi e piccini, tutta dedicata al cioccolato declinato nei suoi molteplici aspetti. Saranno presenti i maestri cioccolatai Massimo Tavoletta e Ezio Centini che guideranno i partecipanti ad esplorare il “dietro le quinte” del lato gustoso del cioccolato ossia la raffinata arte della sua lavorazione. L’Associazione Italiana Sommelier e l’Associazione “Custodi della tradizione” si occuperanno di metterne in risalto il lato “raffinato” attraverso un minicorso sulle tecniche di abbinamento tra vino e cioccolato e un aperitivo accompagnato da musica live, mentre la presenza di Mariano Calvisi e Maria Teresa Spagnoli, titolari della ditta Dolci Aveja, offrirà spazio ad una riflessione sulla dimensione sociale del cioccolato attraverso una testimonianza della loro esperienza di maestri dolciari nella città dell’Aquila devastata dal sisma del 2009.

La kermesse si chiuderà con un talk show sulle chicchere di Castelli che vedrà protagonisti Enzo De Rosa, sindaco di Castelli, lo storico dell’arte Vincenzo De Pompeis e il sindaco di Villa Santa Maria, Vito Paolini.

Foto di geomangio

L’Associazione culturale Akedà nasce nel maggio 2011 per iniziativa di tre storiche dell’arte; è presieduta da Silvia Moretta (Presidente) e Francesca Larcinese (Vicepresidente – la mia amica mamma), incentra le sue attività e la sua stessa istituzione sull’esigenza di promuovere e valorizzare lo straordinario patrimonio culturale, artistico, archeologico, naturalistico ed enogastronomico della regione Abruzzo. || Read more

scritto da in Cose Serie, Momenti di Festa

Nessun commento

E’ iniziato un nuovo e sfavillante anno. Ci lasciamo indietro i regali di Natale, le ingordigie del cenone di Capodanno e guardiamo avanti alla fine delle feste, all’Epifania. E sì, è davvero vicina e dobbiamo preparare anche qualche dono per i nostri amici, vero?

Io una proposta alternativa alla solita calza ma molto bella e anche solidale ve la do. Si chiamano gli Spacchettati e sostengono le (buone) azioni della Oxfam Italia, associazione umanitaria parte di una grande coalizione internazionale, formata da 15 organizzazioni che lavorano in 98 paesi per trovare soluzioni durature all’ingiustizia della povertà nel mondo.

spacchettati

Cosa sono questi spacchettati? Sono dei regali utilissimi per chi ne ha davvero bisogno: ci sono capre, asini, mucche, quaderni… ce n’è per tutti i gusti! Ah, ovviamente i veri regali (cioè la mucca, per esempio) non li ricevono i vostri amici, ma qualcuno che ne ha davvero bisogno nel mondo. E una cosa fantastica è che questo regalo non teme doppioni, visto che una buona azione è unica ed inimitabile.

Come fare allora a regalare uno degli Spacchettati? Andate sul sito www.glispacchettati.it, scegliete i vostri regali e il destinatario riceverà una cartolina virtuale o cartacea di ciò che insieme avete donato a chi è meno fortunato. Originale, vero?

Ah, gli Spacchettati sono anche su Facebook.

Articolo sponsorizzato