Archivio per la Categoria ‘Da “The Style Glossy”’

scritto da in Da "The Style Glossy"

Nessun commento

By Valli Herman for The Style Glossy

Prenditi cura dei tuoi capelli come ti prendi cura della tua pelle

Da adolescenti tendiamo a dare per scontato che i capelli siano morbidi e setosi tanto quanto la pelle sia senza rughe. A un certo punto, intorno ai trent’anni, ci potrebbe capitare di notare che la nostra chioma non è poi più così giovane. Come una truppa di guerrieri pronti all’assalto inizieranno a spuntare indomabili le ciocche grigie, e quelli che un tempo erano capelli morbidi improvvisamente diventeranno secchi, sfibrati e devitalizzati, e non saranno più recettivi ai soliti prodotti per lo styling.

Non c’e’ bisogno di disperarsi. Gli scienziati stanno studiando come i capelli cambiano mentre invecchiamo, esaminando sia come sono influenzati dagli agenti esterni (come i raggi solari o l’eccessivo calore per via dello styling) e anche fattori interni (come i cambiamenti ormonali) che possono avere effetti sia sulla brillantezza che sulla texture. Il risultato, dice Steven Shiel esperto di cura per capelli Pantene con un dottorato in chimica organometallica, è un complesso di tecniche e prodotti anti-età disegnati per aiutare i nostri capelli a mantenere la propria brillantezza, densità ed elasticità.

Ecco una guida per far apparire i propri capelli al meglio.

Ravviva la luminosità giovanile
L’esposizione a raggi solari, trattamenti chimici e fonti di calore troppo forti, nel corso degli anni possono danneggiare le cuticole dei capelli creando una superficie non uniforme che assorbe la luce senza rifletterla. Allo stesso tempo, dopo i trenta, gli oli naturali del corpo che enfatizzano la lucentezza naturale vanno progressivamente diminuendo. “Invecchiando la produzione di sebo diminuisce,” spiega Shiel, “e questo determina cute e capelli più secchi.”

Si può restituire lucentezza ai capelli a ogni lavaggio utilizzando un regime che include un balsamo. Cerca gli ingredienti cetyl alcohol e dimethicone – che preservano idratazione e luminosità – e un trattamento intensivo nutriente che puoi usare una volta alla settimana. Per un immediato effetto splendente, aggiungi uno spray fissante illuminante alla tua routine quotidiana di styling.

Crea più volume
Se gli uomini tendono a stempiarsi oppure a soffrire di calvizie, nelle donne l’invecchiamento dei capelli si manifesta con un assottigliamento progressivo del fusto il cui diametro si rimpicciolisce progressivamente nel corso del tempo. Potresti notare, ad esempio, che per farti una coda di cavallo che tenga hai bisogno di dover attorcigliare due volte l’elastico.

Anche la texture dei capelli cambia. “Assottigliandosi i capelli possono anche diventare fini e devitalizzati,” spiega Shiel, “con il risultato di una capigliatura piatta se lo shampoo o il balsamo sono troppo pesanti.” I prodotti disegnati specificamente per i capelli fini contengono ingredienti detergenti che rimuovono gentilmente oli accumulati sulla cute, sporco e residui di styling, tutti elementi che potrebbero far afflosciare i capelli.

Per capelli più voluminosi, le mousse non dovrebbero mancare nel kit per lo styling, suggerisce l’esperto di capelli John Gray, autore di The World of Hair. Le mousse contengono la più grande concentrazione di polimeri cationici, elementi che Gray chiama “colpi magici” che aiutano a inspessire le ciocche di capelli fini.

Strano ma vero, colorare i propri capelli di fatto può aiutare i capelli fini a sembrare più spessi, sani e voluminosi. Questo perché i coloranti fanno alzare le cuticole, inspessendo ogni singola fibra capillare. Le meches regalano un’ulteriore densità alla chioma grazie al contrasto tra toni chiari e scuri.

Chiome trattate
Ma se è vero che la colorazione dona ai capelli un aspetto più corposo, allo stesso tempo tingere o schiarire i capelli non vuol dire solo alterarne il colore ma anche la struttura. I capelli trattati assumono una carica negativa, e diventano così predisposte a essere più ruvide, spente e vulnerabili ai danni. La prima mossa di prevenzione è usare gli strumenti di styling caldi con cautela. Prima di fare la messa in piega o di usare il ferro per stirarli, applica un prodotto che protegge i capelli dai danni causati dal calore troppo forte. Seleziona la temperatura più bassa per ottenere lo styling che vuoi senza danneggiare i tuoi capelli.

Un altro modo per prevenire è quello di usare shampoo e balsamo formulati per capelli colorati e trattati. Questi contengono filtri UV per proteggere i capelli dai raggi solari che tendono a sbiadire la colorazione e a trasformare le meches in ruggine, ma anche ingredienti idratanti che proteggono e lisciano le cuticole maltrattate.



scritto da in Da "The Style Glossy"

Nessun commento

By Nicole Pearl for The Style Glossy

4 Prodotti di Bellezza da Tenere nel tuo Beauty Case

Ogni estate cambio un po’ di prodotti nel mio beauty case. Ecco quattro prodotti che faccio in modo di avere sempre a portata di mano:

Lucida labbra con filtro solare: il rossetto mantiene la bocca idratata durante il freddo invernale, ma le tonalità scure possono sembrare troppo dure durante una luminosa giornata di sole. Quando inizi a eliminare maglioni e cappotti, pensa anche alle labbra e inizia a giocare con formule più delicate come gloss e lucidalabbra. Sono il complemento perfetto alla spensieratezza estiva, perché offrono un tocco di colore e una lucentezza sexy che è ulteriormente enfatizzata dalla luce del sole. Quando scegli il tuo prodotto, assicurati che abbia un fattore protettivo di almeno 15. Il cancro può svilupparsi anche sulle labbra, quindi sempre più aziende stanno creando lucidalabbra con filtri solari.

Terra abbronzante: Il modo più veloce per donare al viso un colorito sano? Tieni una terra abbronzante a portata di mano. Scegli una tonalità un po’ iridescente da applicare dove il sole colpirebbe naturalmente la tua pelle. Un buon consiglio è quello di iniziare sugli zigomi e continuare formando una “C”, passando una spolverata sulle tempie e finendo sulla fronte.

Mattifier: Spesso vengono sottovalutati, eppure i mattifier, ovvero i trattamenti opacizzanti, sono la chiave per risolvere uno dei problemi più comuni che affligge le donne durante i mesi estivi: la pelle lucida. Lo scopo di un prodotto opacizzante è quello di fare esattamente quello che dice la parola stessa: dare una finitura opaca alla pelle del viso. I mattifier sono fatti con ingredienti in grado di assorbire gli oli che producono i pori prima che una chiazza di grasso percorra tutto il vostro viso. I miei prodotti opacizzanti preferiti sono quelli con una doppia o tripla funzione. Alcuni idratano e forniscono protezione contro il sole, altri agiscono come primer o fondotinta.

Ombretto luminoso: Sottolinea gli occhi con nuance vivaci come il giallo canarino e il verde erba, colori che hanno dato vita alle passerelle primaverili. Se usare un ombretto troppo intenso vi spaventa, un modo più facile per interpretare questo trend e’ quello di applicare un eyeliner luminoso sulle ciglia superiori o inferiori.

Photo: @iStockphoto.com/dachimage

Nicole Pearl scrive di bellezza per una serie di pubblicazione ed è la fondatrice di TheBeautyGirl.com, un sito web che vi offre notizie rubate dietro le quinte, ma anche consigli e tendenze su tutto quello che e’ il mondo beauty.



scritto da in Da "The Style Glossy"

Nessun commento

By Wendy Schmid for The Style Glossy

Trasforma il tuo Beauty Case

Con tutti i cosmetici che ci sono sul mercato, è molto facile accumulare un bel numero di prodotti. Quando li conserviamo per troppo tempo però, i cosmetici invece di migliorare la tua carnagione possono comprometterla con colori e profumi strani. In più possono anche diffondere batteri.

Col tempo i conservanti smettono di funzionare in modo efficace ed è possibile che stafilococchi, funghi e lieviti contaminino il trucco che è stato conservato dopo la sua scadenza,” dice la dermatologa Francesca Fusco. Quindi ricordati di tenere il tuo arsenale di accessori beauty ben curati e aggiornati quest’anno!

Ma iniziamo dall’ABC. Pat McGrath, direttore creativo di Procter & Gamble dice che sono questi i prodotti di bellezza fondamentali per un beauty case perfetto: fondotinta, correttore, cipria, fard e terra abbronzante, ombretto, eyeliner, rossetti dai colori più “sicuri” e più “temerari”, e infine il mascara. Ora puoi usare la seguente scheda per capire quando è arrivato il momento di buttare i prodotti di bellezza. Il conto alla rovescia inizia quando si apre il prodotto.

Fondotinta: da 6 a 18 mesi
Se vivi in un clima caldo e/o umido, il fondotinta liquido o in crema può rovinarsi dopo appena sei mesi. “Butta via il fondotinta se noti delle separazioni nel prodotto oppure se il liquido inizia a diventare granuloso o troppo spesso,” dice la make up artist delle celebrity Sue Devitt. Se conservato in un luogo fresco (che non sia sotto le luci del tuo armadietto dei medicinali), il fondotinta liquido può rimanere fresco fino a un anno. Le formulazioni in polvere invece dureranno altri sei mesi, basta che ci si ricorda di lavare l’applicatore in spugna ogni settimana.

Consiglio: Annusa il fondotinta al momento dell’acquisto. “Se noti dei cambiamenti, buttalo via,” consiglia la make up artist Joanna Schlip che ha lavorato con celebrity come Sandra Bullock e Sarah Jessica Parker. “Non vale la pena conservare il prodotto e rischiare così problemi alla pelle.”

Correttore: da 6 mesi a 1 anno
I correttori in stick e in polvere durano circa un anno, ma le formule liquide durano la metà del tempo. Anche qui fai attenzione ai cambiamenti di colore, consistenza e odore.

Cipria in Polvere: fino a 2 anni
Mentre usi la cipria per uniformare la carnagione, l’umidità e il sebo possono trasferirsi dalla pelle alla polvere del prodotto. Per prolungare la vita della tua cipria pulisci il pennello settimanalmente con shampoo e un detergente delicato, o sostituisci la spugnetta e gli applicatori quando sono troppo usati. Se è vero che la cipria può durare fino a due anni, bisogna buttarla nel caso si formi una pellicola superficiale prima di allora.

Fard e Terra Abbronzante: da 6 mesi a 2 anni
Una terra abbronzante regalerà un colorito puro e intenso per circa due anni. Ma considerate bronzer e fard liquidi scaduti dopo 12 mesi. Fard e bronzer in crema spesso sono disponibili in barattolo oppure compatti da applicare con le punta delle dita, quindi fai attenzione a eventuali cambiamenti di texture dopo 6 mesi e getta via tutto dopo un anno.

Ombretto in Polvere: fino a 2 anni
Come la cipria, anche l’ombretto può vedere ben due compleanni. Ricordati di pulire il pennello applicatore periodicamente, dice Fusco, in modo che i batteri intorno alla zona degli occhi non si depositi nel contenitore dell’ombretto.

Eyeliner Liquido: 3 mesi a 1 anno
Se l’eyeliner si sta seccando e non puoi più realizzare degli occhi di gatto stile Brigitte Bardot, potrebbe essere necessario dirgli addio dopo solo tre mesi. Altrimenti l’eyeliner può essere usato per ben un anno. “Sai che è ancora buono se si applica senza problemi,” dice Schlips.

Matita per gli Occhi: da 1 a 2 anni
Per fortuna, puoi tenere la tua scorta di matite colorate per ancora un altro po’ di tempo. Questo perché la maggior parte ha una base in cera e i batteri non possono crescere sulla cera, osserva Devitt. Consiglio: tempera le matite una volta alla settimana per tenerle al fresco.

Mascara: da 3 a 6 mesi
Appena l’odore si fa strano oppure vedi che la bacchetta è quasi asciutta quando la tiri fuori, è il momento di dire addio al mascara. “Il mascara è il prodotto dove i batteri possono crescere più facilmente,” spiega Fusco, “perché lo passiamo ogni volta vicino alla membrana mucosa sotto la base delle ciglia.”

Rossetto: fino a 2 anni
Quei rossi audaci e quei viola profondi che tieni in serbo per le serate importanti dureranno un paio d’anni perché i rossetti generalmente contengono cera nella loro formulazione.

Lucidalabbra: 1 anno
Dodici mesi…. anche se applicandoli spesso è probabile che finirai tutti i tuoi gloss preferiti prima del tempo!

Photo: Corbis Images



scritto da in Da "The Style Glossy"

Nessun commento

By Holly Crawford for The Style Glossy

Il Guardaroba di Denim Perfetto

Trovare un paio di jeans davvero buoni è alla base di ogni guardaroba che si rispetti, ma preparare una collezione di stili essenziali può essere difficile e demoralizzante. Prima di gettare la spugna, ecco un po’ di consigli dalla stylist Bridget Boggess, fondatrice di Dress Marie fashion consulting, su come costruire il tuo guardaroba di denim perfetto.

Il “Fit” Perfetto
Sia che tu stia cercando nel tuo guardaroba o facendo shopping in un negozio, pensa per prima cosa al “fit”, ovvero l’indossabilita’ del capo. La regola numero uno di Boggess è: un capo troppo grande può essere modificato su misura, uno troppo stretto è da evitare. I jeans possono essere troppo stretti anche quando non impediscono la circolazione; fai attenzione che non tirino da qualche parte o che ci siano troppe grinze sul cavallo dei pantaloni. “I jeans non devono mai essere troppo in tensione, anche se sono stretch,” raccomanda Boggess. Non devi mai apparire come se stessi indossando dei pantaloni da lavoro di spandex.

I 5 Jeans da Possedere

1. Jeans a gamba dritta. Una volta trovato il fit giusto, acquistane due paia diversi. “Compra un jeans adatto a essere indossato con scarpe basse e un altro con i tacchi,” dice Boggess. Per quanto riguarda i colori, un lavaggio scuro dona maggiormente perché crea linee più lunghe e slanciate.

2. Skinny jeans. Uno degli stili più versatili, gli skinny jeans possono essere indossati in tre modi diversi. “Provali con i tacchi per un effetto gambe-lunghe, arrotolati alla caviglia con scarpe basse, oppure infilati negli stivali d’inverno,” dice Boggess. Anche se pensi di non avere il fisico adatto per indossare skinny jeans, pensa a questi pantaloni come un capo da usare per fare layering, come faresti con i legging.

3. Pantaloni di denim. Hanno l’aspetto di pantaloni classici solo che invece di essere fatti in lino o cotone, il materiale usato è il denim. Indossali per un appuntamento romantico oppure un venerdì sera informale. Non li lasciare in giro per casa e tienili sempre stirati.

4. Jeans alla moda. Sono tutti gli stili a vita alta, consumati, strappati, con le toppe oppure i boyfriend-jeans, rubati al guardaroba maschile. “Portali per una stagione, per rinnovare il tuo guardaroba e mixandoli con capi classici,” raccomanda Boggess. Ricorda di non spendere tanti soldi per comprare qualcosa di tendenza che userai solo per una stagione e, soprattutto, non indossare un capo solo perché va di moda. “Se esprime la tua personalità, fai pure,” dice Boggess. “Altrimenti, salta pure il trend.”

5. Jeans di stagione. Prova altri colori come il bianco, il nero oppure il grigio che sta bene con tutto. “Il bianco è perfetto per l’estate e il nero per l’inverno,” dice Boggess.

 

Elimina i Jeans Che Sono….

1. Troppo stretti. Se ti devi sdraiare per chiuderli, vuol dire che sono troppo stretti.

2. Pieghettati. Le pieghe regalano volume dove non vuoi averne: i fianchi.

3. Capri. I pantaloni alla zuava tagliano le gambe facendole sembrare più corte. Tutt’al più scegli dei pantaloni tagliati alla caviglia.

4. Vita troppo bassa. Modelli dalla vita esageratamente bassa vi faranno apparire più bassa, ma potranno anche creare ritenzione addominale, maniglie dell’amore e grasso sulla schiena!