Archivio per la Categoria ‘New Technologies’

scritto da in New Technologies

2 commenti

Il Canon Day è un evento organizzato per conoscere i nuovi prodotti di casa Canon. Questa volta questa manifestazione viene organizzata proprio vicino alla mia città e quindi non posso di certo perdermela, da amante/dilettante della fotografia.

Dopodomani, venerdì 11 dicembre, l’appuntamento è presso Photomirko, in via Meninni, 55 a Gravina in Puglia (BA), a una manciata di chilometri dalla mia Matera. L’evento avrà inizio alle 16.00 e terminerà per le 22.00.

Sarà presente il personale autorizzato della Canon a mostrare gli ultimi prodotti e a farli provare ai partecipanti. In più ci saranno musica dal vivo, una degustazione di prodotti tipici e tanto altro che puoi leggere nel programma dell’evento.

L’ingresso è gratuito e libero per tutti.

Yes, we canon!

scritto da in C'è Vita a Matera, New Technologies

Nessun commento

L’Agenzia spaziale italiana e la Regione Basilicata hanno sottoscritto lunedì un accordo che prevede investimenti del valore di 24 milioni di euro per sviluppare il Centro di Geodesia Spaziale “Giuseppe Colombo”. Qui opera oltre all’Agenzia Spaziale Italiana anche la società E-Geos che ha per oggetto lo svolgimento di attività di sviluppo, produzione e commercializzazione di servizi, prodotti ed applicazioni nel settore dell’Osservazione della Terra.

Le attività del polo di Matera saranno ampliate ed integrate con la creazione di un centro di eccellenza per l’interpretazione dei dati di osservazione della Terra rilevati da satellite (Cidot), di una rete di Remote Sensing per il monitoraggio del territorio, di un centro permanente per l’alta formazione, di un parco scientifico e spaziale.

Nascerà così una “Cittadella dello spazio” di Matera, in cui potranno coesistere ed integrarsi ricerca, formazione, divulgazione, impresa e sperimentazione, anche con il coinvolgimento dell’Università di Basilicata e favorendo lo sviluppo del tessuto produttivo e della rete di imprese e consorzi per lo sviluppo tecnologico e il monitoraggio ambientale.

Il Centro di Calcolo del Cidot (Centro di interpretazione dei dati di osservazione della Terra) coopererà con la Difesa, l’università e l’industria, per l’interpretazione dei dati di Osservazione della Terra ad alta e altissima risoluzione sia in ambito civile che militare, in particolare sfruttando i dati della missione COSMO-SkyMed. Il Parco scientifico e spaziale ha l’obiettivo di diventare il centro di riferimento del Mediterraneo per la divulgazione scientifica e gli studi astronomici e astrofisici, tanto per il mondo scolastico e universitario quanto per il mondo produttivo e delle istituzioni. Infine la Rete fiduciale di “Remote Sensing” in Basilicata servirà al monitoraggio del territorio, in particolare per quanto riguarda le frane ed i fenomeni di subsidenza (abbassamento della superficie terrestre), nonché per il monitoraggio dei bacini idrici.

“La stazione di Matera – ha detto Saggese – diventerà sempre di più un centro strategico per l’attività dell’Asi a livello mondiale come già testimoniato dall’esperienza di Cosmo SkyMed. Stiamo costruendo la terza generazione di Cosmo Skymed in cui il centro di interpretazione dei dati di Matera diventa strategico per l’intero Paese”. || Read more

LinuxDay 2009

Ott
2009
21

scritto da in C'è Vita a Matera, New Technologies

2 commenti

Sabato 24 ottobre 2009, anche a Matera sarà “festeggiato” il LinuxDay 2009 che è una manifestazione nazionale, articolata in eventi locali, che ha lo scopo di promuovere Linux e il software libero.

Qui da noi la giornata è organizzata da Associazione Loe Bottega del Mondo, Agesci, Associazione Strane Nuove e FIDAS. L’appuntamento è alle ore 17.00 presso la Bottega del commercio equo in Via delle Beccherie, 63 a Matera (ecco il programma completo dell’intero pomeriggio). I seminari realizzati dai partecipanti, dalla durata di 15 – 20 minuti l’uno, inizieranno alle 18:00 e verteranno su:

  1. Aspetti di sicurezza dei sistemi GNU/Linux a cura di Francesco Silvestri
  2. Presentazione di una distro Live dedicata all’Analisi dei dati ambientali, a cura di Massimo Di Stefano
  3. Il Software Geografico Libero: Individuazione dei Rischi di Inondazione, a cura di Margherita Di Leo
  4. Avvicinarsi a Linux: installazione di Ubuntu in abbinamento a Windows mediante WUBI e, nel tempo morto dell’installazione
  5. Linux nelle Pubbliche amministrazioni: esempi pratici di risparmio, Linux come strumento di riscatto e crescita nel Terzo Mondo, a cura di Angelo Giordano
  6. Contemporaneamente, presso l’Accademia del Fumetto, a cura di Enzo Epifania, laboratorio sulla grafica con The Gimp

Il termine della manifestazione è previsto per le ore 21:00.

Partecipare non costa nulla. Basta iscriversi al sito dedicato all’evento e presentarsi all’appuntamento.

Io, purtroppo, sarò fuori Matera e non potrò esserci. 🙁

scritto da in New Technologies, Questa è la mia Vita

3 commenti

Foto di Shapeshift

Mi avevano detto che iPhone creasse dipendenza ma non credevo fino a questo punto. Almeno per me. Da quasi un mese la mia vita è stata letteralmente rivoluzionata dall’uso di questo “diabolico” marchingegno. Vediamo come.

  1. Appena sveglia prendo in mano l’iPhone e mi aggiorno su cosa bolle in pentola già nelle prime ore del mattino: controllo le previsioni del tempo, la posta elettronica, le mie pagine su Facebook, Twitter e Friendfeed e do il buongiorno a tutti. Idem al momento della buonanotte. Il tutto comodamente sotto le mie copertine, senza alzarmi per attivare la connessione wifi, visto che ho 1 GB di traffico incluso nel canone mensile e devo pur utilizzarlo;
  2. Vado in ufficio (a piedi), ovviamente dotata di cuffiette nelle orecchie per ascoltare le mie canzoni preferite dall’iPhone;
  3. Ogni volta che qualcuno mi telefona appare la sua foto sull’iPhone. Il tutto settato con fatica pari a 0 grazie a fEx che ha sincronizzato i miei contatti presenti nella rubrica dell’iPhone con i miei amici su Facebook.
  4. Ogni qualvolta necessiti di un’informazione particolare ho sempre lo zio Google a portata di mano a cui chiedere l’aiuto da casa. E mi risponde in pochissimi secondi.
  5. Grazie alle varie applicazioni installate tutto è intorno a me (altro che la Vodafone – che forse ha capito e ha cambiato pay-off): quando parcheggio la macchina ho un’applicazione che mi ricorda dove l’ho lasciata e anche a che ora scade il “grattino” del parcheggio;
  6. Ho in mano la situazione di tutti i treni in Italia: ritardi, tratte e costi. E addirittura posso visualizzare le rotte degli aerei in tempo reale. L’agenzia di viaggi a me mi (figura retorica) fa un baffo;
  7. Posso registrare i miei programmi televisivi preferiti (tranne quelli sulle reti di Mediaset) direttamente dal mio iPhone (previa registrazione a VCast);
  8. Posso ascoltare le radio di tutto il mondo e anche guardare alcune TV;
  9. Non devo lasciare per strada le briciole di Hansel e Gretel per ritrovare la strada del ritorno ma ho un potente GPS che mi localizza dappertutto (con bussola annessa e connessa);
  10. Quando mi ferma per strada qualche turista che parla una lingua a me sconosciuta, so come aiutarlo visto che ho un traduttore potente nella manica.

Insomma, ho già scoperto un mondo fantastico (e mi sento molto Heidi) anche se credo di essere ancora all’inizio dell’esplorazione 🙂

E tu? Cosa sai fare con il tuo iPhone? Hai qualche aneddoto particolare da raccontare?