Archivio per la Categoria ‘Questa è la mia Vita’

scritto da in Io mamma?, Questa è la mia Vita

Nessun commento

Da qualche mese è presente nei supermercati una nuova linea per bambini targata Granarolo. Ora anche quest’azienda si è “attrezzata” per i nostri piccoli birbanti, pensando a dei prodotti solo per loro. Potevamo non provarla qui a casa? Ovviamente la risposta è sì 😀

Innanzitutto questi prodotti sono destinati ad un pubblico di marmocchi da 1 a 3 anni visto che sono stati studiati tenendo conto dei loro fabbisogni calorici. E anche i loro fabbisogni di nutrienti: infatti contengono anche vitamine che a quell’età di sicuro male non fanno.

Nel banco frigo dei supermercati è possibile trovare:

  • il Latte crescita 3a pastorizzazione elevata fatto con latte fresco italiano Alta Qualità appositamente selezionato, integrato con minerali (in particolare calcio) e vitamine (in particolare vitamina D), acidi grassi essenziali e fibre (galattoligosaccaridi) e senza aromi;
  • La Merenda Fresca YogurtCrescita,alimento per l’infanzia, che, per primo, è a base di Yogurt fatto con Latte fresco italiano Alta Qualità, ai gusti fragola, banana e bianco dolce. Anche questa merenda fresca è priva di  aromi. Contiene yogurt, frutta, zucchero e vitamina B6. I vasetti sono da 100 gr : una giusta misura per la merenda dei nostri piccoli da 1 ai 3 anni;
  • La Crema Crescita è un alimento per l’infanzia ai gusti fiordilatte e cioccolato al latte. E’ prodotta con l’86% di latte fresco italiano Alta Qualità, e, come la merenda fresca yogurtcrescita, soddisfa il fabbisogno calorico della merenda per bambini di questa età   Anche  i vasetti della Crema Crescita sono da 100 gr, una quantità giusta per la loro età e per la comodità della mamma.

Mia figlia ha gradito questi nuovi prodotti. Alla fine, la quantità è giusta per la sua età (ha 19 mesi) e fatti con latte fresco Alta Qualità tutto italiano.

Articolo sponsorizzato

Questa sono io.

Set
2012
03

scritto da in Io mamma?, Questa è la mia Vita

Nessun commento

Da www.nostrofiglio.it

Mia figlia lo dice ancora “mmmmaaaaammmmmaaaaa”. E lo dice solo quando è disperata, quando ha bisogno di qualcosa. Per tutto il resto c’è “Papà”, detto con occhi e voce sognante. Nelle foto c’è papà (quelle di coppia, l’altra sono io), al telefono c’è papà (quando fa finta, ma anche quando ci sono io dall’altra parte del filo), fuori, per strada, c’è papà.

Sì, forse quel masochista ci sta bene là sotto. E oggi sono 16 mesi che faccio questo lavoro.

scritto da in Cronache casalinghe, Io mamma?, Questa è la mia Vita

2 commenti

Non aggiorno il blog dal 31 marzo. Un record per me! Neanche quando ho partorito è successa una cosa simile. Vi dico la verità: ho davvero un calo di ispirazione. Ho così tante cose da fare che non ho più il tempo di cercare notizie carine sul blog e postarle in questo posto. Dovrei raccontarvi delle mie faccende casalinghe, o di mia figlia, o del mio lavoro? Forse, un blog è anche questo.

Dunque, facciamo il riassunto delle puntate precedenti, cercando d’ora in poi di aggiornare il blog un po’ più spesso:

  1. Sono a dieta, ho perso più di 6 kg e dunque ricettine super buone non ce ne ho. Volete le ricettine light? Diciamo che più o meno le trovate già qui dentro;
  2. Mia figlia ha compiuto 1 anno: festicciola tra i parenti con palloncini, rustici, pan brioche e torta fantastica con decorazioni fatte a mano (non da me). E sudore per organizzare il tutto nei minimi particolari e soprattutto nei minimi tempi;
  3. Ho smesso di allattare. Magari su questo posso scriverci un post, sì, su come allattare e smettere di allattare senza troppi traumi #bookmark;
  4. Ho festeggiato la mia seconda festa della mamma… emoZZZione!!!
  5. Non frequento più molto i social network. Non c’ho proprio tempo, ohibò!
  6. Ho perso 2 taglie, ho l’armadio che non capisce più chi è la sua padrona (visto che prima della gravidanza ero una 42-44 e poi sono passata, dopo il parto ad una 50, poi 48, poi 46 e ora sono tornata alla 44, dunque ho vestiti di ogni taglia) ma io almeno sono felice che ho fatto un po’ di shopping;
  7. Scrivo sempre su Detto fra noi. Di sicuro molto più di là che di qua;
  8. Nei momenti liberi cerco di fare un po’ di pulizie di primavera dentro casa. Sono a metà casa. Si vede che di tempo ne ho proprio poco;
  9. In studio abbiamo iniziato il periodo clou che terminerà a fine luglio. In sostanza, non ho il tempo neanche di fare “dlin dlin”;
  10. Cos’è la televisione? Cos’è il cinema? Cos’è il relax? Parole sconosciutissime, ormai, nel mio nuovo vocabolario.

E ora devo correre a stirare, aiutooooooooooooo!!!! Mamme (lavoratrici) di tutto il mondo, una piccola parola di conforto, please!

scritto da in Cronache casalinghe, Momenti di Festa, Questa è la mia Vita

Nessun commento

Oggi, 31 dicembre. Mancano davvero poche ore all’arrivo del 2012. Tutto il Mondo in fermento per dare il benvenuto al nuovo anno. Ed io? No, quest’anno appartengo alla schiera degli “a letto con l’influenza” e così niente pailettes e cotillons, niente a e i o u y e niente Brigitte Bardot.

Quest’anno alla 24 sarò nel mio lettone a fare un divertentissimo Pigiama Party con mio marito, anche lui febbricitante, ma in silenzio, visto che avremo nostra figlia nel suo lettino accanto al nostro, già alla 3^ ora di sonno. Credo che a quell’ora almeno sveglierò mio marito per una termometrata matrimoniale così vediamo con che temperatura corporea saluteremo il 2012. E l’unica consolazione è questo portatile che mi sta tenendo compagnia da 2 giorni, tra bacinelle, vomiti e squaraus. Ah, sì, c’è anche la Tachipirina qui onnipresente, e spero che vada via al più presto.

Poichè la mia mente non sta ferma neanche durante i conati di vomito, volevo trovare dei vantaggi nel trascorrere il Capodanno così, come degli appestati virulenti e puzzolenti.

Poi se avete qualcosa da aggiungere, ben venga.

  1. Niente soldi per il cenone di fine anno: circa 200 euro risparmiati se si va al ristorante;
  2. Niente litigate con lo specchio per decidere cosa mettersi, come truccarsi e “cacchio, ho messo 15 kg e sembro una balena”: pigiamino largo, calzini, elastico tra i capelli e via, sotto il piumone;
  3. Niente file al supermercato per la spesa, niente cucina sporca, niente alzataccia per mettere tutto in ordine: riso in bianco rulez;
  4. Niente attesa al parrucchiere e all’estetista, niente stratagemmi per organizzarsi e fare tutto il fattibile;
  5. Niente perdita di tempo nel decidere dove andare, con chi, quando, perché e come;
  6. Niente abito nuovo che usi a Capodanno e non sai quando userai più: un pigiama è per sempre;
  7. Niente stomaco “abbottato” per le ingordigie di fine anno e di inizio 2012;
  8. Niente rischi di prendersi malanni di stagione in luoghi affollati e/o al freddo, tanto il malanno di stagione ce l’abbiamo già;
  9. Niente kg in più dopo-cenone, con questa influenza ho perso 1,5 kg in 2 giorni;
  10. Niente rincoglionimento da “abbiamo fatto l’alba”: stasera riso in bianco, tachipirina e subito al letto.

Insomma, speriamo che il 2012 non sia un anno di cacca, nel vero senso della parola, come finisce questo 2011.

TANTI AUGURI A TUTTI!!!