scritto da in Clarita in Cucina

Nessun commento

Uno dei piatti che preparo per cena per la mia famiglia sono le sogliole alla mugnaia. E’ saporito, gustoso, ottimo per concludere una pesante giornata di lavoro. E, cosa più importante, è velocissimo e facilissimo da preparare.

INGREDIENTI (per 2 persone):
2 sogliole già pulite
1 limone
olio, farina, prezzemolo q.b.

PREPARAZIONE:
Lava le sogliole. Asciugale con della carta assorbente. Ungile leggermente con un filo d’olio e passale nella farina per impanarle. Intanto metti sul fuoco una padella con un dito abbondante d’olio. Quando l’olio sarà ben caldo, mettici le sogliole e falle cuocere per una decina di minuti girandole un paio di volte delicatamente. Quando sono pronte, mettile nei piatti, salale e irrorale di succo di limone e prezzemolo tritato.

E’ una ricetta che piace anche a tutti i bambini. Da provare con quelli che non mangiano pesce. Sicuramente dopo aver provato le sogliole cambieranno idea.

scritto da in Da "The Style Glossy"

Nessun commento

By Holly Crawford for The Style Glossy

Quale scollatura vi dona di più?

Quando dovete scegliere una T-shirt, una camicetta o un vestito, in genere è la scollatura a fare la differenza tra un look che valorizza la figura e uno che mette in risalto i difetti.

D’altronde, scegliendo il taglio più adatto potrete apparire più slanciate, snelle ed eleganti. Come realizzare l’incantesimo? Dovete prendere in considerazione diversi aspetti, come taglia di reggiseno, lunghezza del collo, altezza e forma del viso. Ecco qualche consiglio per scoprire il tipo di scollatura più adatto a voi.

Scollatura a balconcino, a U, a V e quadrata

Una scollatura aperta, che mette in mostra la clavicola, slancia e fa sembrare più alta la maggior parte delle donne, sostiene Todd Ramos, stilista e produttore di trasmissioni di moda. Le scollature aperte e profonde, come la scollatura a balconcino (che riproduce la forma della parte alta del cuore), quella a U, a V e quadrata, in genere donano a tutti i tipi di corporatura. “Spostano l’attenzione sul viso e allungano la parte superiore del corpo, soprattutto per chi è piccola di statura o ha il collo corto”, sostiene Ramos. Fate solo attenzione a non mostrare troppo.

Scollatura a girocollo e a barchetta
Se avete il collo lungo, il viso sottile, il seno piccolo o le spalle spioventi, una scollatura alta, vicina alla clavicola, è la scelta più indicata. Le scollature a girocollo e a barchetta spostano l’attenzione sulle spalle, a vantaggio delle proporzioni. In questo caso, la scollatura dona l’illusione di spalle più quadrate, un collo più corto, un viso più pieno e un seno più grande.

Collo ad anello, a lupetto e collo alto
Di colli alti ce n’è per tutti i gusti, non vale la pena morire di freddo in nome della bellezza. Il collo alto propriamente detto arriva a 5 cm dal mento, riduce leggermente l’altezza ed è l’ideale per chi vuole camuffare un collo o un viso lungo. Il collo ad anello, che è una versione morbida del collo alto, forma drappeggi armoniosi all’altezza del torace, creando una linea verticale che slancia. Il collo a lupetto, leggermente più basso del collo alto, costituisce un’ottima via di mezzo per chi non vuole rinunciare ai maglioni più avvolgenti. || Read more

scritto da in Letture & Romanzi

Nessun commento

Mi ci voleva proprio. Era da tempo che non mi immergevo in una lettura così coinvolgente. Mi sono rilassata, divertita e abbandonata ai sogni di Rebecca Bruni, detta Coco, la protagonista di questo vincente romanzo di chick lit dal titolo Via Chanel n. 5.

Era da tempo che non gustavo così le pagine di un libro, che non mi estraniavo da tutto per immergermi in questa storia. E quando è finita mi sono dovuta risvegliare.

È possibile assomigliare a una delle più grandi icone dello stile, indipendente, bella, desiderata ed elegante come Coco Chanel? Rebecca ha trentatré anni, più di cento paia di scarpe, un armadio pieno di tubini neri, completi di tweed e una smisurata passione per la magnifica Coco. È romantica, sognatrice, e follemente innamorata di Niccolò, che sta per raggiungere a Milano, dopo un anno di relazione a distanza. Un nuovo lavoro come wedding planner, una vita vicino all’uomo che ama: la felicità sembra a portata di mano. Ma una brutta sorpresa è in agguato: appena giunta nella metropoli, Niccolò le confessa di essersi innamorato di un’altra. Rebecca si ritrova così in una città che non conosce e con il cuore a pezzi. Ma il suo mito, la grande Coco, come avrebbe reagito? Indossando degli enormi occhiali scuri, alzando la testa in segno di sfida, non avrebbe mai permesso a un uomo di schiacciare il suo spirito ribelle e anticonvenzionale! “Per essere insostituibili bisogna essere unici”, e forse Niccolò, unico non lo era. Dopo intere giornate chiusa a casa, Rebecca è pronta a voltare pagina: si tuffa nell’intensa vita mondana milanese e, con lo stile della sua eroina, assapora la sensazione di sentirsi una donna cercata e desiderata. Resterà un’eterna mademoiselle, come l’intramontabile Coco? O forse il destino le riserverà sorprese inattese e capaci di rivoluzionare la sua vita?

Il libro si lascia divorare. La lettura è scorrevole, piacevole, direi molto Kinselliana. Anche qua si parla di grandi firme della moda, di amore, di un lavoro creativo. Diciamo che ho trovato molte affinità con l’atmosfera di I love shopping e sequel.

Mi aspettavo, comunque, un po’ più di irriverenza e di ironia. Questo perchè conosco bene lo stile di Daniela Farnese, l’autrice, in rete conosciuta come la blogger Dania, sempre capace di stupire per le sue battute argute e piene di ironia. In questo libro, invece, mostra il suo lato romantico e credo che ci sia anche più di un richiamo autobiografico tra le righe. Daniela ha anche partecipato al Materacamp 2009 e anche qui si è distinta per la sua innata ironia.

Insomma, questo libro mi è piaciuto davvero tanto, ve lo consiglio e attendo con ansia il sequel, che spero tanto che ci sarà.

scritto da in Da "The Style Glossy"

Nessun commento

By Shelley Levitt for The Style Glossy

Impara Qual è il Tuo Tipo di Capelli: il Segreto dei Capelli Sani!

L’unica cosa che ci separa dall’avere capelli più belli e più maneggevoli è un po’ di conoscenza di noi stessi. Basta individuare qual è il proprio tipo di capelli naturali e si avrà una chioma liscia che tiene lo styling durante tutta la giornata (ovvero ricci definiti e sotto controllo, capelli fini che non si afflosciano a metà giornata e via dicendo).

“Se conosci i tuoi capelli,” dice Jeni Thomas, ricercatore scientifico per la salute dei capelli e del cuoio capelluto, “non solo saprai quello che puoi o che non puoi fare, ma anche come fare a lavorarci al meglio.”

La Scienza delle Tipologie di Capelli
Considerate questo: La stessa tecnologia 3-D usata in medicina per visualizzare e misurare la densità delle ossa viene usata per studiare come le molteplici fibre capillari interagiscono l’una con l’altra. Quello che i ricercatori hanno scoperto, dice Thomas, è che differenti tipi di texture di capelli creano altrettante diverse tipologie di strutture 3-d. Questa scoperta sta portando alla realizzazione di diverse linee di prodotti customizzati che segneranno la fine dei famosi “giorni no” per i nostri capelli.

Sappiamo che negli shampoo e nel balsamo, gli stessi ingredienti e formulazioni che mantengono i capelli ricci luminosi e in salute non doneranno ai capelli fini il volume e la corposità di cui hanno bisogno. Le fibre dei capelli ricci formano un network intricato che agisce come un filtro, intrappolando gli ingredienti contenuti nello shampoo e nel balsamo; quello di cui abbiamo bisogno per prevenire il danneggiamento sono prodotti che minimizzino la frizione tra ciocche.

Le fibre dei capelli fini, d’altra parte, si dispongono in un pattern parallelo che agisce più come un imbuto, quindi gli ingredienti che idratano e nutrono tendono a scivolare via anziché a trattenersi. La soluzione è una formula che aiuta gli ingredienti riparatori ad aderire e a trattenersi.

Le Tipologie di Base per i Capelli
Quasi tutti i capelli – il 98% – cadono in quattro differenti strutture:

1. Capelli Fini: hanno fino al 50% di proteine in meno dei capelli più; spessi, quindi sono fragili e tendono ad afflosciarsi.

2. Capelli Normali-Spessi: possono contenere fino al doppio delle cellule presenti nei capelli fini, rendendoli più rigidi e capaci di assorbire fino al 40% di acqua in più dei capelli fini, cosa che può causare l’effetto crespo.

3. Capelli Colorati e Trattati: hanno subito un cambiamento strutturale durante il processo chimico che li ha resi più carichi negativamente rispetto ai capelli naturali; questo può voler dire avere capelli più ruvidi, opachi e vulnerabili al danneggiamento.

Quale Tipologia di Capelli Conta
I prodotti formulati per la tua tipologia di capelli renderanno lo styling più facile; d’altra parte usare formulazioni con ingredienti sbagliati vi farà iniziare una guerra persa contro i vostri capelli – lottando per ottenere lo stie desiderato, frustrandosi perché non regge. Ad esempio, come indica Thomas, “i capelli spessi tendono a essere più soggetti al crespo di quelli fini, quindi per far si che i capelli normali-spessi tengano lo styling per tutto il giorno, ingredienti che offrono ai capelli un po’ di resistenza all’umidità sono estremamente utili.“

Per evitare che i capelli fini si affloscino a metà giornata, però, preparali con uno shampoo contenente polimeri che enfatizzi la forza detergente e aiuti quindi queste ciocche fragili a resistere al peso degli oli accumulati sul cuoio capelluto, dello sporco e dei residui dello styling del giorno precedente. Cerca shampoo, balsamo e prodotti specificatamente concepiti per il vostro tipo di capelli; troverai linee pensate ad hoc sulle mensole del vostro supermercato.

Il Taglio Giusto per il Vostro Tipo di Capelli

  • Capelli Fini “Evita tagli troppo rasati,” consiglia lo stylist George Papanikolas, i cui clienti includono Madonna e Penelope Cruz. “Opta invece per un taglio scalato con le estremità smussate, che darà ai tuoi capelli l’aspetto di un maggiore spessore.”
  • Capelli Normale-Spessi Porta i capelli almeno qualche centimetro sotto il mento. “Hai bisogno di un po’ di lunghezza per evitare che i capelli risultino troppo ammassati,” dice il proprietario del salone prestigioso, Mike Van Den Abbeel. “Lunghe ciocche scalate toglieranno pesantezza e doneranno definizione al vostro styling.”

Photo: @iStockphoto.com/fmbackx