scritto da in Da "The Style Glossy"

Nessun commento

By Shelley Levitt for The Style Glossy

Una Bellezza Sportiva

Splendida e atletica: quale donna non vorrebbe essere entrambe le cose? Con le Olimpiadi estive di Londra alle porte, tutte passeremo il tempo a sudare forte nei campi di pallavolo e di tennis, sulle piste con la mountain bike o in piscina giocando a pallanuoto. Sia che decidiate di provare con uno sport olimpionico o che riprendiate a fare jogging, due cose tra cui non dovrete scegliere mai saranno l’essere in forma e l’essere favolose.

Di certo non volete scendere in pista con un trucco smoky eyes e labbra rosse, ma allo stesso tempo non volete presentarvi con un incarnato imperfetto e labbra così pallide che non si distinguono dalla vostra pelle, dice Belinda Moss, una makeup artist che ha lavorato con celebrity come Beyonce e Jennifer Lopez, ma anche con star del tennis che giocano durante gli US Open.

“Tutte vogliamo un aspetto fresco, carino e pulito quando siamo attive,” spiega Moss, “ma la maggior parte di noi, quando non indossa trucchi ha un viso a cui manca dimensione e profondità e dall’aspetto opaco e piatto.”

Leslie Munsell è stata molte volte la truccatrice di Dara Torres, nuotatrice olimpica per ben cinque volte, e di star del tennis come Venus e Serena Williams. Dice che per le atlete prendersi cura della propria bellezza significa che “la pelle appaia in salute e luminosa, gli occhi siano belli e vivi, e le loro labbra morbide, voluttuose e idratate”.

Ecco come fare per ottenere un look vincente.

Proteggi e lucida la tua pelle con una crema solare protettiva idratante. Munsell consiglia di provare un nuovo tipo di prodotto chiamato crema BB, che sta per beauty and blemish balm, ovvero un balsamo di bellezza contro le imperfezioni. Si tratta di un ibrido tra prodotti per il viso e per il makeup, che va ben oltre le creme colorate che per molte di noi sono diventate strumenti indispensabili. Popolari in Asia per anni, queste formule combinano gli effetti nutritivi di un idratante con la copertura di un fondotinta, le proprietà liscianti di un primer con un fattore protezione superiore al 30 SPF e, a seconda della formulazione precisa, ingredienti anti-età, contro la pelle lucida o per minimizzare i pori.

Sostituisci il trucco degli occhi con trattamenti ad hoc. Sopracciglia dalle forme perfette sono cornici ideali per gli occhi, perché li fanno apparire magicamente più grandi illuminando tutto il viso. Tingi le ciglia e le sopracciglia più chiare e non dovrai più preoccuparti di uscire di casa senza matita o senza mascara. Munsell suggerisce di tingere le sopracciglia dello stesso colore dei capelli e, a meno che non siate estremamente pallide, tingere invece le ciglia di nero.

Evita la terra abbronzante e scegli invece un bronzer con una formula in crema. “A differenza delle polveri che si poggiano sopra la pelle, le creme si fondono con essa,” dice Munsell. “Così quando suderete durante gli allenamenti avrete un viso luminoso senza alcuna traccia di trucco sciolto o stratificato.” Troppo sudate? Opacizzate la pelle lucida con della carta assorbente invece che con della polvere pressata. “Rotolate semplicemente la carta sulla pelle,” dice Moss, “così sarete sicure di rimuovere solo l’effetto lucido”.

Il fard si trasforma. Munsell applica il bronzer sotto gli zigomi, evitando di applicare il fard. “Quando correrai in giro, avrai un rossore naturale, quindi non avrai alcun bisogno di colore aggiuntivo,” dice. Moss comunque ama applicare un rosa tenue sulle guance per far risaltare gli zigomi. Lo fa usando un matitone per labbra invece del tradizionale fard. “Non si muove come fa il fard,” dice. “Il trucco è quello di avere un tocco leggero. Basta eseguire a colpo veloce un tratto in mezzo alle guance e sfumare verso le orecchie.”

Migliora il tuo lucidalabbra. I gloss tradizionali sono appiccicosi e non dureranno dopo la prima battuta di pallavolo o tennis. Un balsamo colorato per labbra o a tinta liquida è la scelta migliore. Oppure puoi prendere in considerazione un altro nuovo ibrido: un incrocio tra un balsamo e un gloss che idrata le labbra mentre dona lucentezza. Si trova sotto forma di matitone oppure nei tradizionali flaconi da avvitare. Cerca le parole “balsamo glossy,” “quasi un rossetto” oppure “colore trasparente” nella descrizione del prodotto.

Shelley Levitt scrive per diverse riviste femminili di lifestyle



scritto da in Clarita in Cucina

3 commenti

Per chi non lo sappia, la bento box è quel recipiente per i cibi che i Giapponesi portano a scuola e al lavoro che si vedono tanto nei cartoni animati. Chi non ricorda lo stupore nel vedere quei cibi così ben disposti anche creando disegni molto carini che facevano venire una voglia matta di essere mangiati avidamente?

In Italia tutto ciò si chiama “pranzo a sacco”. Quanta gente pranza fuori casa in questo modo? Tantissima. Tutti con questi contenitori ermetici, posatine e annessi e connessi a pranzare sulle scrivanie aziendali. Mio marito è tra questi. Invece di pranzare a mensa preferisce i miei manicaretti e io ho stilato un piccolo menù settimanale per fargli variare ogni giorno il pranzo.

In una delle giornate è prevista uno dei suoi piatti preferiti: la pasta alla crudaiola.

INGREDIENTI (per 1 persona):
80 gr di penne rigate
100 gr di treccia
5-6 pomodorini
olio, origano e sale q.b.

PREPARAZIONE:
Innanzitutto prepara la pasta, lessandola in abbondante acqua bollente salata. Mentre la pasta è in cottura, in un contenitore ermetico, metti la treccia e i pomodorini a pezzettini e condiscili con olio (2-3 cucchiaini), origano e sale fino. Scola la pasta per bene e versala nel contenitore, mescolandola agli altri ingredienti. Se vuoi puoi arricchire questo piatto aggiungendo olive, capperi e tonno, per un piatto più completo, ma anche più calorico. Ah, infine puoi sostituire la treccia con la mozzarella. Comunque è meglio la prima visto che è più asciutta e non annacqua il piatto

scritto da in Da "The Style Glossy"

Nessun commento

By Laurie Drake for The Style Glossy

Una Guida ai Trattamenti per il Viso

Mentre la maggior parte di noi passa il tempo a fissare appuntamenti dal parrucchiere, quando si tratta dell’estetista, tendiamo a non essere altrettanto diligenti. Siamo così indulgenti nel coccolarci quotidianamente con lozioni e pozioni varie che è facile sminuire i benefici di un trattamento al viso professionale. “Un trattamento specializzato manterrà il tuo viso sano e idratato e lo proteggerà dagli agenti esterni,” dice il dermatologo Howard Murad. “Se hai dei problemi specifici come imperfezioni o una pigmentazione poco uniforme, un trattamento ad hoc potrà fare la differenza.”

Cosa Aspettarti Durante un Trattamento
Un trattamento classico al viso include generalmente le seguenti fasi:

  1. Una detersione profonda con un prodotto adatto al tuo tipo di pelle (normale, secca, grassa, mista o sensibile)
  1. Un esame della pelle con una lente d’ingrandimento illuminata da una lampada professionale
  1. Una pulizia profonda con bagno di vapore e l’uso di un esfoliante meccanico o chimico
  1. Estrazione di comedoni e punti bianchi
  1. Un massaggio per stimolare la circolazione e rilassare i muscoli facciali
  1. Una maschera specifica per il tuo tipo di pelle
  1. L’applicazione di tonici e creme protettive

Come Agisce un Trattamento al Viso

  • Esfolia: Le cellule morte impediscono alla pelle di riflettere la luce e, di conseguenza, il nostro incarnato appare ruvido e discolorato. Per rimuovere quello strato opaco, spento, l’estetista sceglierà l’esfoliante migliore per la tua pelle, che sarà o uno scrub abrasivo oppure un agente chimico liscio, come gli alfa-idrossi acidi oppure gli enzimi contenuti nella papaya.
  • Estrae: Una volta eliminato lo strato superficiale di cellule morte, i contenuti dei pori saranno ammorbiditi grazie al vapore e l’estetista userà degli strumenti sterili per estrarre lo sporco impiegando la giusta pressione.
  • Illumina: Se ci sono problemi come pigmentazione poco uniforme oppure macchie brune, l’estetista potrà applicare una maschera, peeling o siero che contenga sbiancanti cutanei certificati come la vitamina C, l’estratto di liquirizia, l’estratto di melograno, l’acido cogico o l’arbutina.
  • Idrata: Quando lo strato superficiale della pelle è perfettamente idratato, ha un aspetto sodo, liscio e morbido al tatto. Per ottenere un’idratazione ai massimi livelli, l’estetista usa “vapore, umettanti e agenti idratanti, che danno tono alla pelle e smorzano le rughe infondendo quelle aree con dell’idratante,” dice l’estetista Stacy Cox.

Quando Fissare l’Appuntamento con l’Estetista
Fissa l’appuntamento con qualche giorno in anticipo, persino una settimana prima nel caso di un grande evento, per evitare di avere ancora i segni causati da un’eventuale irritazione cutanea. Un buon trattamento al viso non dovrebbe irritare la pelle al punto di scatenare un’infiammazione, ma c’e’ sempre comunque la possibilità che rimanga un residuo di arrossamento causato da estrazioni e peeling dolci.

I giorni immediatamente precedenti al ciclo mestruale possono essere delicati per alcune donne. Se noti che il tuo corpo è particolarmente suscettibile al dolore o alla scomodità, è meglio cambiare la data dell’appuntamento oppure chiedere all’estetista se può saltare la fase estrazione.

Pelle sottile? Procedere con Cautela
Poiché la pelle sensibile è per definizione di consistenza fine, visti l’epidermide sottile e i vasi sanguigni vicini alla superficie, un’estetista con esperienza seguirà quella che Cox definisce la regola del “meno calore, meno tempo, meno prodotto”. Questo vuol dire che userà maggiore cautela diminuendo il tempo di esposizione al vapore, usando panni intrisi di acqua tiepida anziché calda, esfoliando con enzimi delicati anziché con quelli più invasivi come l’acido glicolico, facendo meno estrazioni e usando una maschera idratante.

Photo: @iStockphoto.com/cdwheatley



scritto da in Io mamma?

16 commenti

Oggi voglio parlare di un prodotto che utilizzo quotidianamente: il passeggino di mia figlia Paola. Il prodotto in questione si chiama Chicco Living Smart. Magari tu che sei capitato in questi lidi perchè stai cercando proprio informazioni a riguardo, vero? Spero di esserti utile. Se poi hai qualche domanda o perplessità c’è il form dei commenti che puoi utilizzare.

Insomma, stavamo dicendo, il passeggino Chicco Living Smart, che poi fa parte di un trio composto anche da navicella e ovetto/seggiolino auto. La prima non la usiamo più da parecchi mesi, ma che ha fatto il suo egregio dovere quando Paola era una piccola neonata sdentata. Poi habemus l’ovetto/seggiolino auto: molto buono, davvero confortevole per la mia piccola che lo usa ancora visto che non è arrivata ai 13 kg e non è enorme. E’ un po’ più grande rispetto ad altri ovetti che ho visto in giro ed ha una seduta migliore. La figata è che è prevista anche la base Isofix per l’automobile. E’ quindi comodissimo montare e smontare il seggiolino dall’automobile.

Ma ora parliamo del pezzo forte del trio, il passeggino. I suoi punti di forza sono: leggerezza (pesa solo 10,7 kg), facilità di apertura e chiusura (con una mano e senza impazzire), reclinabilità totale del sedile (quindi è comodissimo per i sonnellini dei nostri piccolini e fa in modo che questo passeggino possa essere utilizzato fin dalla nascita), compattezza da chiuso, doppie maniglie che si uniscono in un unico maniglione (le prime sono comode quando si va a fare la spesa, così sappiamo dove mettere buste e pacchetti, il secondo quando piove o siamo al telefono, visto che siamo in grado così di pilotare meglio il nostro “bolide” con una mano), la sacca porta oggetti è abbastanza capiente.

Infine, guardiamo il lato estetico: è un passeggino elegante e raffinato ma pur mantenendo la sua sobrietà e funzionalità. E’ corredato di una borsa in tessuto e anche di un piumoncino/copripiedi comodissimo in inverno. La cappotta è molto grande ed è in grado di riparare il bambino da sole, vento e pioggia. La seduta è molto comoda e ampia ed è configurabile sia in modalità fronte strada, che in modalità fronte mamma (mia figlia ha voluto la prima fino a 10-11 mesi). Le parti in tessuto del passeggino sono lavabili in lavatrice.

Insomma, cosa manca a questo trio? Direi proprio nulla. E’ anche made in Italy!

Sul sito della Chicco ci sono tutte le informazioni tecniche sul prodotto, i colori e anche altri passeggini.