Articoli Taggati ‘abbigliamento’

scritto da in Fashion & Trends, Il giorno più bello

7 commenti

Su Oggi Sposi ho trovato un interessante articolo che elenca 22 consigli su cosa indossare quando si è invitati ad un matrimonio, senza tralasciare le regole del bon ton. Vediamoli insieme (e commentiamoli):

Foto di efeunodos

  1. Assolutamente banditi il bianco, colore esclusivo della sposa, ed il nero.
    Purtroppo questa regola viene spesso disattesa, e sto parlando soprattutto del fatto che spesso e volentieri gli invitati (specie le donne) indossano vestiti tutti neri. Io cerco di evitarlo. O almeno di indossare un capo nero ed uno colorato.
  2. Ricordare che è la sposa la sola protagonista per quel giorno (anche lo sposo, anche se è inutile negarlo: tutti gli occhi saranno puntati su di lei!). Assolutamente vietati quindi tutto ciò che può dare nell’occhio.
    Capito, invitati? Sarò io la protagonista e quindi lasciatemi la scena 🙂
  3. Meglio evitare anche il rosso, oggi tanto di moda, un colore troppo acceso e non facile da indossare.
    Su questo non sarei d’accordo anche perchè mi piace molto il rosso (e mi sta anche bene)
  4. Le tinte pastello, nelle loro varianti, sono le più appropriate.
    Su questo non ci piove 🙂 Sono sobrie ed eleganti.
  5. Le signore che proprio non si vedono con un colore vivace possono proporsi in sabbia, beige, marroni chiari e ecru.
    … che su di me stanno malissimo… Meglio un rosa o un celeste.
  6. Mai indossare di sera abiti di color oro, rosso, nero e viola.
    Questa non la sapevo… chissà qual è il perchè…
  7. Il cappello è indicato per le cerimonie di tipo formale. Ricordate però che se lo sceglierete dovrete portarlo per l’intera durata dei festeggiamenti.
    Quindi, soprattutto per i nostri matrimoni “giornalieri” (nel senso che durano un giorno intero), non conviene indossarli
  8. Se la sposa intende proporsi con il tradizionale abito lungo e desidera le invitate in lungo, deve avvisarle a voce. Se decide invece per il corto, comunicherà la propria decisione in modo che nessuna invitata si presenti in lungo.
    Il mio abito è lungo, quindi, invitate, sbizzarritevi come volete: lungo, corto, a voi la scelta!
  9. Secondo il galateo: la cerimonia formale diurna richiede il vestito lungo o l’abito da sera, la cerimonia semiformale diurna la gonna o l’abito da cocktail medio lungo, la cerimonia informale diurna il vestito semplice medio lungo, la cerimonia formale serale l’abito da sera lungo, la cerimonia semiformale serale e quella informale invece l’abito da cocktail.
    Lungo o da cocktail? A me piace più il secondo.
  10. La lunghezza delle gonne dovrebbe essere ragionevole, bandite minigonne e look aggressivi, più adatti a serate in discoteca.
    …ovviamente
  11. Necessarie le calze, sempre e comunque, sinonimo di vera eleganza, anche se fa molto caldo. Esistono infatti modelli velatissimi e quasi impalpabili perfetti per climi torridi.
    Nooo, questo non lo dovevo leggere. Io odio indossare i collant d’estate! Non li sopporto proprio!
  12. Meglio optare per scarpe decolleté, con tacco alto solo per chi non può farne a meno, da preferire comunque ai sandali.
    Io preferirei i sandali e non le decolletè… ma per il MIO matrimonio farò un’eccezione (perchè questa regola vale anche per la sposa, no?)
  13. Gioielli e accessori sempre discreti, trucco e acconciature idem.
    Io in questo sono una garanzia (fin troppo)
  14. I signori avranno meno possibilità di sbagliare, indossando un abito scuro, grigio, o blu, camicia bianca, calze scure e scarpe scure. In quanto alla cravatta, è lecito azzardare.
    Questi maschi, sempre fortunati. || Read more

scritto da in Fashion & Trends

6 commenti

Siamo in tempo di saldi e quindi, soprattutto a noi donne, il prurito al portafoglio aumenta in misura proporzionale alla voglia di “strisciare”. Ma bisogna stare attenti a non fare acquisti inutili che non solo produrrebbero un’uscita inutile dal nostro c/c ma anche un utilizzo di spazio nei nostri armadi prezioso per un altro capo più utile.

Ho trovato su StyleBakery alcuni consigli per creare un guardaroba perfetto che duri nel tempo. Vediamoli insieme:

  1. Fare un inventario del nostro guardaroba
    Immaginiamo un guardaroba composto solo da abiti che ci piacciono e che ci stanno bene. Invece la realtà è diversa: i nostri armadi sono pieni di capi che non indossiamo quasi mai che ci fanno faticare nella scelta del giusto abbigliamento ogni giorno. E’ giunto il momento di fare il punto della situazione del nostro guardaroba: metti da parte ciò che ti piace, che usi e che intendi conservare mentre elimina dal tuo guardaroba ciò che non ti piace più o non ti sta più bene (magari regalandolo a chi ne ha bisogno). Questo è il primo passo per avere un guardaroba perfetto (per noi).
  2. Pensare come uno stilista
    Ora è il momento di combinare i capi e vedere come essi possono essere indossati in modo nuovo. Utilizza siti web e riviste per trarre ispirazione,  ti stupirai di come riuscirai a creare molti look nuovi con i vestiti già in tuo possesso. Infine, organizza l’armadio al meglio che puoi. Un esempio? Eccoti il mio.
  3. Acquistare ciò che serve
    Ora che il tuo armadio è organizzato, è il momento di pensare agli acquisti. Non lasciarti ossessionare dagli ultimi must-have, invece concentrati su ciò che è necessario per completare il tuo guardaroba. Hai davvero bisogno del decimo paio di stivali neri o di un altro piccolo abito nero? Forse no, ma una collana sarebbe l’acquisto giusto per rendere nuovo il tuo vestito nero.
  4. Acquistare i capi classici, senza tempo, che vanno sempre di moda
    Gli armadi perfetti contengono un numero di indumenti fondamentali che facilmente riescono a cavalcare le onde della moda che cambia da stagione a stagione. Questi pezzi sono un investimento e contribuiscono a creare una solida base su cui oggetti alla moda possono essere mescolati creando nuovi look. Ciò significa investire in tessuti di qualità, tagli semplici, ma eleganti, linee che dureranno per anni: solo alcuni pezzi ben scelti, sono tutto ciò che è necessario. || Read more

scritto da in Fashion & Trends

Nessun commento

Sottotitolo: suggerimenti per essere alla moda nel giorno più bello dell’anno

Ormai mancano solo 10 giorni al Natale. Hai già pensato a cosa indossare per quel giorno? Bene, qui sotto ti scrivo qualche suggermento così hai ancora un po’ di tempo per fare gli ultimi acquisti 🙂

Natale 2009: a casa con i tuoi

Christmas 2009_ Family Party

Un vestitino rosso, scarpe nere con suola rossa… insomma un look semplice ma elegante per una serata in famiglia.

Natale 2009: in disco

Christmass 2009 _ In disco

Se festeggi la notte più bella dell’anno in discoteca, ovviamente non dimenticare un abitino rosso. Carini gli orecchini a forma di Omino di Pan di Zenzero, vero? || Read more

scritto da in Cose Serie, Questa è la mia Vita

12 commenti

Questo è un post di risposta alla richiesta di aiuto della cara Placida Signora, sommersa dal cambio di stagione e bisognosa di consigli su come sistemarlo. Ma può essere di aiuto anche ad altre amiche “afflitte” da questa “problematica esistenziale”.

Non esiste un criterio per sistemare i propri indumenti negli armadi e nei comò. Ognuno ne ha uno. Più o meno. Io ne ho ideato uno che mi permette di risparmiare qualche minutino quando devo scegliere cosa indossare ogni giorno. Come ho organizzato il mio guardaroba?

Partiamo dall’armadio:

Ho creato una zona per i pantaloni, una per le gonne, una per le giacche, una per le camicie, una per i cardigan da appendere ed infine una per i vestiti. In ogni zona gli indumenti sono divisi per colori. Per esempio, per i pantaloni, ci sono prima tutti quelli neri, poi quelli grigi ed infine i jeans. Così per gli altri indumenti. Il vantaggio: se di mattina, appena sveglia, ho bisogno di un certo pantalone nero vado a colpo sicuro su dove trovarlo e non devo svuotare l’armadio inutilmente.

Vediamo uno dei cassetti in cui conservo i miei maglioni:

Anche qua vige il criterio dei colori. Ho ammucchiato i maglioni per colore tranne quelli più particolari, che utilizzo nelle occasioni speciali, che sono, invece, tutti in una zona. Quindi se voglio indossare un maglione viola so dove trovarlo (anche se questo cassetto contiene circa 20 maglioni).

Ora puoi darmi della maniaca dell’ordine. Mi sa tanto che ho fatto outing. Insulti per insulti, spero almeno di essere stata utile a qualcuno 🙂