Articoli Taggati ‘bambini’

Paola plays Zoobles

Giu
2012
27

scritto da in Io mamma?

Nessun commento

La mia piccola ha ricevuto un nuovo giocattolo da provare ed eccoci qua a raccontarlo sul sito della mamma. Ora che imparerà a leggere e scrivere le creerò un blog tutto suo così non invaderà più gli spazi materni! LOL!

Questa volta Paola gioca con gli Zoobles. Sono dei coloratissimi e carinissimi pupazzetti famosi oltre Oceano che da poco sono approdati anche nella nostra penisola. Si chiamano Zoobles perchè sono degli animali (dello Zoo): coniglietti, uccellini, polpi, pulcini, pesciolini che vivono ognuno in una deliziosa casetta, denominata Happitat (crasi tra Happy e Habitat). Quando lo Zoobles è a contatto con il suo Happitat, da sfera si trasforma, diventando un tenero animaletto.

Paola, è stata attratta soprattutto dal coloratissimo “Drop-in playset” del suo Zoobles Coolia: una scatoletta che aperta mostra un ambiente per giocare. Siamo nella terra di Chillville e questo è l’Albergo Artico di Coolia.

Magari quando sarà un po’ più grande potrà anche evitare di ciucciare avidamente la testa degli Zoobles. 🙂 Che intanto si vendicano facendole il solletichino sul pancino.

Sul sito http://www.zoombles.it ci sono tanti giochi da fare soprattutto per bambini un po’ più grandi della mia. E ovviamente c’è anche la pagina fan su Facebook: https://www.facebook.com/ZooblesItalia

scritto da in Io mamma?

Nessun commento

Una delle cose che più temevo prima che Paola nascesse era: "E quando non respira bene, cosa devo fare? Come si fa a pulire il nasino di una bambina così piccola? Ovviamente lei non sa usare il fazzoletto come noi adulti!" Non è che bisogna avere necessariamente il raffreddore per avere il nasino chiuso, i bambini molto piccoli hanno sempre delle fastidiosissime caccolette nei loro teneri nasini, almeno la mia ce le ha ogni giorno. L'apoteosi, naturalmente, del naso sporco viene raggiunta quando hanno il raffreddore: sembrano dei piccoli maialini che grugnicono di continuo e piangono per il fastidio. Poveracci! Non riescono a mangiare, a giocare, sono perennemente nervosi e piagnucolosi!

Fin dai primi giorni di vita di Paola, ho preso la sana abitudine di pulirle ogni giorno il nasino con una soluzione salina, sia nei tempi di pace, cioè quando sta bene, e sia quando è raffreddata. Nei giorni "buoni" lo faccio una volta sola, di sera, prima di metterla nel suo lettino. Quando è raffreddata, invece, lo faccio 3-4 volte al giorno, per alleviarle il fastidio.

Cosa utilizzo? Ho provato le soluzioni fisiologiche "semplici", ma a loro preferisco Physiomer che a differenza delle soluzioni fisiologiche (e saline) è un siero di mare, cioè non è acqua di mare diluita o acqua salata, ma è proprio pura acqua di mare e ne contiene tutti i minerali e gli oligoelementi. Questa sua particolare composizione fa in modo che la soluzione sia non solo decongestionante, ma anche rigenerante delle mucose nasali. Utilizzandola quotidianamente, il nasino è sempre integro e si mantiene più forte per l'attacco di virus e schifezze varie.

Io utilizzo il Physiomer Baby Spray nebulizzato che ha un beccuccio morbido e ben tollerato dalla mia bambina. Lei che si muove in continuazione durante il lavaggino non corre il rischio di graffiarsi il naso con questo beccuccio. Inoltre è molto più pratico è comodo rispetto alle soluzioni da utilizzare con la siringa. Qui metti il beccuccio nel naso e spruzzi. E basta. Per completare il tutto, utilizzo l'aspiratore nasale (sempre della Physiomer) che mi aiuta a liberare completamente il naso. Sì, perchè la soluzione ripulisce e l'aspiratore asciuga. E le caccole di Paola pussano via.

Articolo sponsorizzato

Viral video by ebuzzing

scritto da in Cronache casalinghe

Nessun commento

I bambini del 2011 sono così fortunati da avere nella loro stanzetta un parcheggio riservato ai loro mezzi di spostamento.

Non è da meno mia figlia Paola, 8 mesi e mezzo di pannolini e ruttini, che dispone di ben due mezzi che adora: la macchinina e il girello. E io divento la sua parcheggiatrice di fiducia, visto che ho il compito di metterli al proprio posto quando la pupa non li usa.

Eccoli lì, ben allineati al box e al pavimento, in perfetta sintonia con l’ambiente babylandia. Questa casa non è un parcheggio?

scritto da in Clarita in Cucina, Io mamma?

4 commenti

Mea culpa, sono 2 settimane che non metto piede qui dentro. Ma torno con una bella ricettina utile soprattutto alle mammine: la prima pappa preparata con il Bimby. Sottotitolo: come preparare una riserva settimanale (o per metà settimana se il pupo mangia anche a cena) di brodo vegetale e passato di verdure.

Vi svelo un trucco da mamma-lavoratrice-moglie-bella lavanderina. Grazie a questa ricetta sfamo la mia pupetta per ben 7 pasti. Ora che ha 6 mesi e mi fa anche la cena preparo questa pappa 2 volte alla settimana. Ciò che consumo in giornata e il giorno dopo lo conservo in frigo. Le altre porzioni vengono congelate nel freezer e scongelate al momento del loro utilizzo (di solito le esco dal freezer qualche ora prima e le lascio scongelare a temperatura ambiente.

INGREDIENTI:
300 g di zucchine
200 g di patate
120 g di una carota
200 g di bietola
100 gr di lattuga
1 litro di acqua

PREPARAZIONE:
Lavare per bene le verdure. Tagliarle a pezzi e metterle nel boccale insieme all’acqua. Cucinare per 60 minuti a 100°C, velocità 1, antiorario. Una volta cotto, filtrate il brodo e mettetelo nei vasetti. Poi rimettere le verdure nel boccale e tritare tutto per 30 secondi, velocità 8. Aggiungere al brodo nei vasetti un cucchiaio di passato di verdure.

Ovviamente poi aggiungo al brodo con passato di verdure, il semolino o la crema di riso, 1 cucchiaino di olio, 1 di parmigiano, 1\2 omogeneizzato di carne e la pupa mangia soddisfatta. Di sera sostituisco alla carne il formaggio fresco.