Articoli Taggati ‘bellezza’

scritto da in Da "The Style Glossy"

Nessun commento

By Shelley Levitt for The Style Glossy

Impara Qual è il Tuo Tipo di Capelli: il Segreto dei Capelli Sani!

L’unica cosa che ci separa dall’avere capelli più belli e più maneggevoli è un po’ di conoscenza di noi stessi. Basta individuare qual è il proprio tipo di capelli naturali e si avrà una chioma liscia che tiene lo styling durante tutta la giornata (ovvero ricci definiti e sotto controllo, capelli fini che non si afflosciano a metà giornata e via dicendo).

“Se conosci i tuoi capelli,” dice Jeni Thomas, ricercatore scientifico per la salute dei capelli e del cuoio capelluto, “non solo saprai quello che puoi o che non puoi fare, ma anche come fare a lavorarci al meglio.”

La Scienza delle Tipologie di Capelli
Considerate questo: La stessa tecnologia 3-D usata in medicina per visualizzare e misurare la densità delle ossa viene usata per studiare come le molteplici fibre capillari interagiscono l’una con l’altra. Quello che i ricercatori hanno scoperto, dice Thomas, è che differenti tipi di texture di capelli creano altrettante diverse tipologie di strutture 3-d. Questa scoperta sta portando alla realizzazione di diverse linee di prodotti customizzati che segneranno la fine dei famosi “giorni no” per i nostri capelli.

Sappiamo che negli shampoo e nel balsamo, gli stessi ingredienti e formulazioni che mantengono i capelli ricci luminosi e in salute non doneranno ai capelli fini il volume e la corposità di cui hanno bisogno. Le fibre dei capelli ricci formano un network intricato che agisce come un filtro, intrappolando gli ingredienti contenuti nello shampoo e nel balsamo; quello di cui abbiamo bisogno per prevenire il danneggiamento sono prodotti che minimizzino la frizione tra ciocche.

Le fibre dei capelli fini, d’altra parte, si dispongono in un pattern parallelo che agisce più come un imbuto, quindi gli ingredienti che idratano e nutrono tendono a scivolare via anziché a trattenersi. La soluzione è una formula che aiuta gli ingredienti riparatori ad aderire e a trattenersi.

Le Tipologie di Base per i Capelli
Quasi tutti i capelli – il 98% – cadono in quattro differenti strutture:

1. Capelli Fini: hanno fino al 50% di proteine in meno dei capelli più; spessi, quindi sono fragili e tendono ad afflosciarsi.

2. Capelli Normali-Spessi: possono contenere fino al doppio delle cellule presenti nei capelli fini, rendendoli più rigidi e capaci di assorbire fino al 40% di acqua in più dei capelli fini, cosa che può causare l’effetto crespo.

3. Capelli Colorati e Trattati: hanno subito un cambiamento strutturale durante il processo chimico che li ha resi più carichi negativamente rispetto ai capelli naturali; questo può voler dire avere capelli più ruvidi, opachi e vulnerabili al danneggiamento.

Quale Tipologia di Capelli Conta
I prodotti formulati per la tua tipologia di capelli renderanno lo styling più facile; d’altra parte usare formulazioni con ingredienti sbagliati vi farà iniziare una guerra persa contro i vostri capelli – lottando per ottenere lo stie desiderato, frustrandosi perché non regge. Ad esempio, come indica Thomas, “i capelli spessi tendono a essere più soggetti al crespo di quelli fini, quindi per far si che i capelli normali-spessi tengano lo styling per tutto il giorno, ingredienti che offrono ai capelli un po’ di resistenza all’umidità sono estremamente utili.“

Per evitare che i capelli fini si affloscino a metà giornata, però, preparali con uno shampoo contenente polimeri che enfatizzi la forza detergente e aiuti quindi queste ciocche fragili a resistere al peso degli oli accumulati sul cuoio capelluto, dello sporco e dei residui dello styling del giorno precedente. Cerca shampoo, balsamo e prodotti specificatamente concepiti per il vostro tipo di capelli; troverai linee pensate ad hoc sulle mensole del vostro supermercato.

Il Taglio Giusto per il Vostro Tipo di Capelli

  • Capelli Fini “Evita tagli troppo rasati,” consiglia lo stylist George Papanikolas, i cui clienti includono Madonna e Penelope Cruz. “Opta invece per un taglio scalato con le estremità smussate, che darà ai tuoi capelli l’aspetto di un maggiore spessore.”
  • Capelli Normale-Spessi Porta i capelli almeno qualche centimetro sotto il mento. “Hai bisogno di un po’ di lunghezza per evitare che i capelli risultino troppo ammassati,” dice il proprietario del salone prestigioso, Mike Van Den Abbeel. “Lunghe ciocche scalate toglieranno pesantezza e doneranno definizione al vostro styling.”

Photo: @iStockphoto.com/fmbackx



scritto da in Da "The Style Glossy"

Nessun commento

By Nicole Pearl for The Style Glossy

4 Prodotti di Bellezza da Tenere nel tuo Beauty Case

Ogni estate cambio un po’ di prodotti nel mio beauty case. Ecco quattro prodotti che faccio in modo di avere sempre a portata di mano:

Lucida labbra con filtro solare: il rossetto mantiene la bocca idratata durante il freddo invernale, ma le tonalità scure possono sembrare troppo dure durante una luminosa giornata di sole. Quando inizi a eliminare maglioni e cappotti, pensa anche alle labbra e inizia a giocare con formule più delicate come gloss e lucidalabbra. Sono il complemento perfetto alla spensieratezza estiva, perché offrono un tocco di colore e una lucentezza sexy che è ulteriormente enfatizzata dalla luce del sole. Quando scegli il tuo prodotto, assicurati che abbia un fattore protettivo di almeno 15. Il cancro può svilupparsi anche sulle labbra, quindi sempre più aziende stanno creando lucidalabbra con filtri solari.

Terra abbronzante: Il modo più veloce per donare al viso un colorito sano? Tieni una terra abbronzante a portata di mano. Scegli una tonalità un po’ iridescente da applicare dove il sole colpirebbe naturalmente la tua pelle. Un buon consiglio è quello di iniziare sugli zigomi e continuare formando una “C”, passando una spolverata sulle tempie e finendo sulla fronte.

Mattifier: Spesso vengono sottovalutati, eppure i mattifier, ovvero i trattamenti opacizzanti, sono la chiave per risolvere uno dei problemi più comuni che affligge le donne durante i mesi estivi: la pelle lucida. Lo scopo di un prodotto opacizzante è quello di fare esattamente quello che dice la parola stessa: dare una finitura opaca alla pelle del viso. I mattifier sono fatti con ingredienti in grado di assorbire gli oli che producono i pori prima che una chiazza di grasso percorra tutto il vostro viso. I miei prodotti opacizzanti preferiti sono quelli con una doppia o tripla funzione. Alcuni idratano e forniscono protezione contro il sole, altri agiscono come primer o fondotinta.

Ombretto luminoso: Sottolinea gli occhi con nuance vivaci come il giallo canarino e il verde erba, colori che hanno dato vita alle passerelle primaverili. Se usare un ombretto troppo intenso vi spaventa, un modo più facile per interpretare questo trend e’ quello di applicare un eyeliner luminoso sulle ciglia superiori o inferiori.

Photo: @iStockphoto.com/dachimage

Nicole Pearl scrive di bellezza per una serie di pubblicazione ed è la fondatrice di TheBeautyGirl.com, un sito web che vi offre notizie rubate dietro le quinte, ma anche consigli e tendenze su tutto quello che e’ il mondo beauty.



scritto da in Da "The Style Glossy"

Nessun commento

By Wendy Schmid for The Style Glossy

Trasforma il tuo Beauty Case

Con tutti i cosmetici che ci sono sul mercato, è molto facile accumulare un bel numero di prodotti. Quando li conserviamo per troppo tempo però, i cosmetici invece di migliorare la tua carnagione possono comprometterla con colori e profumi strani. In più possono anche diffondere batteri.

Col tempo i conservanti smettono di funzionare in modo efficace ed è possibile che stafilococchi, funghi e lieviti contaminino il trucco che è stato conservato dopo la sua scadenza,” dice la dermatologa Francesca Fusco. Quindi ricordati di tenere il tuo arsenale di accessori beauty ben curati e aggiornati quest’anno!

Ma iniziamo dall’ABC. Pat McGrath, direttore creativo di Procter & Gamble dice che sono questi i prodotti di bellezza fondamentali per un beauty case perfetto: fondotinta, correttore, cipria, fard e terra abbronzante, ombretto, eyeliner, rossetti dai colori più “sicuri” e più “temerari”, e infine il mascara. Ora puoi usare la seguente scheda per capire quando è arrivato il momento di buttare i prodotti di bellezza. Il conto alla rovescia inizia quando si apre il prodotto.

Fondotinta: da 6 a 18 mesi
Se vivi in un clima caldo e/o umido, il fondotinta liquido o in crema può rovinarsi dopo appena sei mesi. “Butta via il fondotinta se noti delle separazioni nel prodotto oppure se il liquido inizia a diventare granuloso o troppo spesso,” dice la make up artist delle celebrity Sue Devitt. Se conservato in un luogo fresco (che non sia sotto le luci del tuo armadietto dei medicinali), il fondotinta liquido può rimanere fresco fino a un anno. Le formulazioni in polvere invece dureranno altri sei mesi, basta che ci si ricorda di lavare l’applicatore in spugna ogni settimana.

Consiglio: Annusa il fondotinta al momento dell’acquisto. “Se noti dei cambiamenti, buttalo via,” consiglia la make up artist Joanna Schlip che ha lavorato con celebrity come Sandra Bullock e Sarah Jessica Parker. “Non vale la pena conservare il prodotto e rischiare così problemi alla pelle.”

Correttore: da 6 mesi a 1 anno
I correttori in stick e in polvere durano circa un anno, ma le formule liquide durano la metà del tempo. Anche qui fai attenzione ai cambiamenti di colore, consistenza e odore.

Cipria in Polvere: fino a 2 anni
Mentre usi la cipria per uniformare la carnagione, l’umidità e il sebo possono trasferirsi dalla pelle alla polvere del prodotto. Per prolungare la vita della tua cipria pulisci il pennello settimanalmente con shampoo e un detergente delicato, o sostituisci la spugnetta e gli applicatori quando sono troppo usati. Se è vero che la cipria può durare fino a due anni, bisogna buttarla nel caso si formi una pellicola superficiale prima di allora.

Fard e Terra Abbronzante: da 6 mesi a 2 anni
Una terra abbronzante regalerà un colorito puro e intenso per circa due anni. Ma considerate bronzer e fard liquidi scaduti dopo 12 mesi. Fard e bronzer in crema spesso sono disponibili in barattolo oppure compatti da applicare con le punta delle dita, quindi fai attenzione a eventuali cambiamenti di texture dopo 6 mesi e getta via tutto dopo un anno.

Ombretto in Polvere: fino a 2 anni
Come la cipria, anche l’ombretto può vedere ben due compleanni. Ricordati di pulire il pennello applicatore periodicamente, dice Fusco, in modo che i batteri intorno alla zona degli occhi non si depositi nel contenitore dell’ombretto.

Eyeliner Liquido: 3 mesi a 1 anno
Se l’eyeliner si sta seccando e non puoi più realizzare degli occhi di gatto stile Brigitte Bardot, potrebbe essere necessario dirgli addio dopo solo tre mesi. Altrimenti l’eyeliner può essere usato per ben un anno. “Sai che è ancora buono se si applica senza problemi,” dice Schlips.

Matita per gli Occhi: da 1 a 2 anni
Per fortuna, puoi tenere la tua scorta di matite colorate per ancora un altro po’ di tempo. Questo perché la maggior parte ha una base in cera e i batteri non possono crescere sulla cera, osserva Devitt. Consiglio: tempera le matite una volta alla settimana per tenerle al fresco.

Mascara: da 3 a 6 mesi
Appena l’odore si fa strano oppure vedi che la bacchetta è quasi asciutta quando la tiri fuori, è il momento di dire addio al mascara. “Il mascara è il prodotto dove i batteri possono crescere più facilmente,” spiega Fusco, “perché lo passiamo ogni volta vicino alla membrana mucosa sotto la base delle ciglia.”

Rossetto: fino a 2 anni
Quei rossi audaci e quei viola profondi che tieni in serbo per le serate importanti dureranno un paio d’anni perché i rossetti generalmente contengono cera nella loro formulazione.

Lucidalabbra: 1 anno
Dodici mesi…. anche se applicandoli spesso è probabile che finirai tutti i tuoi gloss preferiti prima del tempo!

Photo: Corbis Images



scritto da in Da "The Style Glossy"

Nessun commento

By Shelley Levitt for The Style Glossy

Capelli Danneggiati: Dietrofront.

Capelli morbidi, lucenti e in salute sono il punto forte di qualsiasi bella donna. Ma tanto quanto teniamo ai nostri capelli, tanto li esponiamo a torture quotidiane costanti: phon, piastre, tinture e decolorazioni, stirature chimiche e code di cavallo troppo strette possono lasciare i tuoi capelli secchi, bruciati e incapaci di mantenere una messa in piega. L’esperto di capelli John Gray, autore del libro The World of Hair, spiega che tutto questo maltrattamento intacca lo strato protettivo dei capelli – chiamato lo strato “F”- portando a una progressiva degradazione della corteccia e del nucleo centrale del capello.

Anche se la situazione può sembrare disastrosa, introducendo solo alcuni piccoli accorgimenti nella tua routine quotidiana di bellezza potrai avere una chioma che appare ed è sana, prevenendo allo stesso tempo ulteriori danni alla fibra capillare. “La tecnologia per i capelli ha fatto enormi passi avanti, spiega Jeni Thomas, scienziato numero uno di Pantene. “Oggi puoi continuare a colorare i capelli, usare strumenti per lo styling e passare il tempo fuori per ottenere acconciature fantastiche – basta che fai i passi giusti per proteggerli.”

Ecco come porre rimedio ai danni alla tua chioma a seconda delle causa del danneggiamento.

Troppi Trattamenti

Se schiarisci o colori i capelli trattati, non superare il rango di due tonalità dal tuo colore naturale: sarà molto meno stressante per la tua chioma che passare dal castano scuro al biondo o viceversa. Quando ritocchi i capelli a casa con un colore permanente o semi-permanente, focalizzati sulle radici così da non trattare di nuovo le punte porose.

Fai attenzione a esporre la tua chioma a trattamenti chimici liscianti o a permanenti. Se ami i risultati che ottieni lisciando chimicamente i capelli, parla con il tuo parrucchiere su come passare a un trattamento meno invasivo per migliorare la texture dei tuoi capelli – lasciandoli morbidi, lucenti e maneggevoli, invece che piatti e lisci.

Usa shampoo e balsamo formulati specificamente per i capelli colorati. I trattamenti chimici alterano la struttura capillare e questi prodotti contengono ingredienti, come alcuni polimeri, che enfatizzeranno la nuova struttura.

Calore Eccessivo

La temperatura più alta del tuo ferro arriccia capelli, piastra, o phon potrebbe essere superiore all’acqua bollente. Invece di “lessare” i capelli, applica uno spray protettivo e usa la temperatura più bassa possibile che ti consente di ottenere il risultato di styling che vuoi ottenere. Non fare la messa in piega quando i capelli sono bagnati; aspetta che siano almeno per due terzi asciutti, o almeno tamponali con un asciugamano per assorbire l’acqua in eccesso. Quando usi la piastra, continua a muoverla: prova ad andare su ogni sezione di capelli almeno una volta.

Cerca shampoo e balsamo che contengano le parole “idratante” o “nutriente” sull’etichetta; questi daranno alle tue ciocche tutti gli ingredienti di cui hanno bisogno per rimettersi in salute.

Capelli Stressati

Per sciogliere i capelli bagnati usa solo un pettine a denti larghi. Diminuisci il numero di volte e la frequenza con cui spazzoli i capelli in modo energico e aggressivo. Dimentica i “100 colpi di spazzola” e usa il minor numero di spazzolate possibili necessarie per ottenere o rinfrescare il tuo stile. Se porti la coda di cavallo, sii sicura di usare elastici senza cuciture e fai attenzione a quando li rimuovi: slegare distrattamente l’elastico potrebbe causare la rottura dei capelli. Se hai già segni di rottura, come capelli svolazzanti intorno alla corona, usa un gel lisciante. Strofina una nocciolina di prodotto tra i palmi delle mani e applica delicatamente sui capelli svolazzanti.

Esposizione Solare

Così come i raggi solari danneggiano la tua pelle, così distruggono anche la tua chioma, indebolendo la struttura proteica che mantiene i capelli forti e in salute. Il modo migliore per proteggere i tuoi capelli dal danneggiamento durante una giornata di sole è l’indossare un cappello; scegline uno dalla tesa larga che proteggerà anche la tua pelle. Se le tue ciocche sono state al sole per più giorni di quanti puoi ricordare, scegli shampoo e balsamo fortificanti, e scegli la formula adatta alla tipologia di capello (fini/fragili, medio/normali).