Articoli Taggati ‘cioccolato’

scritto da in Clarita in Cucina

2 commenti

Ieri ho fatto un esperimento, su richiesta fin troppo esplicita di mio marito. Una mega torta-porcata da 2000 calorie. Una stupefacente chiffon cake al cioccolato con un goloso ripieno alla nutella e al mascarpone. Provare per credere.

Gli ingredienti sono gli stessi della chiffon cake tradizionale: l’unico cambiamento sta nel sostituire 50 gr di farina con altrettanti di cacao amaro in polvere. La torta verrà un po’ più bassa rispetto al tradizionale ciambellone americano, ma è comunque altissima!!

Per la crema, mescolate 200 gr di nutella con 250 gr di mascarpone fino ad ottenere una crema omogenea. Tagliate la chiffon cake ricavando 2 strati e riempite la torta con la crema senza bagnarla con liquori o simili. Ovviamente, a causa della presenza del mascarpone, la torta va conservata in frigo, coperta da un foglio di alluminio, per non farla seccare.

Tadaaaaaaa….

Com’è???

Immaginatela avvolta da un candito strato di panna montata… ancora più goduriosa… un’ottima idea per una torta di compleanno.

Vi ho fatto ingrassare di almeno 1 kg?

 

scritto da in Clarita in Cucina

Nessun commento

Quando ho trovato questa ricetta non ci credevo: possibile che si può preparare un dolce senza grassi e senza uova? Verrà una schifezza colossale? Non proprio, anzi, non sembra proprio che manchino questi ingredienti. Vuoi, allora, questa ricetta? Io l’ho già provata un paio di volte e l’ho trovata su Cookaround.

INGREDIENTI:
50 g. di cacao amaro
150 g. di zucchero
200 g. di farina
250 g. di latte parzialmente scremato
1 bustina di lievito

PREPARAZIONE:
Unisci in una ciotola tutti gli ingredienti secchi, mescolandoli per bene tra loro. Poi aggiungi il latte a poco a poco, facendolo amalgamare agli altri ingredienti. Inforna in forno preriscaldato a 180°C per 30 minuti.

Un consiglio: questa ciambella appena pronta non è un granchè di sapore, o meglio, è buona ma si sente che manca qualcosa. E’ molto più buona mangiata il giorno dopo ma anche due giorni dopo. Io la faccio a pezzi da 50 g e la conservo in delle scatole di latta così si mantiene umida per più giorni. E’ ottima pucciata nel latte a colazione!

Se non vuoi utilizzare il latte, puoi anche sostituirlo con l’acqua, rendendo questo dolce appetibile anche per gli intolleranti al latte e ai suoi derivati.

Insomma, una ciambella senza grassi e senza latte, cosa vuoi di più?

scritto da in Cose Serie

1 commento

Francesca, una mia amica mamma di Margherita, nata solo 2 giorni dopo la mia Paola, mi ha chiesto di render noto su questi schermi un evento che sta organizzando con tutte le sue forze. Come dirle di no? Solidarietà tra mamme e donne imprenditrici!!! E poi è un evento davvero delizioso e cioccolatoso. E chi dice di no alla cioccolata?

Dunque… Si terrà il 28 e il 29 p.v. a Villa S. Maria (CH) presso il Museo del Cuoco la kermesse enogastronomica Lattefondente, a cura dell’associazione culturale Akedà. Una due giorni pensata per grandi e piccini, tutta dedicata al cioccolato declinato nei suoi molteplici aspetti. Saranno presenti i maestri cioccolatai Massimo Tavoletta e Ezio Centini che guideranno i partecipanti ad esplorare il “dietro le quinte” del lato gustoso del cioccolato ossia la raffinata arte della sua lavorazione. L’Associazione Italiana Sommelier e l’Associazione “Custodi della tradizione” si occuperanno di metterne in risalto il lato “raffinato” attraverso un minicorso sulle tecniche di abbinamento tra vino e cioccolato e un aperitivo accompagnato da musica live, mentre la presenza di Mariano Calvisi e Maria Teresa Spagnoli, titolari della ditta Dolci Aveja, offrirà spazio ad una riflessione sulla dimensione sociale del cioccolato attraverso una testimonianza della loro esperienza di maestri dolciari nella città dell’Aquila devastata dal sisma del 2009.

La kermesse si chiuderà con un talk show sulle chicchere di Castelli che vedrà protagonisti Enzo De Rosa, sindaco di Castelli, lo storico dell’arte Vincenzo De Pompeis e il sindaco di Villa Santa Maria, Vito Paolini.

Foto di geomangio

L’Associazione culturale Akedà nasce nel maggio 2011 per iniziativa di tre storiche dell’arte; è presieduta da Silvia Moretta (Presidente) e Francesca Larcinese (Vicepresidente – la mia amica mamma), incentra le sue attività e la sua stessa istituzione sull’esigenza di promuovere e valorizzare lo straordinario patrimonio culturale, artistico, archeologico, naturalistico ed enogastronomico della regione Abruzzo. || Read more

scritto da in Clarita in Cucina

5 commenti

Oggi siamo andati a pranzo dai miei suoceri e così ieri ho pensato di preparare un bel dolce da portare. Visto che ci sarebbero stati anche i nostri nipoti, mio marito ha proposto di preparare un ottimo salame di cioccolato. Come potevo dirgli di no? E così oggi vi passo la ricetta che è stata approvata alla grande da tutti, grandi e piccini.

20111204-214849.jpg

INGREDIENTI:
400 gr di Oro Saiwa
1 confezione di cacao amaro in polvere
125 gr di burro
200 gr di zucchero
2 uova

PREPARAZIONE:
Io ho utilizzato il Bimby per prepararlo ed è stato davvero rapidissimo e facilissimo. Innanzitutto occorre tritare grossolanamente i biscotti: 1 minuto, vel. 4. Mettere i biscotti da parte e inserire nel Bimby tutti gli ingredienti per 2 minuti velocità 1. Infine aggiungere i biscotti nel boccale e far amalgamare per 1 minuto a velocità 1. Versare l’impasto su della carta da forno e dare la forma del salame. Arrotolalo con la stessa carta da formo e mettilo in freezer per un paio d’ore.

Che buonooooo!