Articoli Taggati ‘consigli’

scritto da in Da "The Style Glossy"

1 commento

By Sonia Fossi for The Style Glossy

In polvere o in crema? Pesca o rosa? Alcuni consigli per non sbagliare mai!

Basta un tocco di colore e arriva il buon umore! Un trucco bene eseguito farà bene sia all’aspetto sia allo spirito, basta scegliere l’accoppiata fard e pennello giusta e il gioco e’ fatto. Ecco una piccola guida per scegliere il make-up perfetto per le tue esigenze e tipologia di pelle.

Il Colore Giusto: Pesca o Rosa?
Fragola, ciclamino, pastello, malva e chi più ne ha più ne metta. Esistono infinite declinazioni cromatiche in commercio del fard, ma in verità guardando bene ogni colore si potrà subito intuire che è una derivazione di una di queste due tinte principali: pesca e rosa. L’errore più comune che le donne compiono è quello di scegliere una palette di colori non adatta alla propria pelle, mentre la regola da seguire è semplice: la gamma dei rosa sarà perfetta per chi ha un incarnato nei toni freddi (ad esempio carnagione chiara, pelle sensibile, efelidi, etc.), mentre quella pesca per chi invece ha un incarnato nei toni caldi (ad esempio: pelle olivastra e/o facile all’abbronzatura, capelli e occhi scuri, etc.). Nel dubbio, chiedete consiglio in profumeria.

Il Tipo Giusto: in Polvere, Crema, Gel o Liquido?
E’ fondamentale scegliere la consistenza giusta a seconda del tuo tipo di pelle.

  • Pelle normale: ogni fard andrà bene, ma sceglilo tendenzialmente in polvere se vuoi un trucco più marcato e classico, in crema se vuoi un effetto più naturale e a lunga durata. Una formulazione liquida può andare bene se hai bisogno di un trucco impeccabile per tante ore, ma appena applicato ricordati di spalmarlo subito altrimenti rischi l’effetto macchia.
  • Pelle secca: un fard in crema avrà le proprietà emollienti e idratanti necessarie per ottenere un incarnato perfetto ed evitare l’odioso effetto screpolato.
  • Pelle mista/grassa: un fard in polvere o in gel aiuterà ad assorbire l’oleosità cutanea più facilmente, soprattutto quelli a base minerale. Prediligi comunque formulazioni oill-free e evita ingredienti a base di silicone.

Come applicarlo?
Sugli zigomi: guardandoti allo specchio, succhia in dentro le guance; sulla parte sporgente applica il colore e vai nella direzione delle orecchie.

Sulle gote: guardandoti allo specchio, ridi; applica il colore sulle guance con un movimento circolare.

Hai applicato troppo colore? Se il fard è in polvere basta passare un po’ di velina; se in crema un fazzolettino di carta; se liquido o in gel ahimè devi usare il sapone e iniziare tutto d’accapo.

Photo: Corbis Images

Sonia Fossi scrive da anni per le più importanti riviste di moda, bellezza, arte e design.

|| Read more

scritto da in Da "The Style Glossy"

Nessun commento

By Joanna Vargas for The Style Glossy

Come evitare gli errori più comuni nella cura della pelle

Tutti mi fanno sempre la stessa domanda: come ottenere una pelle luminosa? Non è così difficile come sembra, anche se si ha una pelle “problematica”. Evitando un po’ di errori che si commettono quotidianamente il tuo incarnato si trasformerà completamente!

Cattiva Alimentazione: Spesso molti dei nuovi clienti arrivano con un incarnato giallo e borse nere sotto gli occhi. Molti non sono contenti dell’aspetto della propria pelle, ma non pensano che le abitudini alimentari possano esserne la causa. Quando mangiamo alimenti con un basso contenuto nutritivo, il corpo reagisce buttando via le tossine dalla pelle. Se soffri di eruzioni cutanee, mangia verdure a ogni pasto e se noti che la tua pelle è spenta riduci il numero dei carboidrati come il pane.

Esfoliare Troppo: L’esfoliazione è uno step necessario per una pelle luminosa e in salute. Come tutte le cose però, “il troppo stroppia”. Sia gli scrub che gli acidi glicolici rimuovono lo strato superficiale di cellule morte e lo sporco dalla pelle, restituendole un aspetto giovane. Se si usa un peeling più di due volte alla settimana, questo eliminerà strati di pelle più velocemente di quanti il corpo sarà in grado di produrre collagene per sostituirli. Il risultato sarà una pelle sottile come la carta che rivelerà ogni difetto. Non esfoliare più di una volta alla settimana.

Saltare la Crema Antisolare: L’esposizione a troppo sole è la sorgente di molte problematiche cutanee, come macchie solari e rughe, quindi l’uso quotidiano di un solare è di vitale importanza. Per evitare eruzioni cutanee, scegliete un antisolare che contenga diossido di titanio e ossido di zinco, degli anti-solari fisici – non chimici – che aiuteranno a controllare l’olio che la vostra pelle produce.

Siamo sicuri? Quesat informazione è errata,dovremmo dire Lava il viso prima di andare a dormire: È necessario prendersi cura della pelle anche di sera, non dimenticare mai di lavare il visto.

Joanna Vargas è la fondatrice del Joanna Vargas Salon/Skin Care Sanctuary, i cui clienti includono star e supermodel.

|| Read more

scritto da in Da "The Style Glossy"

Nessun commento

By Amber Katz for The Style Glossy

I 5 migliori consigli di bellezza

Ecco i miei 5 segreti di bellezza più importanti, che fanno parte della mia vita e che voglio condividere con voi.

Trucco
Il trucco in polvere invecchia. Con gli anni, la pelle diventa disidratata. Quindi perché scegliere di applicare trucco in polvere? Fondotinta, fard e autoabbronzanti in crema interagiscono meglio e non fanno seccare la pelle.

Capelli
Una spazzola termica con ghiera in ceramica produce molto più volume rispetto a una spazzola con setole di cinghiale. Una veloce applicazione con una spazzola termica rende i capelli simili a quelli delle modelle nelle pubblicità degli shampoo. Che in fondo è ciò a cui aspiriamo.

Unghie
La forma migliore per le unghie è quella che imita la forma con cui crescono dalle cuticole. L’estremità esterna dovrebbe rispecchiare tale forma.

Corpo
Quando fate la doccia utilizzate sempre un esfoliante per eliminare le cellule morte.

Amber Katz è la curatrice di Beauty Blogging Junkie, un blog di bellezza che spazia dall’ombretto alla lacca per capelli.

|| Read more

scritto da in Da "The Style Glossy"

Nessun commento

By Holly Crawford for The Style Glossy

Quale scollatura vi dona di più?

Quando dovete scegliere una T-shirt, una camicetta o un vestito, in genere è la scollatura a fare la differenza tra un look che valorizza la figura e uno che mette in risalto i difetti.

D’altronde, scegliendo il taglio più adatto potrete apparire più slanciate, snelle ed eleganti. Come realizzare l’incantesimo? Dovete prendere in considerazione diversi aspetti, come taglia di reggiseno, lunghezza del collo, altezza e forma del viso. Ecco qualche consiglio per scoprire il tipo di scollatura più adatto a voi.

Scollatura a balconcino, a U, a V e quadrata

Una scollatura aperta, che mette in mostra la clavicola, slancia e fa sembrare più alta la maggior parte delle donne, sostiene Todd Ramos, stilista e produttore di trasmissioni di moda. Le scollature aperte e profonde, come la scollatura a balconcino (che riproduce la forma della parte alta del cuore), quella a U, a V e quadrata, in genere donano a tutti i tipi di corporatura. “Spostano l’attenzione sul viso e allungano la parte superiore del corpo, soprattutto per chi è piccola di statura o ha il collo corto”, sostiene Ramos. Fate solo attenzione a non mostrare troppo.

Scollatura a girocollo e a barchetta
Se avete il collo lungo, il viso sottile, il seno piccolo o le spalle spioventi, una scollatura alta, vicina alla clavicola, è la scelta più indicata. Le scollature a girocollo e a barchetta spostano l’attenzione sulle spalle, a vantaggio delle proporzioni. In questo caso, la scollatura dona l’illusione di spalle più quadrate, un collo più corto, un viso più pieno e un seno più grande.

Collo ad anello, a lupetto e collo alto
Di colli alti ce n’è per tutti i gusti, non vale la pena morire di freddo in nome della bellezza. Il collo alto propriamente detto arriva a 5 cm dal mento, riduce leggermente l’altezza ed è l’ideale per chi vuole camuffare un collo o un viso lungo. Il collo ad anello, che è una versione morbida del collo alto, forma drappeggi armoniosi all’altezza del torace, creando una linea verticale che slancia. Il collo a lupetto, leggermente più basso del collo alto, costituisce un’ottima via di mezzo per chi non vuole rinunciare ai maglioni più avvolgenti. || Read more