Articoli Taggati ‘cucina’

scritto da in Clarita in Cucina

Nessun commento

Se anche tu sei a dieta, oppure se sei un frost “filetti di merluzzo” shopping addicted, e li trovi insipidi, stufosi e tristi, allora ti do un buon suggerimento per renderli un po’ più saporiti, addirittura buoni!!!

INGREDIENTI:
4 filetti di merluzzo
il succo di un limone
pan grattato q.b.

PREPARAZIONE:
Lascia scongelare a temperatura ambiente i filetti di merluzzo. Una volta scongelati “annegali” nel succo di limone e lascia riposare per circa 30-40 minuti. Poi accendi il forno a 220°C. Mentre si riscalda, impana i filetti rotolandoli nel pan grattato. Metti il pesce in una teglia rivestita con la carta da forno ed inforna per 20 minuti.

Il tutto a prova di dieta, visto che non c’è traccia di grasso nè animale, nè vegetale.

Io ho perso 8 kg e sono ritornata al mio peso pre-gravidanza anche grazie a questo (orrido) pesce 🙂

scritto da in Clarita in Cucina

1 commento

Non so se avete mai avuto l’onore di assaggiare la mozzarella in carrozza: praticamente sarebbe una fetta di pane con mozzarella annessa, passata nell’uovo sbattuto e fritta in olio bollente. Una goduria, vero? Poichè sono una botta di calorie (e di colesterolo), la vera mozzarella in carrozza la mangio una volta ogni 100 anni. Mi accontento, invece, spesso e volentieri, di una versione light di questa ricetta, che praticamente viene cotta al forno.

INGREDIENTI (per 2 persone):
3-4 fette di pane raffermo
200 gr di mozzarella (o treccia)
1 uovo
olio o burro q.b.
salame piccante e parmigiano q.b.

PREPARAZIONE:
Versa un filo d’olio (o un pezzetto di burro fuso) in una teglia e ungine il fondo. Disponi le fette di pane sul fondo della teglia, ad incastro. Metti sul pane la mozzarella a fettine sottili, fino a coprirlo tutto. Arricchisci con del salame a pezzettini piccoli, senza abusare. Inforna in forno preriscaldato a 180°C per circa 15 minuti. A questo punto sbatti un uovo con del parmigiano grattugiato e versalo sulla mozzarella, che nel frattempo si sarà sciolta. Lascia cuocere per altri 5 minuti e servi caldo, ma non bollente.

Il risultato è questo:

Questo piatto è ottimo per riciclare del pane avanzato dai giorni precedenti o delle mozzarelle non proprio freschissime. Credetemi, il gusto è davvero buonissimo.

Ah, se il pane è troppo duro, puoi ammorbidirlo con un goccio di latte 🙂

scritto da in Cose Serie

1 commento

Francesca, una mia amica mamma di Margherita, nata solo 2 giorni dopo la mia Paola, mi ha chiesto di render noto su questi schermi un evento che sta organizzando con tutte le sue forze. Come dirle di no? Solidarietà tra mamme e donne imprenditrici!!! E poi è un evento davvero delizioso e cioccolatoso. E chi dice di no alla cioccolata?

Dunque… Si terrà il 28 e il 29 p.v. a Villa S. Maria (CH) presso il Museo del Cuoco la kermesse enogastronomica Lattefondente, a cura dell’associazione culturale Akedà. Una due giorni pensata per grandi e piccini, tutta dedicata al cioccolato declinato nei suoi molteplici aspetti. Saranno presenti i maestri cioccolatai Massimo Tavoletta e Ezio Centini che guideranno i partecipanti ad esplorare il “dietro le quinte” del lato gustoso del cioccolato ossia la raffinata arte della sua lavorazione. L’Associazione Italiana Sommelier e l’Associazione “Custodi della tradizione” si occuperanno di metterne in risalto il lato “raffinato” attraverso un minicorso sulle tecniche di abbinamento tra vino e cioccolato e un aperitivo accompagnato da musica live, mentre la presenza di Mariano Calvisi e Maria Teresa Spagnoli, titolari della ditta Dolci Aveja, offrirà spazio ad una riflessione sulla dimensione sociale del cioccolato attraverso una testimonianza della loro esperienza di maestri dolciari nella città dell’Aquila devastata dal sisma del 2009.

La kermesse si chiuderà con un talk show sulle chicchere di Castelli che vedrà protagonisti Enzo De Rosa, sindaco di Castelli, lo storico dell’arte Vincenzo De Pompeis e il sindaco di Villa Santa Maria, Vito Paolini.

Foto di geomangio

L’Associazione culturale Akedà nasce nel maggio 2011 per iniziativa di tre storiche dell’arte; è presieduta da Silvia Moretta (Presidente) e Francesca Larcinese (Vicepresidente – la mia amica mamma), incentra le sue attività e la sua stessa istituzione sull’esigenza di promuovere e valorizzare lo straordinario patrimonio culturale, artistico, archeologico, naturalistico ed enogastronomico della regione Abruzzo. || Read more

scritto da in Cinema & TV, Clarita in Cucina

Nessun commento

Lo sapete tutti che la cucina è il mio regno. E che uno dei miei modi preferiti di rilassarmi è proprio cucinare. Dalla fine di ottobre, ogni venerdì, è iniziato su Lei, canale 127 di Sky, un nuovo programma culinario che mi sta entusiasmando. Non so se lo seguite anche voi, si chiama Cambio cuoco. Per chi non lo conosce, si tratta di un programma in cui, in ogni puntata, sono protagoniste due famiglie molto diverse, con differenti tradizioni culinarie, che si scambiano “il cuoco ufficiale” per il pranzo della domenica. Il programma segue l'arco temporale dell'intero weekend: il primo giorno vede la conoscenza dei cuochi e delle rispettive famiglie. Dunque i personaggi fanno la spesa e preparano il dolce da portare l’indomani nell’altra casa. La domenica, invece, è il grande giorno in cui “gli chef” bussano alla porta dell’altra famiglia, pronti a mettersi ai fornelli e a preparare un pranzo succulento.

La cosa che mi piace di questo programma è che non vengono proposte ricette arzigogolate, ma sono pratiche e semplici, spiegate da donne "normali". Un'altra cosa molto carina è l'incrocio tra usi e tradizioni che si evince dallo scambio, molto interessante. E poi alcuni personaggi sono proprio delle "macchiette", troppo simpatici! Anche il sito di Cambio Cuoco è molto carino: ci sono tante ricette interessanti assolutamente da provare. E in più c'è anche il canale di Youtube con le videoricette, in modo da poter cucinare tante bontà guidate passo dopo passo. Per esempio, guardate con quanta facilità si può preparare pasta e fagioli:

Io, veramente, non ci metto il sedano, la cipolla e le carote. Mentre per renderli più digeribili si può mettere un po' di "coda" di finocchio. Ah, un po' di lardo dà più sapore e basta non mangiarlo per non avere una "batosta" di calorie. Ovviamente il programma ha anche una pagina su Facebook: http://facebook.com/leitv. Se partecipassi io a questo programma proporrei un menù tipicamente materano: pasta al forno, braciolette al sugo e, come dolce, la marmellata di amarene. Penso proprio che tutti si leccherebbero i baffi 🙂 venerdì 25 alle 21,00 verrà messa in onda la quinta puntata. E siamo a metà del percorso visto che il programma terminerà il 30 dicembre. Sono disponibili anche delle repliche: sabato alle 12,10, domenica alle 19,10 e lunedì alle 22,00. Articolo sponsorizzato