Articoli Taggati ‘donne’

scritto da in C'è Vita a Matera, Web Area

Nessun commento

Guardate questo bellissimo mini documentario su alcune donne che provengono da altre nazioni che vivino qui a Matera o in altre cittadine della Basilicata.

Molto bello e suggestivo, vero? Quante culture nella mia Regione! E quanto girl power!!!! 😀

scritto da in C'è Vita a Matera

Nessun commento

Puntuale come ogni anno, a fine settembre Matera si veste di rosa, si mette gli occhiali e si prepara a diventare la capitale europea del romanzo femminile. Anche quest’anno scrittrici di tutto il mondo arriveranno nella città dei Sassi per la nona edizione del Women’s Fiction Festival, Festival della narrativa femminile.


Le danze si apriranno il 27 settembre e si chiuderanno 3 giorni dopo, il 30. Il tema di quest’anno è “Leggo di gusto“.

Descrizioni barocche di ricche e sontuose tavole imbandite, pranzi pantagruelici, cibo spazzatura, fantasie compensatorie: c’è un cibo per ogni tempo e per ogni cultura. Al Women’s Fiction Festival si renderà omaggio al gusto di leggere e al leggere di gusto, con incontri e presentazioni di libri dedicati al cibo, laboratori di cucina, degustazioni e mercatini alimentari a Km 0 dove gustare i sapori della gastronomia locale. I protagonisti saranno l’alimentazione e il nutrimento del corpo e della mente.

Anche quest’anno Il programma comprende un Congresso internazionale per scrittori, master class condotte da scrittrici best seller, “Briefings for thriller writers” dedicati ai giallisti, appuntamenti a tu per tu tra scrittori, editor, agenti letterari e consulenti editoriali, incontri con il pubblico, happy hour, concerti e premiazioni letterarie.

Per maggiori informazioni e per scaricare il programma ufficiale della kermesse, visita il sito della manifestazione: http://www.womensfictionfestival.com/index.php.

scritto da in Questa è la mia Vita

2 commenti

Mi hanno sempre incuriosita, fin da quando ho sentito parlare di loro per la prima volta. Di cosa parlo? Dei nuovi assorbenti della Lines, i Lines è. Io, veramente, ho sempre usato questa marca di assorbenti, è l'unica con cui mi trovo veramente bene. Da pioniera negli acquisti, quale sono, ho sempre voluto provare le novità. E, come dicevo, anche i Lines è mi attiravano parecchio. Però poi sono rimasta incinta e quindi ho avuto una bellissima e lunghissima pausa con il ciclo (che purtroppo da un paio di mesi è terminata). Vuoi sapere un aneddoto? Credo che i Lines è mi abbiano portato fortuna. Li ho pensati intensamente e ho desiderato acquistarli ardentemente e – zack! – incinta! E so che non sono la prima nè l'unica a cui è successa questa cosa. 🙂

Torniamo a noi. Mi è stata offerta l'opportunità di provare questo nuovo prodotto e di parlarne su questo mio canale. Ho ricevuto due confezioni di Lines è, una di quelli Ultra con Ali e una di quelli Ultra Notte con ali, e ho praticamente utilizzato solo quelli durante il mio ultimo ciclo, appena terminato.

Vuoi sapere come mi sono trovata? Ecco le mie impressioni "a caldo":

  1. Comfort: è davvero un assorbente "invisibile". Sottilissimo, sembra come se non avessi nulla. All'inizio ero un po' scettica su questo aspetto. Ma anche di notte, quando il ciclo è più lungo, non ci sono fuoriuscite.
  2. Assorbenza: anche se è sottilissimo, questo assorbente ha davvero un'ottima assorbenza. Credo che sia merito del nuovo materiale utilizzato. Una sola cosa ho riscontrato: l'assorbenza è superiore agli altri assorbenti (che sono anche più grossi e fastidiosi) ma credo che sia un po' più lenta. In altri termini, ho avuto l'impressione che il liquido venga filtrato più lentamente e ci si senta un po' più bagnata, questo nei giorni in cui il flusso è più abbondante.
  3. Durata: un altro aspetto positivo è che un assorbente ti dura davvero per tantissimo tempo! Prima dovevo cambiarlo ogni 2-3 ore, con Lines è posso stare anche 4-5 ore senza cambiarlo. Dunque si consumano molto meno assorbenti rispetto agli altri.
  4. Prezzo: i Lines è sono un po' carucci. Costano €4,50 e nella confezione ci sono solo 10 assorbenti. Considerando però che durano più degli altri, insomma, più meno il costo è quello. Sai quanti ne ho consumati nei miei 4 giorni di ciclo? Il pacco intero di quelli "Ultra con Ali" (10 assorbenti) e metà pacco degli "Ultra Notte con Ali" (5 assorbenti). Ovviamente se hai un ciclo di 8 giorni non so quanto possano essere convenienti, ma per chi ha un ciclo "normale" come il mio, il costo non varia di molto.

Spero di essere stata il più oggettiva possibile 😀 Alla fine bisogna essere giusti, no?

Se non sei d'accordo su questa mia analisi, dì la tua nei commenti.

Per le specifiche tecniche del prodotto, visita il sito: http://www.lines.it/linese.php

Articolo sponsorizzato

scritto da in Cose Serie

2 commenti

Tramite la risoluzione numero 54/134 del 17 dicembre 1999, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha designato il 25 novembre come la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne e ha invitato i governi, le organizzazioni internazionali e le ONG ad organizzare attività volte a sensibilizzare l’opinione pubblica in quel giorno.

L’Assemblea Generale dell’ONU ha ufficializzato una data che fu scelta da un gruppo di donne attiviste, riunitesi nell’Incontro Femminista Latinoamericano e dei Caraibi, tenutosi a Bogotà (Colombia) nel 1981. Questa data fu scelta in ricordo del brutale assassinio del 1960 delle tre sorelle Mirabal, considerate esempio di donne rivoluzionarie per l’impegno con cui tentarono di contrastare il regime di Rafael Leónidas Trujillo (1930-1961), il dittatore che tenne la Repubblica Dominicana nell’arretratezza e nel caos per oltre 30 anni.

Il 25 novembre 1960 le sorelle Mirabal, mentre si recavano a far visita ai loro mariti in prigione, furono bloccate sulla strada da agenti del Servizio Militare di Intelligenza. Condotte in un luogo nascosto nelle vicinanze furono torturate, massacrate a colpi e strangolate, per poi essere gettate in un precipizio, a bordo della loro auto, per simulare un incidente. L’assassinio delle sorelle Mirabal è ricordato come uno dei più truci della storia dominicana.

In Italia solo dal 2005 diversi Centri antiviolenza e Case delle donne hanno iniziato a celebrare questa giornata. Ma negli ultimi anni anche istituzioni e vari enti come Amnesty International festeggiano questa giornata attraverso iniziative politiche e culturali. Nel 2007 100 mila donne (40 mila secondo la questura) hanno manifestato a Roma “Contro la violenza sulle donne”, senza alcun patrocinio politico. È stata la prima manifestazione su questo argomento che ha ricevuto una forte attenzione mediatica, anche per le contestazioni che si sono verificate a danno di alcuni ministri e di due deputate.” (fonte: Wikipedia)

Foto di European Parliament