Articoli Taggati ‘giocattoli’

scritto da in Io mamma?, Questa è la mia Vita

Nessun commento

Dopo 2 anni e mezzo mi ha ricontattata la Quercetti, storica azienda italiana produttrice di giochi per bambini famosa per i chiodini, per propormi di testare alcuni nuovi giocattoli in legno della nuova linea Quercetti Wood, totalmente made in Italy. “Perchè no?” mi sono detta. E così dopo pochi giorni il corriere è arrivato carico di meraviglie per le mie 2 bambine.

Dopo 66 anni trascorsi a realizzare giocattoli in plastica, la Quercetti ha deciso di lanciare sul mercato un nuovo prodotto: il giocattolo in legno, indubbiamente più costoso per il materiale ma anche con una qualità più elevata. Farlo poi tutto in Italia è ancora più un’impresa. Anche perchè i giocattoli totalmente fabbricati in Italia sono davvero introvabili.

Nuovo il design e il materiale ma le costanti Made in Quercetti sono sempre presenti: cura dei dettagli, inserti in plastica, design innovativo, colori esclusivi e finiture d’avanguardia. In più i giocattoli di questa nuova linea sono dipinti con vernici a base acqua e certificati a garanzia che il legno utilizzato provenga da foreste gestite in modo responsabile.

Io ho ricevuto 2 delle 3 tipologie di gioco appena introdotte da Quercetti.  || Read more

scritto da in Cronache casalinghe, Io mamma?

Nessun commento

Ad inizio 2014 sono stata contattata dalla ditta Quercetti per ricevere dei campioni di giochi da far provare a mia figlia. Proprio a Natale la mia piccola aveva ricevuto i celeberrimi chiodini, uno dei cavalli di battaglia della ditta, apprezzati anche dai genitori che a loro volta ci giocavano quando erano piccoli (tipo me!). Pensate che l’origine di questo diffusissimo giocattolo è francese. L’idea di base era semplicissima: realizzare disegni ed immagini fantastiche su una tavoletta traforata di cartone utilizzando tanti fiammiferi in legno con capocchia in cera colorata. Alessandro Quercetti ne intuisce le potenzialità e lo brevetta in Italia. Grazie a Quercetti questo semplicissimo gioco diventerà un successo planetario.

La Quercetti è poi oggi una delle pochissime realtà del settore a poter vantare un controllo diretto dell’intera filiera produttiva. Infatti tutto il lavoro, a partire dalla progettazione del giocattolo fino al confezionamento del prodotto finito è interamente realizzato nell’unica sede di Corso Vigevano, a Torino. L’intero ciclo di produzione, concept, prototipazione, sviluppo, costruzione stampi, stampaggio, confezionamento, spedizione è svolto in Italia con manodopera residente, sviluppando un indotto sul territorio.

Ecco qui il primo gioco che mi hanno inviato, il bellissimo Tablet Creativo: un originale gioco magnetico che permette ai bimbi di crearsi da soli bellissime calamite magnetiche da attaccare sulla lavagna double-face. Una faccia della lavagna è allestita con uno scenario coloratissimo dove ambientare infinite storie con gli animali sulle ali della fantasia di ciascun bambino. I colorati animaletti che animano il gioco possono essere realizzati dai bambini grazie alla pasta panna, una particolare pasta di cellulosa che permette loro di giocare in tutta sicurezza.

Questo è il lato della lavagna che Paola apprezza di più perché può scarabocchiarci sopra.

Questo è invece il lato con il bosco, gli animaletti che si creano con una particolare pasta “panna” e gli stampini:

Tablet Creativo

E questo è Link. Le barrette hanno una forma senza spigoli ma doppiamente forata che stimola l’immaginazione del bambino a cercare possibili soluzioni per collegarle e incastrarle, in modi sempre diversi, fino a formare strutture sempre più complesse.

|| Read more

Paola plays Zoobles

Giu
2012
27

scritto da in Io mamma?

Nessun commento

La mia piccola ha ricevuto un nuovo giocattolo da provare ed eccoci qua a raccontarlo sul sito della mamma. Ora che imparerà a leggere e scrivere le creerò un blog tutto suo così non invaderà più gli spazi materni! LOL!

Questa volta Paola gioca con gli Zoobles. Sono dei coloratissimi e carinissimi pupazzetti famosi oltre Oceano che da poco sono approdati anche nella nostra penisola. Si chiamano Zoobles perchè sono degli animali (dello Zoo): coniglietti, uccellini, polpi, pulcini, pesciolini che vivono ognuno in una deliziosa casetta, denominata Happitat (crasi tra Happy e Habitat). Quando lo Zoobles è a contatto con il suo Happitat, da sfera si trasforma, diventando un tenero animaletto.

Paola, è stata attratta soprattutto dal coloratissimo “Drop-in playset” del suo Zoobles Coolia: una scatoletta che aperta mostra un ambiente per giocare. Siamo nella terra di Chillville e questo è l’Albergo Artico di Coolia.

Magari quando sarà un po’ più grande potrà anche evitare di ciucciare avidamente la testa degli Zoobles. 🙂 Che intanto si vendicano facendole il solletichino sul pancino.

Sul sito http://www.zoombles.it ci sono tanti giochi da fare soprattutto per bambini un po’ più grandi della mia. E ovviamente c’è anche la pagina fan su Facebook: https://www.facebook.com/ZooblesItalia

scritto da in Cronache casalinghe

Nessun commento

I bambini del 2011 sono così fortunati da avere nella loro stanzetta un parcheggio riservato ai loro mezzi di spostamento.

Non è da meno mia figlia Paola, 8 mesi e mezzo di pannolini e ruttini, che dispone di ben due mezzi che adora: la macchinina e il girello. E io divento la sua parcheggiatrice di fiducia, visto che ho il compito di metterli al proprio posto quando la pupa non li usa.

Eccoli lì, ben allineati al box e al pavimento, in perfetta sintonia con l’ambiente babylandia. Questa casa non è un parcheggio?