Articoli Taggati ‘guida’

scritto da in Da "The Style Glossy"

Nessun commento

By Laurie Drake for The Style Glossy

Una Guida ai Trattamenti per il Viso

Mentre la maggior parte di noi passa il tempo a fissare appuntamenti dal parrucchiere, quando si tratta dell’estetista, tendiamo a non essere altrettanto diligenti. Siamo così indulgenti nel coccolarci quotidianamente con lozioni e pozioni varie che è facile sminuire i benefici di un trattamento al viso professionale. “Un trattamento specializzato manterrà il tuo viso sano e idratato e lo proteggerà dagli agenti esterni,” dice il dermatologo Howard Murad. “Se hai dei problemi specifici come imperfezioni o una pigmentazione poco uniforme, un trattamento ad hoc potrà fare la differenza.”

Cosa Aspettarti Durante un Trattamento
Un trattamento classico al viso include generalmente le seguenti fasi:

  1. Una detersione profonda con un prodotto adatto al tuo tipo di pelle (normale, secca, grassa, mista o sensibile)
  1. Un esame della pelle con una lente d’ingrandimento illuminata da una lampada professionale
  1. Una pulizia profonda con bagno di vapore e l’uso di un esfoliante meccanico o chimico
  1. Estrazione di comedoni e punti bianchi
  1. Un massaggio per stimolare la circolazione e rilassare i muscoli facciali
  1. Una maschera specifica per il tuo tipo di pelle
  1. L’applicazione di tonici e creme protettive

Come Agisce un Trattamento al Viso

  • Esfolia: Le cellule morte impediscono alla pelle di riflettere la luce e, di conseguenza, il nostro incarnato appare ruvido e discolorato. Per rimuovere quello strato opaco, spento, l’estetista sceglierà l’esfoliante migliore per la tua pelle, che sarà o uno scrub abrasivo oppure un agente chimico liscio, come gli alfa-idrossi acidi oppure gli enzimi contenuti nella papaya.
  • Estrae: Una volta eliminato lo strato superficiale di cellule morte, i contenuti dei pori saranno ammorbiditi grazie al vapore e l’estetista userà degli strumenti sterili per estrarre lo sporco impiegando la giusta pressione.
  • Illumina: Se ci sono problemi come pigmentazione poco uniforme oppure macchie brune, l’estetista potrà applicare una maschera, peeling o siero che contenga sbiancanti cutanei certificati come la vitamina C, l’estratto di liquirizia, l’estratto di melograno, l’acido cogico o l’arbutina.
  • Idrata: Quando lo strato superficiale della pelle è perfettamente idratato, ha un aspetto sodo, liscio e morbido al tatto. Per ottenere un’idratazione ai massimi livelli, l’estetista usa “vapore, umettanti e agenti idratanti, che danno tono alla pelle e smorzano le rughe infondendo quelle aree con dell’idratante,” dice l’estetista Stacy Cox.

Quando Fissare l’Appuntamento con l’Estetista
Fissa l’appuntamento con qualche giorno in anticipo, persino una settimana prima nel caso di un grande evento, per evitare di avere ancora i segni causati da un’eventuale irritazione cutanea. Un buon trattamento al viso non dovrebbe irritare la pelle al punto di scatenare un’infiammazione, ma c’e’ sempre comunque la possibilità che rimanga un residuo di arrossamento causato da estrazioni e peeling dolci.

I giorni immediatamente precedenti al ciclo mestruale possono essere delicati per alcune donne. Se noti che il tuo corpo è particolarmente suscettibile al dolore o alla scomodità, è meglio cambiare la data dell’appuntamento oppure chiedere all’estetista se può saltare la fase estrazione.

Pelle sottile? Procedere con Cautela
Poiché la pelle sensibile è per definizione di consistenza fine, visti l’epidermide sottile e i vasi sanguigni vicini alla superficie, un’estetista con esperienza seguirà quella che Cox definisce la regola del “meno calore, meno tempo, meno prodotto”. Questo vuol dire che userà maggiore cautela diminuendo il tempo di esposizione al vapore, usando panni intrisi di acqua tiepida anziché calda, esfoliando con enzimi delicati anziché con quelli più invasivi come l’acido glicolico, facendo meno estrazioni e usando una maschera idratante.

Photo: @iStockphoto.com/cdwheatley



scritto da in C'è Vita a Matera

3 commenti

Da circa una settimana è iniziata nella mia città la raccolta differenziata (finalmente!). Fortunatamente il Comune di Matera ci ha fornito opuscoli e calendari in cui trovare tutte le istruzioni su come effettuarla. Il problema è che non c’è un elenco completo con tutti i rifiuti domestici e la loro collocazione. Cosicchè spesso le domande sorgono spontanee: dove vanno i bastoncini di cotone? E la scatoletta del tonno?

Foto di MicroCosmi

Ho fatto una piccola ricerca sul web e ho trovato un’utile guida alla raccolta differenziata in cui sono elencati in ordine alfabetico tutti i rifiuti domestici più comuni con il loro “bidone” di appartenenza. Finalmente molte mie domande hanno delle risposte inconfutabili. Questa guida è stata creata dalla Città di Aversa e ovviamente i numeri del Call Center sono validi solo per quella città.

SCARICA LA GUIDA (.pdf)

Spero di averti dato un’utile indicazione, in caso di problemi con la differenziazione dei rifiuti. Sono contenta che finalmente nella mia città ci si è attivati in tal senso. E’ importante per l’ambiente e per il nostro futuro.

scritto da in C'è Vita a Matera, Cose Serie

Nessun commento

Vuoi diventare un perfetto Cicerone e apprendere tute le tecniche necessarie per diventare delle guide non-fai-da-te?

L’associazione “Il Vagabondo“, che si occupa di promuovere la cultura del viaggio come turismo responsabile e sostenibile, e Gea De Leonardis, guida turistica abilitata della Regione Basilicata, stanno organizzando il corso: “L’arte del cicerone“. E’ un corso di formazione base per carpire i segreti di una buona guida turistica.

Il corso si articola in sette lezioni, di cui cinque teoriche, un’esercitazione e una visita guidata che avranno cadenza settimanale e inizierà il 18 marzo, si terrà presso Tisaneria “Pietra viva” via Fiorentini 48/50 (sasso barisano) al costo di € 60,00 (7 lezioni).

C’è tempo per iscriversi fino al 15 marzo. Per informazioni: info@benvenutiamatera.it