Articoli Taggati ‘light’

scritto da in Clarita in Cucina

Nessun commento

Quando ho trovato questa ricetta non ci credevo: possibile che si può preparare un dolce senza grassi e senza uova? Verrà una schifezza colossale? Non proprio, anzi, non sembra proprio che manchino questi ingredienti. Vuoi, allora, questa ricetta? Io l’ho già provata un paio di volte e l’ho trovata su Cookaround.

INGREDIENTI:
50 g. di cacao amaro
150 g. di zucchero
200 g. di farina
250 g. di latte parzialmente scremato
1 bustina di lievito

PREPARAZIONE:
Unisci in una ciotola tutti gli ingredienti secchi, mescolandoli per bene tra loro. Poi aggiungi il latte a poco a poco, facendolo amalgamare agli altri ingredienti. Inforna in forno preriscaldato a 180°C per 30 minuti.

Un consiglio: questa ciambella appena pronta non è un granchè di sapore, o meglio, è buona ma si sente che manca qualcosa. E’ molto più buona mangiata il giorno dopo ma anche due giorni dopo. Io la faccio a pezzi da 50 g e la conservo in delle scatole di latta così si mantiene umida per più giorni. E’ ottima pucciata nel latte a colazione!

Se non vuoi utilizzare il latte, puoi anche sostituirlo con l’acqua, rendendo questo dolce appetibile anche per gli intolleranti al latte e ai suoi derivati.

Insomma, una ciambella senza grassi e senza latte, cosa vuoi di più?

scritto da in Clarita in Cucina

2 commenti

Da circa 10 giorni io e mio marito siamo a dieta. Sì perchè non ce la facevamo davvero più a portarci questo “peso” dietro. E quindi via dalla nostra cucina alimenti troppo grassi, dolci e quando altro che possa nuocere alle nostre nuove abitudini alimentari. L’unico “vizio” che non possiamo abolire è il pezzo (che da pezzone è diventato pezzetto) di ciambella a colazione. Tanto poi c’è tutta la giornata per bruciarlo, vero? Per essere tranquilli, però, ne preparo una senza burro e latte, con olio di semi e acqua, di modo che è moooolto più leggero della ciambella tradizionale. E scarseggio anche con lo zucchero. Vabbè, facciamo prima, vi do la ricetta.

INGREDIENTI:
250 gr di farina
250 gr di zucchero (io ne metto la metà)
3 uova
130 gr di olio di semi
130 gr di acqua
1 bustina di lievito per dolci
1 bicchierino di liquore (io utilizzo crema di limoncello)

PREPARAZIONE:
Io utilizzo il Bimby per preparare questa ciambella. Prima di iniziare la preparazione, rivesto la teglia a forma di ciambella con la carta da forno bagnata e accendo il forno a 180°C. Poi metto nel boccale del Bimby lo zucchero, le uova, l’olio, l’acqua e il liquore: 30 sec. vel. 5. Aggiungo poi la farina: 40 sec. vel. 5. Quando mancano 10 secondi alla fine aggiungo la bustina di lievito dal foro del coperchio. Verso infine il composto nella teglia e lo inforno per 30 minuti. Ovviamente non metto lo zucchero a velo per decorare la ciambella.

Domani proverò una ricetta di ciambella al cioccolato senza burro nè uova. Vi farò sapere com’è. 🙂

scritto da in Clarita in Cucina, Questa è la mia Vita

1 commento

La ricetta di oggi proviene dalla Sicilia. Quando sono stata sulle Isole Eolie (ormai son passati 2 anni) ho assaggiato parecchie pietanze cucinate alla palermitana: filetti di pesce, carne, verdure. E da buona scolaretta ho importato le ricette nella mia cucina.

La modalità di cottura alla palermitana vorrebbe emulare nel gusto la frittura anche se non c’è traccia di fritto 🙂 Come si fa? Oggi ho cucinato il petto di pollo in questo modo… leggete e provateci anche voi! || Read more

scritto da in Clarita in Cucina

3 commenti

Finalmente oggi riprende la mia abitudine di pubblicare le mie care ricettine della domenica. L’unica cosa è che almeno fino a Natale, pubbicherò ricette un pò più light, visto che a Bruxelles ho messo qualche kg in più e devo assolutamente smaltirlo. Oggi vi propongo un’alternativa light agli hamburger che non sono così leggeri sia per gli ingredienti che per il metodo di cottura. Con questa ricetta, che leggerissima però non è, si eliminano per lo meno i grassi della frittura, visto che la carne è cotta al forno. Per il resto, la ricetta è pressochè identica a quella degli hamburger. || Read more