Articoli Taggati ‘maternità’

scritto da in C'è Vita a Matera, Cose Serie, Io mamma?, Questa è la mia Vita, Web Area

Nessun commento

Apro il 2014 con una bella notizia per le mamme che vivono a Matera ma anche che sono materane ma vivono fuori.

Io ed altre mamme abbiamo fondato un’associazione proprio a misura nostra: l’Associazione Mamme Materane all’Opera (MOM):

Nata da un’idea di Tina Festa, presidente dell’associazione, MOM lavora alla costruzione di percorsi di crescita e alla condivisione di idee ed esperienze rivolgendosi direttamente a mamme e papà alle prese con i loro ruolo di genitori. L’associazione ha l’obiettivo di creare spazi di socializzazione, eventi e manifestazioni ideati appositamente per famiglie con bambini, reti di sostegno alla maternità, gruppi di auto-mutuo-aiuto e di acquisto solidale, e allo stesso tempo ha lo scopo di osservare la città con una lente d’ingrandimento al fine di migliorarla e disegnarla a misura di bambino.

Oltre al gruppo facebook l’associazione ha dato vita al blog www.mammematerane.com, in cui si possono consultare ricette, trovare consigli utili su giochi e attività creative, o imbattersi nella spiazzante saggezza dei più piccoli.

Tra le iniziative segnaliamo i corsi di disostruzione pediatrica, il mercatino dello scambio, gli spazi nursery durante alcuni importanti eventi cittadini, gli appuntamenti di cucina, la ginnastica mamma-bambino, gli incontri con gli esperti.

Io e la collega-mamma Anna siamo andate a raccontare tutto ciò anche in TV, sulla nostra emittente locale. Eccoci serie serie a parlare di mamme ed associazionismo:

Se vuoi unirti a noi, visita il sito dell’associazione e leggi le “istruzioni” per farlo: http://www.mammematerane.com/associazione-mamme-materane-allopera/

scritto da in Cinema & TV, Io mamma?

Nessun commento

Qualche settimana fa ho visto un film leggero e rilassante che mi incuriosiva parecchio: “Travolti dalla cicogna“. Trama un po’ ovvia, secondo me racconta perfettamente i clichè più comuni su gravidanza e maternità.

Barbara (Louise Bourgoin) e Nicolas (Pio Marmai) vivono a Parigi, la passione comune per il cinema li fa incontrare. Giovani, spensierati e innamoratissimi conducono la tipica vita della coppia senza figli. Lui ne desidera uno, Barbara resta incinta e l’evento sconvolgerà la sua vita affettiva, sessuale e familiare: ormoni impazziti, nausea, sbalzi d’umore, il fisico trasformato… “si sente posseduta e abitata da un alieno”. E quando nasce la piccola Lea tra Barbara e Nicolas tutto cambia: è così difficile ritrovarsi in tre! Tratto dal romanzo “Lieto Evento” di Eliette Abécassis (pubblicato da Marsilio Editori) una commedia divertente, dissacrante, intelligente e sarcastica.

Secondo me più che le gioie, questo film mette in luce i dolori della maternità. Ma non quelli provati dalla maggior parte delle mamme. Sei proprio sfigata se hai avuto un parto terribile, un compagno bamboccio e menefreghista e una figlia che piange 24 ore su 24! Tutto insieme nello stesso momento, eh! Insomma, se fossi in attesa e avessi visto il film in quello stato, avrei una paura matta di quel piccolo cuore che batte nella pancia.

Invece no, la vita da mamma non è poi così terribile. Non diventi uno straccio vivente come la protagonista del film. Sì, si arriva mani e piedi ad abbracciare il cuscino di sera, non nascondiamolo. Ma ci sono anche mamme che non allattano mai di notte da quando i bambini hanno pochi giorni/mesi, ci sono anche bambini che piangono di rado, ci sono anche papà che si mettono il grembiule in casa e fanno le pulizie pur di concedere un’ora di relax alla loro moglie/compagna. Non è tutto così nero. E poi, per chi ha la possibilità, ci sono i nonni che danno una grossissima mano. I primi 2-3 mesi sono quelli più duri ma poi va tutto in discesa. E quei sorrisoni sdentati ci fanno sentire in Paradiso e alleviano tutte le fatiche accumulate durante la giornata.

Questa sono io.

Set
2012
03

scritto da in Io mamma?, Questa è la mia Vita

Nessun commento

Da www.nostrofiglio.it

Mia figlia lo dice ancora “mmmmaaaaammmmmaaaaa”. E lo dice solo quando è disperata, quando ha bisogno di qualcosa. Per tutto il resto c’è “Papà”, detto con occhi e voce sognante. Nelle foto c’è papà (quelle di coppia, l’altra sono io), al telefono c’è papà (quando fa finta, ma anche quando ci sono io dall’altra parte del filo), fuori, per strada, c’è papà.

Sì, forse quel masochista ci sta bene là sotto. E oggi sono 16 mesi che faccio questo lavoro.

scritto da in Io mamma?, Sport

2 commenti

Diciamo che ci ero arrivata da sola e poi ne ho avuto la conferma: dopo una gravidanza uno dei trucchi per tornare in forma è il proprio bambino. In che senso? Diciamo che prendersi cura di lui comporta un oneroso dispendio di energie. E poi c’è la casa che dev’essere sempre in ordine perchè c’è gente che va e viene per conoscere il nuovo arrivato. La spesa, il bucato… ma non basta, i kg di troppo continuano ad essere presenti. Cosa ci potrebbe aiutare?

Senza andare lontanissimo, una delle attività che credo mi aiuterà a tornare nei miei vecchi vestiti (che ho dovuto accantonare perchè non ci entro proprio, tra tette da mucca e fianchi incicciti) è scorazzare la mia cucciola nella carrozzella. Il programma per il momento vede una bella passeggiatona mattutina da 1,5-2 ore fatta di salite e discese ovviamente all’ombra così la piccola respira ossigeno fresco e la sottoscritta rassoda il fondoschiena. E come si sente che fa effetto. Considerate che la mia cucciola pesa circa 5 kg e il suo “abitacolo” supera la decina. Ci sono le ruote, sì, ma pesa comunque. Ah, anche i bicipiti ringraziano.

Poi ho scoperto su internet che c’è una vera e propria ginnastica per le mamme, il MammaFit, “un programma di allenamento dedicato alle neo-mamme che possono esercitarsi in compagnia dei propri bambini. E’ una ginnastica basata su esercizi di allungamento e tonificazione con l’ausilio della carrozzina, passeggino o marsupio che diventa parte integrante della lezione.” Figherrimo!

Per esempio, guardiamo un po’ cosa si può fare con il pupo nel marsupio:

|| Read more