Articoli Taggati ‘pubblicità’

Primavera in TV

Mag
2009
12

scritto da in Cinema & TV, Il mondo della Pubblicità, Nostalgia del passato

1 commento

Siamo in piena primavera… e come cambiano le stagioni cambiano anche gli spot in TV.

Com’erano gli spot televisivi primaverili negli anni ’80?


(Primavera 1988 – Raidue – bumper incluso – n.b. lo spazio pubbicitario era di 2 minuti contro i circa 5 di oggi)

|| Read more

scritto da in Fashion & Trends, Questa è la mia Vita

9 commenti

Partecipo per la seconda volta con la Promodigital ad una campagna di buzz marketing. E la cosa mi diverte molto. Mi piace testare un prodotto e dire la mia. La prima volta è toccata ad uno spazzolino elettrico. Oggi tocca ad un profumo: la fragranza Omnia Green Jade di Bulgari.

Aperto il pacco, mi ritrovo 3 scatolette: una con il profumo da 40 ml, una con un mini-profumo e una mini-crema per il corpo e una con una pochette per il trucco, il tutto firmato Bulgari.

Apro la scatola del profumo. Il design del flacone è molto particolare… meno male che ci sono le istruzioni sulla scatola perchè non riuscivo a capire come si utilizzasse. || Read more

scritto da in C'è Vita a Matera, Cose Serie, Il mondo della Pubblicità

29 commenti

E’ sera. Ora di punta in televisione. L’ora in cui per essere trasmessi per 30 secondi su RaiUno si pagano migliaia di euro. E cosa vedo? La Basilicata? Non ci posso credere… la mia Regione in una pubblicità su RaiUno! Guardo le immagini sfuggenti della Cattedrale di Matera, del Volo dell’Angelo, del Cristo di Maratea e di una montagna anonima. Lo spot si chiude con l’inquadratura di un paio di salsicce…

Posso dirvi con sincerità ciò che penso di questo spot? Premettendo che sono felice che finalmente qualcuno in Lucania creda nella pubblicità televisiva, penso che questi 30 secondi, costati, si dice, 100.000 €, hanno poca efficacia comunicativa! Insomma… ‘sto spot non mi piace proprio!!! || Read more

La figlia perfetta?

Feb
2009
18

scritto da in Il mondo della Pubblicità

1 commento

So’ bambini sì, ma fino ad un certo punto…