Articoli Taggati ‘tumore’

Pink power!

Ott
2010
18

scritto da in Cose Serie

Nessun commento

(Questo blog aderisce ad un’iniziativa a blog unificati, ideata da Chiara e Carolina, in favore della Campagna Nastro Rosa)

Da 21 anni ottobre è il mese della Campagna Nastro Rosa, dedicata alla prevenzione del tumore al seno. Questa campagna ha come obiettivo quello di sensibilizzare un numero sempre più ampio di donne sull’importanza vitale della prevenzione e della diagnosi precoce dei tumori della mammella, informando il pubblico femminile anche sugli stili di vita correttamente sani da adottare e sui controlli diagnostici da effettuare.

In tutto il mondo occidentale, putroppo, il tumore al seno è il primo tumore femminile per numero di casi e la sua incidenza è in costante aumento, tanto da essere considerato alla stregua di una vera e propria malattia sociale. In Italia si calcola che nel 2010 i nuovi casi di tumore alla mammella saliranno a circa 42mila. Sconfiggere la malattia è possibile nella stragrande maggioranza dei casi, grazie soprattutto alla prevenzione e all’anticipazione diagnostica.

Per ogni donna la prevenzione deve essere sinonimo di promozione del proprio benessere, della propria salute, ma anche della propria bellezza.

Durante il mese di ottobre gli oltre 390 Punti Prevenzione (ambulatori) LILT, la maggior parte dei quali all’interno delle 106 Sezioni Provinciali della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, saranno a disposizione per visite senologiche e controlli clinici strumentali. Per conoscere giorni e orari di apertura dell’ambulatorio LILT più vicino, in cui effettuare anche esami di diagnosi precoce e controlli, si può chiamare, per informazioni, il numero verde SOS LILT 800-998877 o consultare i siti www.nastrorosa.it o www.lilt.it dove saranno pubblicati anche gli eventi organizzati nelle varie città italiane nel mese di ottobre.

Quest’anno l’Italia intera si tingerà di rosa, colore simbolo della lotta contro il tumore al seno. Una luce rosa, infatti, unirà idealmente la nostra Penisola dal Nord al Sud, con tanti monumenti, edifici e statue che resteranno illuminati per una o più notti a testimoniare che, grazie a un’efficace e corretta prevenzione, questa malattia tumorale si può, e si deve, vincere! E come in Italia, anche in tutto il resto del mondo si accenderanno di luce rosa location famosissime e prestigiose, quali l’Empire State Building (New York, USA), le Cascate del Niagara (Ontario, Canada), Opera House (Sidney, Australia), la Torre 101 (Taipei, Taiwan), il Ponte di Nan Pu (Shangai, Cina), la Torre di Tokyo (Tokyo, Giappone), l’Arena di Amsterdam (Amsterdam, Olanda).

(Testo tratto dal comunicato stampa della campagna)

Insomma, come si dice, “prevenire è meglio che curare” (cit.).

scritto da in Cose Serie

9 commenti

In questi giorni la blogosfera è invasa dalla tematica dell’aborto e delle legge 194. Io invece vorrei raccontarvi la storia di una ragazza che ha rinunciato a curarsi un tumore per dare la luce a sua figlia e che ora è morta.


(foto by hank73)

E’ la storia di Tonia, una ragazza della provincia di Napoli, che dopo tre anni di matrimonio con Nicola nel giro di 3 mesi ha due notizie: a settembre 2005 scopre di avere un tumore, a dicembre scopre di essere incinta di tre mesi. Tonia decide di portare avanti la gravidanza e di posticipare la chemioterapia a cui i medici dovevano sottoporla. A giugno 2006 nasce Sofia. “La mia scelta” dice Tonia al settimanale Oggi “non è stata dettata esclusivamente dalla fede, ma dalla razionalità: sentivo che la bambina sarebbe stata la medicina più efficace. Un malato di cancro deve trovare qualcosa di forte cui appigliarsi. Mamma coraggio io? No, non è giusto chiamarmi così: è stata mia figlia a dare coraggio a me”.

Ora Tonia non c’è più. Ma c’è Sofia, una bellissima bambina di un anno e mezzo che ha regalato a sua madre i 18 mesi più belli della sua vita, pur imperversati da atroci sofferenze.

[tags]aborto, vita, tumore, cancro[/tags]